Ted McCarty e Gibson's Golden Age

Comparte este artículo en

Ted McCarty è il grande uomo nella storia di Gibson, sotto la sua direzione l'azienda ha vissuto la sua età dell'oro dove ha lanciato tutti i modelli Gibson emblematici.


Ted McCarty, "Leo Fender" di Gibson

Sebbene il nome famoso sia Gibson, dal liutaio Orville Gibson, e Les Paul, dal musicista che ha dato il nome al modello di chitarra classica del liutaio tradizionale, che in realtà era il creatore di Gibson, come il ci vediamo oggi, è Ted McCarty.

Parlare della vita di Theodore M. McCarty, meglio conosciuto come Ted McCarty, sta praticamente parlando della storia dell'età dell'oro di Gibson. Ted diresse l'azienda tra il 1948 e il 1966, ed è stato lui a introdurre il marchio nel mondo delle chitarre elettriche solid body.

Come Leo Fender, Ted non era un chitarrista, ma era responsabile di tutti i progetti e le versioni delle chitarre e dei bassi classici di Gibson, come i modelli Les Paul, ES-335, Flying V, Explorer, Firebird e SG.

Ted McCarty con Les Paul in Fable di Gibson
Ted McCarty con Les Paul alla fabbrica Gibson

Come se non bastasse, nei suoi ultimi anni di vita è stato consulente e consigliere nientemeno che di Paul Reed Smith, che, rendendo omaggio al suo mentore, ha creato il modello PRS McCarty.

Vediamo l'affascinante storia del vero "Gibson Man".


Storia di Ted McCarty, il grande inventore


Wurlitzer: la tua prima esperienza nell'industria musicale

Ted nato a Somerset, Kentucky il 10 ottobre 1909 era un ingegnere. Entrò nell'industria musicale con Wurlitzer nel gennaio 1936, all'età di 26 anni.

Wurlitzer di Cincinnati era un produttore di successo di organi e altri strumenti chiave, oltre che di giradischi. Ted lavorava facendo tutto, ma le sue funzioni principali erano commerciali, che avevano poco a che fare con la sua professione. Ha viaggiato attraverso gli Stati Uniti con la sua famiglia, vivendo in 8 diverse città mentre lavorava per l'azienda.

Pianoforti elettronici Wurlitzer 200 e 206
Pianoforti elettronici Wurlitzer 200 e 206

McCarty in un'intervista ha spiegato che non lo voleva per il suo futuro. La sua intenzione era quella di uscire dall'industria musicale, quindi ha iniziato a cercare un lavoro legato alla sua professione di ingegnere. Quindi, il primo. Gennaio 1948, lasciò Wurlitzer.  


Gibson: risoluzione dei problemi di Kalamazzo

Ted stava aspettando di essere confermato per un lavoro come assistente tesoriere per la Brock Candy Company, quando Friedrich Gretsch, proprietario dell'omonima azienda di strumenti, ha parlato con Maurice Berlin, proprietario e fondatore di Chicago Musical Instruments (CMI), la società proprietaria da Gibson per offrire a Ted un lavoro. Berlin gli chiese se era disposto ad andare a Kalamazoo e trascorrere una settimana o più in fabbrica, studiare la situazione e dargli un rapporto sul motivo per cui Gibson stava perdendo soldi.

Ex fabbrica Gibson a Kalamazoo.
Vecchia fabbrica Gibson a Kalamazoo

Ted acconsentì, così fece e trascorse del tempo in fabbrica parlando a lungo con John Huis, che allora era il caposquadra nel reparto finitura. Il loro rapporto concludeva che la compagnia aveva troppi capi e pochi indiani. Ha sottolineato il morale basso del personale a causa del pessimo rapporto dei dipendenti con il CEO Guy Hart, che tutti i dipendenti hanno definito "HDP" secondo lo stesso McCarty

Il proprietario di Gibson, Berlino, rimase colpito dal rapporto di Ted, così si offrì di lavorare alla gestione della fabbrica con la promessa: "Se puoi cambiare casa e realizzare un profitto, ti nominerò presidente della società". Ted accettò la proposta, questo fatto avrebbe segnato la storia della chitarra elettrica, iniziò l'età d'oro di Gibson.


