Orville Gibson: la storia del fondatore di Gibson Guitar Corporation

Orville Gibson: la storia del fondatore di Gibson Guitar Corporation
Condividi questo articolo su

Storia di Orville Gibson, vita dell’innovativo liutaio fondatore del più tradizionale produttore di chitarre elettriche al mondo.

Orville Gibson e la sua storia segreta

Quando abbiamo iniziato questa recensione abbiamo notato la scarsità di informazioni che esistono sul creatore di uno dei marchi di chitarre elettriche più importanti al mondo. Anche il sito web di Gibson ha solo un breve riassunto del suo fondatore, Orville H. Gibson.

Sebbene sia nato nel XIX secolo e i documenti esistessero già, è stato necessario un grande sforzo per poter raccogliere le poche informazioni esistenti. Esplora la documentazione dell’epoca, la bibliografia poco affidabile e analizza il contesto della vita di Orville Gibson. Dopo qualche tempo, arriviamo a questo articolo, che è senza dubbio il più completo e serio che troverete.

La nascita e la famiglia di Orville Gibson

Orville H. Gibson, nacque il 21 agosto 1856 a Chateguay, Contea di Franklin, Stato di New York, negli Stati Uniti d’America. Una piccola città fondata quasi cinquant’anni prima che Gibson venisse al mondo.

Orville era il settimo figlio di Emma Gibson Nichols e il quinto dall’unione con John W Gibson. Emma è nata in una città dello stato di New York chiamata Perù.

Gli inizi di Orville Gibson nel mondo della liuteria

Poco o nulla si sa di come o dove Orville Gibson abbia acquisito la sua conoscenza della liuteria. Qualcosa che richiede manualità e qualche dettaglio. Anche se si legge spesso che ha lavorato come calzolaio, era in realtà un “commesso” nel negozio di Arthur P. Sprague. Forse parallelamente ai suoi inizi, poiché si dimise nel 1891, e i primi strumenti prodotti da Orville risalgono al 1893.

Sede e laboratorio di Orville H. Gibson.

Quello che si sa è che Gibson era già un ottimo chitarrista all’età di 20 anni e anche un cantante. Aveva una voce baritonale. Ha recitato in una serie di spettacoli con un piccolo gruppo teatrale comunitario a Kalamazoo, ed era molto abile nel lavorare il legno per la costruzione di scenografie e scenografie. Pertanto, era una questione di tempo prima che abilità e passioni si stabilissero nella liuteria, che inizialmente era il suo hobby.

L’assemblaggio dei suoi primi strumenti conosciuti risale al 1893 circa, ed erano mandolini. A quel tempo, il suo negozio si trovava al 104 East Main St. 2nd Floor, Kalamazoo, Michigan.

Perché i mandolini? Pur essendo uno strumento di origine italiana, è stato adottato da diversi popoli dell’Europa occidentale, compresi gli inglesi. Forse questo ci farà capire chi ha scelto questo strumento rispetto ad altri.

Uno dei primi strumenti musicali sopravvissuti al tempo, è un mandolino di tipo A dell’anno 1899. Questo ci permette di osservare in prima persona uno strumento costruito interamente da lui come quello nell’immagine qui sotto. Vale la pena precisare che questo avvenne molto prima della fondazione dell’azienda che avrebbe portato il suo cognome, quando Oville lavorava come liutaio indipendente.

Mandolino realizzato da Orvile H. Gibson.

Riconoscimento ed esperienza di Orville

Per un periodo Orville Gibson è stato il liutaio esclusivo per la Barrow’s Music Company. Ma questo avvenne solo fino al 1891, quando la società divenne l’agente di vendita di Michigan City per Waldo Banjos and Guitars. Così, nel 1895, iniziarono a produrre da soli chitarre e banjo Waldo.

Tuttavia, Gibson continuò come liutaio a lavorare in modo indipendente, servendo una clientela esclusiva di musicisti sempre più numerosi. Uno dei suoi clienti più riconosciuti fu Giuseppe Bistolfi, musicista itinerante di origine italiana di riconosciuta fama per l’epoca.

Bistolfi, gli commissionò una chitarra tipo arpa a 18 corde nel novembre 1900. Il costo dello strumento era di $ 150. Questo compito avrebbe richiesto a Orville 30 giorni. Lo strumento era costituito da intarsi in noce brasiliano, cedro di Washington e madreperla. Secondo i suoi registri, era già il settimo strumento di questo tipo che costruì.

È notevole il poco tempo impiegato per realizzare questa chitarra arpa, che ci consente di dedurre che non funzionerebbe da sola, oltre a utilizzare tecniche e processi di costruzione efficienti e veloci.

Design innovativo dei mandolini Gibson

A differenza dei mandolini tradizionali, i Gibson erano costruiti con un dorso in legno intagliato e monopezzo. Anche i fianchi erano ricavati da un unico pezzo di legno massello invece di piegare sottili listelli.

Orville riteneva che i mandolini popolari in più parti e piegati all’indietro non possedessero “quel grado di risonanza reattiva e di azione vibratoria necessari per produrre la potenza e la qualità del tono e della melodia”. Un’altra novità del suo design era il tallone sul collo del mandolino, che era scavato per fornire una camera sonora aggiuntiva che sperava offrisse migliori qualità tonali.