L'inizio dell'età dell'oro di Gibson: Ted McCarty inizia a gestire la fabbrica di Kalamazoo

Gibson Les Paul del 1952 e Gibson 40 Amp
Gibson Les Paul del 1952 e Gibson 40 Amp

Gibson aveva smesso di produrre strumenti durante la seconda guerra mondiale perché le restrizioni governative sull'acciaio impedivano l'installazione di trussrod – tenditori o reti – quindi la società aiutò nello sforzo bellico. Dopo la guerra, Gibson stava lottando per tornare a fare chitarre, e quando Ted si unì il 15 marzo 1948, iniziò immediatamente a ristrutturare l'amministrazione e migliorare l'ambiente di lavoro.

A maggio, due mesi dopo, Gibson stava già guadagnando di nuovo. Guy Hart, il direttore generale, si è dimesso a novembre e John Huis è stato promosso sovrintendente. Ted fu nominato vicepresidente esecutivo nel giugno 1949 e poi presidente un anno dopo. Le cose rimasero così fino a quando non se ne andò nel 1966 con Gibson che operava sempre in profitto. Tuttavia, in un'intervista McCarty ha spiegato che oltre al suo titolo di lavoro, ha diretto l'azienda dal primo giorno in cui è arrivato a Gibson.

Unirsi a Gibson ha dato a Ted l'opportunità di tornare alle sue radici ingegneristiche. Il suo senso degli affari era ovvio, ma quando guardiamo alle parti e ai modelli che Ted ha progettato o promosso, i suoi successi come innovatore di chitarre sono impressionanti.


Perché Gibson ha progettato la Les Paul?

Nel 1950, Leo Fender pubblicò la prima chitarra di produzione, la Esquire. Secondo Ted, Leo ha copiato l'idea della chitarra che Paul Bigsby ha costruito per Merle Travis.

Chitarra a corpo solido che Paul Bigsby ha costruito per Merle Travis.
Chitarra a corpo solido che Paul Bigsby ha costruito per Merle Travis

Ted e il suo team alla Gibson si sono resi conto che Fender stava guadagnando popolarità. Quindi McCarty ha detto: "Dobbiamo entrare in questo business. Gli stiamo dando libero sfogo, è l'unico che fa quel tipo di chitarra ". Così hanno deciso di creare la loro chitarra solid body. Trascorsero un anno lavorando al modello che in seguito sarebbe stato chiamato "Les Paul".


Gibson Les Paul (1952): la prima chitarra solid body del marchio


Sviluppo della Gibson Les Paul

Per prima cosa, hanno dovuto imparare a conoscere le chitarre solid body, sono diverse dalle chitarre rullanti. Costruiti in modo diverso, suonano e rispondono in modo diverso.


Testare i materiali per la chitarra, sia in ferro che in legno

McCarty dice che hanno fatto un test con un binario in ferro. Hanno montato un ponte, un pickup e una cordiera. "Potresti colpire quella corda, fare una passeggiata, tornare indietro, e sarebbe ancora suonare", ha detto Ted. Poi hanno fatto chitarre in acero, che erano troppo rumorose e sostenute. Poi hanno fatto una chitarra in mogano che era troppo morbida, "non ce l'aveva". Quindi, alla fine hanno fatto una combinazione, hanno fatto tutto in mogano con un top o un top in acero.

Gibson Les Paul Gold Top 1952
Gibson Les Paul Goldtop del 1952

Design a forma di chitarra

Così hanno iniziato a disegnare la forma della chitarra. Volevano qualcosa che non fosse troppo pesante. Quindi hanno realizzato un corpo un po 'più piccolo del Fender con una forma tradizionale.

Siccome avevano sempre fatto chitarre con la parte superiore curva -intagliata- e, inoltre, approfittando del fatto che avevano macchine precise per farle in quel modo, sapendo che Leo Fender non le aveva e non poteva farle, decisero che le avrebbero fatte in quel modo per differenziarsi dalle nuove chitarre. Parafango.

La chitarra era stata progettata senza che Les Paul ne fosse a conoscenza. Il lavoro è stato svolto interamente da Ted e dal suo team di ingegneri, il Gibson Think Tank.

Il modello lanciato nel 1952 fu Goldtop, due anni dopo, nel 1954, la "Black Beauty", la Gibson Les Paul Custom nera, si unì alla linea. Intorno al 1958 uscì la prima Les Paul Sunburst Cherry e nel 1959 uscirono con vistosi top fiammati, per questo motivo le "Bursts", come vengono chiamate le chitarre di quest'epoca, dal 1959 sono considerate il "Santo Graal". "o il Santo Graal della Gibson Les Paul Standard.


Fase di test del prototipo

McCarty afferma che dopo averlo testato da diversi chitarristi e aver ricevuto buoni rendimenti in termini di prestazioni ed estetica, hanno dovuto trovare una buona scusa per produrlo e venderlo. I chitarristi tradizionali erano chitarristi acustici e, come altri liutai, sembravano semplici e rustici. "Chiunque abbia un loop e un router può realizzare una chitarra solid body" era la frase che dicevano altri produttori.


L'apparizione di Les Paul, l'uomo perfetto
Mary Ford e Les Paul con due chitarre Gibson.
Mary Ford e Les Paul con due chitarre Gibson

Ted sapeva che Les aveva costruito una chitarra solid body chiamata "El Leño" o "The Log". Inoltre, Les Paul e sua moglie, Mary Ford, erano la sensazione del momento, con molta visibilità. Fu così che Ted McCarty portò la "Solid Guitar" al chitarrista, che rimase impressionato e accettò di nominarla in cambio della riscossione dei diritti d'autore, che ammontavano a un dollaro per ogni chitarra venduta.


Influenza di Les Paul sul design

Secondo un'intervista del 1992 con Ted McCarty, l'unico input della Les Paul era nel design della lunga cordiera. Les Paul, ha proposto che invece di avere le corde agganciate alla cordiera – come la tradizionale cordiera a trapezio Gibson -, mettesse una solida barra d'acciaio "avvolta intorno".

El Leño o "The Log" di Les Paul
El Leño o "The Log" di Les Paul


Ted McCarty, il vero inventore di Gibson

Ma il contributo di Ted non è stato solo quello di mettere Gibson nel mondo delle chitarre elettriche solid body, ma anche di creare tutti i modelli, sì, assolutamente tutti i classici modelli di produzione standard dell'azienda.

Così, il 1958 fu un anno iconico per Gibson. Lancio dei modelli ES-335 e dei loro fratelli maggiori ES-345 ed ES-355, e del futuristico Flying V ed Explorer. Successivamente, nel 1960, con la sospensione della Les Paul a causa del calo delle vendite, lanciò il modello più venduto nella storia dell'azienda, la Gibson SG. Infine, nel 1963, ha rilasciato la Firebird, in questo modo, tutti i modelli classici di chitarra elettrica Gibson nella storia sono stati creati e rilasciati sotto la direzione del genio di Ted McCarty.

Allo stesso modo, nell'era McCarty, Gibson pubblicò il primo basso elettrico solid body, l'EB-1, e anche il più riuscito, l'EB-3 noto anche come basso elettrico "SG".

Inoltre, durante il tempo di Ted McCarty come presidente della società, la prima doppia bobina è stata sviluppata anche da un ingegnere Gibson, Seth Lover. Oggi l'humbucker di quel tempo è noto per l'etichetta che vi era attaccata che informava che il brevetto era in fase di registrazione, il famoso "PAF"Patent Applied For-. Fu progettato anche il ponte di punta di Gibson, il Tune-O-Matic.


I migliori modelli Gibson rilasciati sotto la direzione di Ted McCarty

Oltre alla leggendaria Gibson Les Paul Standard, che abbiamo già visto in dettaglio, vedremo i principali modelli di strumenti rilasciati durante l'era McCarty, l'epoca d'oro di Gibson.


Gibson EB-1 (1953): il primo basso elettrico di Gibson

Gibson EB-2, il primo basso elettrico. del marchio, lanciato nel 1953, sotto la presidenza di Ted McCarty.
Gibson EB-1 bass, il primo basso elettrico del marchio

Inizialmente chiamato semplicemente "basso elettrico", il Gibson EB-1 che sta per "Electric Bass 1", è stato il primo basso elettrico del marchio. La sua uscita fu nel 1953, in risposta al successo del Fender Precision Bass. Piuttosto che progettare il corpo basato su quello di una chitarra elettrica, è stato progettato per assomigliare a un contrabbasso.

Ha un corpo solido e ha una "f" -f-fori– sul coperchio. Costruito in una scala corta da 30,5 pollici.