Design innovativo di Orville H. Gibson.

Questa tecnica ha permesso di produrre strumenti più velocemente e in grandi volumi.

Questa tecnica, ispirata agli aspetti costruttivi dei violini, consentiva di non necessitare di rinforzi strutturali interni, poiché lo spessore dei pezzi utilizzati era sufficientemente robusto da resistere alla tensione delle corde e alla struttura del corpo. Questo fu un grande risparmio nella costruzione di piccoli pezzi fondamentali nell’assemblaggio della “cornice” del mandolino, fino ad oggi tradizionale. Oltre a un grande miglioramento acustico.

Brevetto del mandolino inventato da Orville H. Gibson

I mandolini Gibson erano molto popolari. Ben presto furono richiesti dai musicisti dell’epoca. Orville ottenne il primo e unico brevetto per il suo progetto il 1 febbraio 1898 con numero di registrazione n. 598.245, valido per 14 anni.

Fondazione della Gibson Mandolin Guitar Mfg. Co., Ltd.

Il successo di Orville H. Gibson generò presto interessi in terze parti. Fu così che nel 1902 fu chiamato da cinque imprenditori a costituire la società “Gibson Mandolin Guitar Mfg. Co., Ltd.’ Gli investitori erano Sylvo Reams, Lewis Williams, LeRoy Hornbeck, John W. Adams e Samuel H. Van Horn. In questo modo si è passati da ditta individuale a organizzazione aziendale, come la conosciamo oggi. Con un capitale sociale iniziale di USD 12.000.

Gibson è stato pagato $ 2.500 per i diritti commerciali sul suo nome – il marchio – e sul brevetto. Questo importo è equivalente a 250.000 USD oggi.

Etichetta Gibson Mandolin Guitar Mfg.  Co., Ltd.

Orville inizialmente non era nella lista degli azionisti, ma quando la Società ha avuto bisogno di aumentare il proprio capitale per finanziare la propria crescita e sviluppo, uno dei primi investitori è stato lo stesso Orville Gibson: il 1°. Nel novembre 1902 acquistò 60 azioni della società a proprio nome.

Orville continuò questa relazione fino al 1907, guadagnando la maggior parte delle sue entrate dai diritti d’autore. Ha lavorato a vari progetti come inventore. Nel 1908, il Consiglio accettò di pagare a Orville una quota annuale di $ 500, che equivale al valore odierno di circa $ 50.000.

L’azienda Gibson ha attinto ad alcune risorse innovative per l’epoca nel marketing e nella divulgazione. Come inserire un’immagine del suo fondatore sulle etichette degli strumenti, dandole a grandi figure orchestrali e manifesti che alla fine si concludevano con la legenda “Every one a Gibson-ite”.

La salute in declino di Orville H. Gibson

La salute di Orville si deteriorò durante il periodo in cui la Compagnia era in funzione. Gibson è stato internato più volte presso istituti di salute mentale. Uno di loro fu tra il 1907 e il 1911, e l’ultimo dal 1916 al 1918. Proprio durante quest’ultimo, Gibson morì, il 19 agosto 1918 all’età di 62 anni, in piena crescita della sua azienda. Al St. Lawrence State Hospital. Una struttura psichiatrica a Ogdensburg, New York.

Varie cartelle cliniche suggeriscono che soffriva di malattie croniche, perdita di peso e malattie mentali. Orville aveva “deliri di persecuzione” e immaginava che “diverse persone stessero cercando di attaccarlo”.

Lapide dalla tomba di Orville H. Gibson.

I suoi resti riposano nel cimitero di Morningside nella città di Malone, New York. Gibson aveva dato fuoco alla storia degli strumenti a corda, introducendo cambiamenti radicali a mandolini e chitarre, che fino a quel momento avevano mantenuto per anni pressoché inalterati i loro concetti costruttivi.

Orville Gibson non è mai riuscito a vedere quale sarebbe diventato il suo cognome. Ma non c’è dubbio che sia i suoi soci di allora, sia i dipendenti che si sono succeduti negli anni, seguivano un concetto di innovazione e qualità che ha segnato la storia delle chitarre elettriche.

Forse il rock è stato il punto di partenza per trasformare la Gibson Mandolin Guitar Mfg. Co, Ltd. in quello che è oggi.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web di Gibson.

Note correlate: la storia dell’età dell’oro di Ted McCarty e Gibsonstoria ed evoluzione della Gibson Les Paul e dei migliori chitarristi che utilizzano modelli Gibson: Les Paul, SG, ES-335, Firebird, Explorer, Flying V e altri.

Puoi condividere opinioni o chattare su questo e anche con altri musicisti nella sezione commenti.


Condividi questo articolo su

Martin Olmos

La musica è in tutto ciò che faccio, vivo per la musica. Ho iniziato come consulente presso Guitarriego, oggi mi dedico alla scrittura di articoli legati alla storia e al business della musica e della chitarra, tra le altre cose. Inoltre, sono nel business online da più di 10 anni, sia in attività commerciali che su siti di chitarra. Ho aiutato la crescita di un importante forum musicale svolgendo attività di gestione strategica e commerciale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.