Ti farà sicuramente ricordare l'Höfner 500/1 conosciuto come il "Violin Bass" che Paul McCartney ha usato. È importante notare che l'Höfner è stato lanciato due anni dopo, nel 1955, quindi è probabile che il suo design sia stato influenzato dall'EB1.

La produzione dell'EB-1 terminò nel 1958, quando Gibson lo sostituì con l'EB-2, rilasciato quello stesso anno, e il successivo EB-0, pubblicato nel 1959.

Gibson EB-2, il secondo basso elettrico. Condivide il design dell'ES-335. Rilasciato sotto la presidenza di Ted McCarty.
Gibson EB-2 bass pubblicato nel 1958


L'EB2 segue la linea di design dell'ES-335, entrambi sono stati rilasciati nello stesso anno, il 1958, e l'EB0 presenta la stessa estetica della Les Paul Junior a doppio taglio. A partire dal 1961, con l'uscita dell'SG e del basso EB-3, che avevano la stessa forma del corpo della chitarra, l'EB-0 assume anche la forma del corpo della SG. La differenza tra i due bassi è che l'EB-3 include un pickup al ponte aggiuntivo e un circuito elettronico più versatile.

Gibson EB-0, il terzo basso elettrico. Condivide il design della Les Paul Junior Double-cut. Rilasciato sotto la presidenza di Ted McCarty.
Gibson EB-0 bass pubblicato nel 1959


Gibson ES-335 (1958): il primo semi hollow

Gibson ES-335, progettato da Ted McCarty.
Chitarra Gibson ES-335

Nel 1958 fu lanciata la Gibson "Dot" ES-335 come scelta intermedia tra il corpo solido della Les Paul e quello dei corpi cavi come l'ES-175. L'obiettivo era quello di ottenere un suono più dolce, morbido e rotondo, con le sfumature di una chitarra hollow body eliminando – o almeno riducendo – il problema del feedback o accoppiamento e sustain.

Questa nuova chitarra era più versatile e avvolgente, adattandosi allo stesso modo ai musicisti jazz, blues e rock. Tieni presente che anche allora c'erano molti chitarristi tradizionali che resistevano ancora all'uso di chitarre solid body.

Sebbene l'ES-335 abbia un aspetto in qualche modo tradizionale, il suo concetto di design era molto nuovo per l'idea di mettere la solida barra d'acero nel mezzo.

Durante quel periodo furono rilasciate anche le versioni più lussuose, ES-345 ed ES-355.


Gibson Flying V ed Explorer (1958): la linea futuristica

Gibson Flying V '59 ed Explorer '59, disegnati da Ted McCarty.
Gibson Flying V '59 ed Explorer '59

Gli affari andavano bene nel 1956, ma Fender aveva lanciato la Stratocaster nel 1954, un modello innovativo, e Ted, un marketer, sapeva che le chitarre Gibson erano viste come antiquate, troppo "tradizionali" dal mercato. Per rinnovare la visione del marchio, ha fatto una mossa audace.

Nel luglio 1957, Gibson ha introdotto una linea rivoluzionaria di modelli di chitarra, progettata dallo stesso McCarty, chiamata Modernistic Series al NAMM. Comprendeva tre modelli, il Flying V, l'Explorer e il Moderne. Che erano fatti di korina, un legno noto anche come limba. La korina proviene dall'Africa occidentale, simile per aspetto e proprietà al mogano, sebbene più chiara e gialla, e che la Società aveva già utilizzato per il suo acciaio da taglio hawaiano.

Infine, sulla base della risposta del pubblico, il Flying V e l'Explorer furono lanciati nel 1958, lasciando il Moderne un mero progetto. Non ebbero successo commerciale allora, erano modelli troppo avanti rispetto ai loro tempi, il loro design era audace e audace e pochi anni dopo furono interrotti. Successivamente, per mano di chitarristi heavy metal, che li adottarono, entrambi i modelli furono rilanciati.


Gibson SG (1961): l '"evoluzione" della Les Paul

Gibson SG Type 1961 con Vibrola
Gibson SG Type 1961 con Vibrola

Nel 1960, le vendite della Les Paul erano diminuite. Probabilmente a causa del mogano non così leggero, le nuove unità erano pesanti e viste come chitarre "troppo tradizionali" per non dire datate. Così, alla fine degli anni '60, Gibson fece un altro gioco forte.

Rilasciata "la nuova Les Paul" con un concetto più moderno. Un corpo a doppio corno più sottile e leggero e uno straordinario accesso ai tasti alti. Questo modello è stato pubblicizzato come l'evoluzione della Les Paul, che non era più apprezzata dal mercato.

Tuttavia, la Les Paul non ha gradito il modello, motivo per cui ha chiesto che il suo nome fosse rimosso da quel modello. Allo stesso tempo, il musicista stava divorziando da sua moglie, che era anche la sua partner artistica, e questo aveva avuto un impatto sulla popolarità del chitarrista. Alla scadenza del contratto di royalty nel 1962, di comune accordo tra le parti, non fu rinnovato. Così, la "nuova Les Paul" è stata semplicemente chiamata SG, che è la sigla di "Solid Guitar" -solid guitar-.

La Gibson SG Standard è stata costruita ininterrottamente dalla fine degli anni '60, sebbene il numero di punta utilizzato sia il 1961 per le ristampe, fino ad oggi. Inoltre, è il modello di chitarra più venduto del marchio.


Gibson EB-3 (1961): il basso di maggior successo del marchio

Gibson EB-3, il basso elettrico di maggior successo del marchio.

Senza dubbio, il Gibson EB-3 è il basso più famoso e leggendario del marchio, passando per le mani di superstar dell'epoca come Jack Bruce, dei Cream, nientemeno. La novità rispetto all'EB-0, che ha anche preso la stessa forma, è che un pickup mini-humbucker è stato aggiunto all'EB-3 nella posizione del ponte, espandendo la circuiteria con due potenziometri di tono e volume e un interruttore a quattro vie. posizioni. Il suo successo è stato clamoroso, EB-3 ha raddoppiato le vendite dei suoi predecessori di maggior successo.


Gibson Firebird (1963): il primo neckthru

Gibson Firebird, modello lanciato durante la presidenza di Ted McCarty
Gibson Firebird

La Gibson Firebird è probabilmente il modello più unico del marchio. Il manico è neck-through-body, ovvero lo stesso pezzo occupa l'intera lunghezza dello strumento nella sua parte centrale, andando dalla paletta all'estremità del corpo. Inoltre, la maniglia è laminata con nove strati di mogano e noce. Un'altra particolarità che lo differenzia dal resto è che viene fornito con mini pickup humbucker, che erano comuni nelle chitarre Epiphone, ma non così in Gibson. Infine, il Firebird presenta una paletta invertita.

Sotto la direzione di Ray Dietrich, un designer di automobili, il design è stato preso in prestito dalla Gibson Explorer e aveva i bordi "arrotondati". L'obiettivo era competere con i modelli Fender Jazzmaster e Jaguar, le cui uscite risalgono rispettivamente al 1959 e al 1962.

Secondo Leo Fender, il design della chitarra era stato copiato dal modello Jazzmaster. Di seguito puoi vedere i corpi delle chitarre e vedere le somiglianze di design.

La Gibson Firebird rispetto alla Gibson Explorer e alla Fender Jazzmaster.
La Gibson Firebird rispetto a Explorer e Fender Jazzmaster.


Altri modelli Gibson rilasciati nell'era McCarty

Sopra descriviamo i principali modelli di chitarra e basso rilasciati durante la Golden Age di Gibson, l'era McCarty. Ma ce n'erano altre, non meno emblematiche, come le versioni economiche o da studio come la Gibson Les Paul Junior, la Gibson Les Paul Special, la Gibson Melody Maker e la Gibson SG Junior. C'è anche l'iconica Gibson EDS-1275, questa chitarra a doppio manico o doppio manico è stata rilasciata nel 1962. In fondo c'è il Thunderbird, con un corpo a forma di Firebird.

Gibson Les Paul Junior, Special, Melody Maker, SG Junior, Thunderbird. Altre uscite dell'era McCarty.


Gibson acquista Epiphone (1957)

A quel tempo, il secondo marchio dell'azienda oggi era un concorrente diretto con standard di qualità simili. In effetti, il chitarrista Les Paul, prima dell'accordo con la Gibson, era un endorser di Epiphone, usando le loro chitarre e aveva persino costruito "The Log" nel loro stabilimento.

Orphie Stathopoulo, proprietaria di Epiphone, voleva vendere l'azienda. Ted gli fece sapere che Gibson sarebbe stato interessato. Nel 1957, Gibson acquistò il nome Epiphone e le sue attività, macchine e azioni. La fabbrica Epiphone a New York e Philadelphia è stata chiusa. Gibson ha preso tutti i beni da queste strutture e li ha portati a Kalamazoo


Gibson inizia a produrre strumenti Epiphone (1960)

Inizialmente, non era nei piani di Gibson continuare a costruire strumenti con il marchio Epiphone. Fu solo dopo che tutto fu installato nei locali in affitto a Kalamazoo che Ted scoprì che avevano anche tutti i modelli di chitarra di Epi. Convocando un incontro con Maurice Berlin, è stato deciso che Gibson poteva ora iniziare a produrre chitarre e bassi Epiphone

Uno dei motivi per farlo era che Gibson gestiva un programma di franchising in base al quale a ciascuno dei distributori veniva assegnata una zona esclusiva. In questo modo c'erano dei buoni distributori a cui non si poteva vendere quando c'era già un distributore ufficiale nella tua zona. Ma con i nuovi prodotti Epiphone, ora puoi invece vendere strumenti Epi a quei rivenditori. Fu così che la Società iniziò anche a commercializzare i prodotti del suo ex concorrente.

Epiphone Casino
Epiphone Casino

Intorno al 1960, tutti i modelli Epiphone furono prodotti negli stabilimenti Gibson e tale era la qualità che erano in diretta concorrenza. Fu solo dopo l'acquisizione dell'azienda da parte di Norlin e la partenza di Ted McCarty che il marchio Epiphone fu utilizzato per le chitarre più economiche prodotte all'estero.


Fine dell'età dell'oro di Gibson (1965/1966)


Perché Ted McCarty ha lasciato Gibson?

Ted ha spiegato in un'intervista che si sentiva come se volesse andare, dal momento che poteva vedere che avrebbe avuto un problema con "una certa parte", e non voleva passare attraverso tutto questo. Secondo Fred W. Gretsch, McCarty non era soddisfatto dei cambiamenti nella gestione alla CMI, il proprietario di Gibson.


Ted McCarty acquista Bigsby Accesories (1965)

Paul Bigsby e Ted McCarty avevano un buon rapporto, probabilmente erano amici. Gibson era un grande cliente di Bigsby ed è stato il primo produttore a mettere Bigsby su chitarre fabbricate in fabbrica. Inoltre, Ted adorava il suo tremolo, anche se aveva un reclamo: la leva fissa era sempre nel modo della mano di un chitarrista. 

Pertanto, McCarty ha progettato una nuova versione con un braccio che può essere bilanciato e quindi rimanere fuori dalla portata della mano quando non in uso. All'epoca, Gibson era un enorme acquirente di Bigsby e il design apparteneva a McCarty, quindi ad altre società come Gretsch fu vietato l'acquisto del modello di forcellone Bigsby

McCarty ha stretto un accordo con Bigsby per consentire ad altri produttori di utilizzare la leva del bilanciere sulle loro chitarre se Gibson potesse acquistare i tremoli con uno sconto. I due formarono uno stretto legame, che in seguito avrebbe consentito la vendita dell'azienda a Ted.

Gibson Les Paul Goldtop del 1956 con ponte tremolo Bigsby.
Gibson Les Paul con ponte tremolo Bigsby.

Era il 1965, Ted aveva 56 anni, quando parlò con Paul che gli offrì la sua azienda per poter andare in pensione, visto che aveva già 65 anni e aveva qualche problema di salute. Paul voleva che McCarty lo comprasse per lui, perché voleva qualcuno che stimasse l'azienda tanto quanto lui, cosa che non sarebbe accaduta se l'avesse venduta a una Corporation come Gibson. Ted accettò di acquistare la loro attività e rimase a Gibson finché non riuscirono a trovare un sostituto per lui. Così, l'età dell'oro di Gibson stava volgendo al termine.


Magazzino dell'era McCarty a Gibson

Durante i 18 anni di Ted con l'azienda, è cresciuto in modo esponenziale. Ha introdotto con successo Gibson nel business delle chitarre e dei bassi elettrici solid body con più di 20 lanci di diversi modelli di chitarre e bassi elettrici, dimostrando così la sua infinita capacità di progettazione, creazione e invenzione. Ma McCarty non era solo un grande creatore, chiaramente, era anche un uomo d'affari con un grande senso degli affari.

Se guardi i modelli attuali della linea, vedrai che praticamente tutti furono rilasciati durante l'era McCarty.

Tutti i modelli attuali sono stati rilasciati nell'era McCarty
Tutti i modelli attuali sono stati rilasciati nell'era McCarty


La fase degli accessori Bigsby

L'acquisto di Bigsby è avvenuto insieme a John Huis, che al momento dell'acquisto era il vice presidente di Gibson. Con l'acquisizione dell'azienda, la produzione di Bigsby si è trasferita dalla California a Kalamazoo. Dopo un inizio difficile e perdente alla fine degli anni '60, i due ex uomini di Gibson riuscirono a farcela. 

Ted ha finito per passare più del doppio del tempo con Bigsby che con Gibson. Lui e John Huis si sono anche ramificati, acquistando una società chiamata Flex-Lite che produceva luci speciali e, a volte, hanno dovuto utilizzare i profitti di Flex-Lite per mantenere a galla Bigsby.

Nel 1999, all'età di 89 anni, Ted andò in pensione e vendette l'azienda a Fred W. Gretsch, figlio del fondatore e attuale proprietario di Gretsch Guitars.


Consulenza e consulenza a Paul Reed Smith – PRS

Un riflesso della mancanza di riconoscimento di Ted McCarty è che Paul Reed Smith sapeva di lui perché la maggior parte dei brevetti di chitarra aveva il nome di Leo Fender o Ted McCarty.

A quel tempo, PRS era una piccola fabbrica che stava appena iniziando a scalare la produzione. Prima di allora, Paul aveva lavorato per anni come liutaio realizzando chitarre personalizzate, come quella che aveva realizzato per Carlos Santana nel 1980.

Ted McCarty allo stabilimento PRS insieme a Paul Reed Smith.
Ted McCarty allo stabilimento PRS insieme a Paul Reed Smith.

Paul voleva sapere come lavoravano alla Gibson negli anni '50. Come hanno incollato i cappucci, come si avvolgono i pickup, che tipo di colla hanno usato per i tasti e come li hanno incollati, come hanno livellato le tastiere, come le ha asciugate, come ha incollato i manici, voleva sapere tutto su Gibson.

Così, nel 1986, Ted ricevette una telefonata da Paul che gli offrì un lavoro di consulenza. Dato che McCarty era cieco, non poteva viaggiare, quindi Paul volò incontro a lui e trascorse una settimana con Ted nella sua residenza a Maui, Hawaii, e da lì i due stabilirono un'amicizia duratura.


Ted McCarty, il creatore ignorato

È ironico che, dopo essere stato l'uomo più importante di Gibson e responsabile dell'età dell'oro di Gibson, lo sviluppo di tutte le chitarre elettriche più iconiche della compagnia, l'unica chitarra a portare il suo nome sia una Paul Reed Smith.

Smith dice che "la terza volta – che ci siamo incontrati – era molto turbato, e gli ho detto – 'cosa c'è che non va Ted? -'Nessuno mi ha fatto queste domande in 20 anni, vuoi sapere come incollare i tasti '- ha detto, -Vuoi sapere come abbiamo fatto i corpi, vuoi sapere come abbiamo fatto tutte queste cose' ha completato.

Paul ha espresso: "Penso che lui – Ted – fosse sconvolto dal fatto che una certa compagnia avesse sottovalutato quello che avevano fatto".

La PRS McCarty, secondo Paul, è la chitarra disegnata da Ted -la Les Paul-, con l'aggiunta del double-cut -double cut-.

PRS McCarty 594, in omaggio a Ted.
PRS McCarty 594


Death and Legacy of Ted McCarty (2001)

Ted non suonava la chitarra, ma il suo status di ingegnere e le sue capacità imprenditoriali gli hanno permesso di creare un nuovo mondo, il mondo Gibson. Ha dato ai chitarristi strumenti il cui valore principale era la qualità e l'innovazione prima di tutto.

Ted è morto nell'aprile 2001, all'età di 91 anni. La sua eredità, temporaneamente dimenticata e rispolverata dal grande Paul Reed Smith, sarà sempre ricordata.

Ted McCarty era per Gibson quello che Leo Fender era per Fender.


Puoi condividere opinioni o chattare su questo e anche con altri musicisti nel nostro forum: https://guitarriego.com/foro/

Seguici anche su Instagram @guitarriego o Facebook: https://m.facebook.com/guitarriego/


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *