Gibson Les Paul: la sua evoluzione, da Standard a Custom

Gibson Les Paul: la sua evoluzione, da Standard a Custom
Comparte este artículo en

Gibson Les Paul, senza dubbio la chitarra più emblematica del produttore più tradizionale, sia la versione Standard che Custom, la sua evoluzione e trasformazione, i suoi tempi o epoche d’oro e nere e altro ancora.

Storia della Gibson Les Paul: aspetto, evoluzione e trasformazione

La storia della Gibson Les Paul, la prima chitarra solid body della più tradizionale azienda di chitarre, inizia nei primi anni ’50, quando l’azienda era guidata nientemeno che da Ted McCarty, nel suo periodo d’oro.

La Gibson Les Paul nasce come risposta di McCarty alla crescente popolarità e successo della sua nemesi, la Fender Broadcaster, che in seguito, dopo aver attraversato un breve periodo senza nome o “Nocaster“, sarebbe stata definitivamente chiamata Telecaster.

Negozio personalizzato Gibson Les Paul Standard 1958 R8.

Ted McCarty era un ingegnere con esperienza e visione commerciale, non esitò per un secondo a rendersi conto che la solida nicchia di business delle chitarre che Fender aveva iniziato a sfruttare era un mercato con un grande potenziale. Così, Gibson ha deciso di competere, progettando la propria chitarra solid body e assumendo Les Paul per darle il nome ed essere l’immagine del suo nuovo modello di chitarra elettrica.

Les Paul aveva già cercato di convincere Gibson a realizzare una chitarra solid body anni prima, anche prima che la Fender Esquire apparisse nel 1950. Aveva portato “El Leño” -“The Log”-, ma la compagnia aveva rifiutato il musicista e la sua proposta dicendo che era un manico di scopa con corde e pickup per chitarra. Così, è che si dice che Les Paul abbia detto ai registi di Gibson: “Se non fai qualcosa, Fender dominerà il mondo.

Opuscoli per la Gibson Les Paul Goldtop del 1953/4 e la LEs Paul Custom "Black Beauty" con Les Paul e Mary Ford.

Potresti essere interessato alla nostra nota sui più grandi fallimenti di Gibson: chitarre brutte, strane e sconosciute.

Gibson Les Paul Goldtop, la prima chitarra

La prima versione di Gibson Les Paul: 1952

La prima chitarra Les Paul rilasciata da Gibson fu la Gibson Goldtop, rilasciata nel 1952, due anni dopo l’uscita della prima chitarra Fender.

Le caratteristiche principali erano le stesse di oggi, ma non tutte. La Gibson Les Paul ha avuto un’evoluzione durante i suoi primi 7 anni di vita. Corpo e manico in mogano con top ad arco in acero sul corpo e tastiera in palissandro. Il manico incollato ha 22 tasti con rilegatura e intarsi trapezi in madreperla. Aveva anche un’anima tensore o regolabile.

I controlli sono volume e tono indipendenti per ciascun pickup e un selettore a tre posizioni. Tuttavia, la prima versione aveva alcune caratteristiche diverse rispetto al modello finale della Gibson Les Paul.

Les Paul Gold Top 1952

La Gibson Les Paul ’52 originale era dotata di pickup P90, chiamati Soapbar per la loro estetica simile a una saponetta. Questi pickup sono single coil -single coil- che Gibson aveva già inventato nel 1946.

La tradizionale cordiera lunga e il ponte erano simili a quelli utilizzati dal marchio nel resto dei modelli di chitarra come la chitarra Gibson L5. Les Paul suggerì immediatamente di sostituire la tradizionale cordiera a trapezio di Gibson, inserendo una solida barra “avvolta” in acciaio. Ted McCarty ha detto che questo è stato l’unico input tecnico del chitarrista.

I primi cambiamenti nell’evoluzione della Gibson Les Paul: 1953 – 1954

Gibson Les Paul Goldtop 55

Nel 1953 la lunga cordiera viene sostituita dal ponte avvolto che lo stesso Ted McCarty progettò. Così, quest’anno potrai trovare chitarre con entrambi i ponti. L’estetica della chitarra sarà mantenuta per un paio d’anni.

L’anno successivo, nel 1954, arriva un altro cambiamento, viene modificata anche l’inclinazione dell’albero rispetto al primo modello lanciato sul mercato. Pertanto, l’albero assume l’inclinazione di 17º, che sarà definitiva oggi. Montando ancora pickup soapbar P-90 (single coil) e continuando con la finitura Goldtop.

Gli ultimi e definitivi cambiamenti della Gibson Les Paul : 1955 – 1958

Nel 1954, Ted McCarty inventa il ponte Tune-o-Matic, che viene incorporato nella nuova Gibson Les Paul Custom. Ma è solo nel 1955 che la Tune-o-Matic viene aggiunta alla Gibson Les Paul Goldtop.

Questo ponte è dotato di sellette regolabili che consentono di calibrare meglio la chitarra, migliorando così l’accordatura. Inizialmente si pensava che la cordiera fosse sopra la cordiera come nel Wrappover, ma alla fine viene utilizzata mettendo le corde sul retro e facendole andare direttamente al ponte.

Nel 1957, come risultato dell’obiettivo di ridurre il rumore -ronzio- dei pickup, un ingegnere Gibson, Seth Lover, progettò i pickup a doppia bobina noti come Humbuckers. I primi pickup humbucker sono conosciuti come PAF o PAF poiché avevano un adesivo con l’acronimo “Patent Applied For” -brevetto richiesto- a causa del processo di registrazione del brevetto di Gibson.

Gibson Goldtop 1957.

Così, nel 1957 la Les Paul prende le specifiche tecniche definitive che mantiene fino ad oggi. Tuttavia, l’anno successivo, nel 1958, la finitura fu cambiata con il cherry sunburst per il quale la chitarra è più nota.

Gibson Les Paul Custom: la versione deluxe

Nel 1954, Ted McCarty cerca un’alternativa alla finitura Goldtop. In tal senso Ted ha detto in un’intervista: “Abbiamo aggiunto la Les Paul Custom solo per averne un’altra. Hai tutti i tipi di chitarristi a cui piace questo e quello. Chevrolet ha molti modelli, Ford ha molti modelli”.

Il primo modello Black Beauty di Gibson.

Viene così lanciato questo modello nero, con hardware dorato e pickup P90 neri. Inoltre, ha una doppia bordatura sul corpo -su entrambi i lati- sulla parte superiore e sul retro del corpo- e anche una rilegatura sul collo e sul pegbox. Inoltre, la rilegatura o bordo della lama e del corpo ha un dettaglio di strisce bianche e nere intervallate. Gli intarsi sono del tipo a blocco, cioè intarsio a blocco o rettangolare.

La differenza tecnica della Les Paul Custom con la Standard o la Goldtop è che ha un corpo in mogano in un unico pezzo, senza un top in acero sulla parte superiore. La tastiera è in ebano -ebano- invece di palissandro. Pertanto, gli alti che sono dati in una Les Paul Standard o Goldtop dalla parte superiore in acero del corpo, in una Custom sono dati dalla sua tastiera in ebano. Inoltre, la Custom fu la prima Les Paul con ponte Tune-o-Matic, a differenza della Goldtop che la adottò solo l’anno successivo nel 1955.

La “Bellezza Nera”

Brochure Gibson Les Paul Custom con la foto di Les.

La bellezza nera o “Black Beauty” è il soprannome della Gibson Les Paul Custom. La combinazione nero e oro è la combinazione ideale per dare status e altezza a qualcosa, ecco perché è stata scelta quella combinazione. Inoltre c’era una buona ragione per optare per una tinta unita, come spiegato da Ted McCarty:

E c’era una buona ragione per questo. Stavamo avendo sempre più problemi a ottenere molto bene il mogano liscio dall’Honduras. Quindi se avevi un mogano con qualche graffio, veniva usato per fare la dogana. Erano preparati elegantemente con abbuffate -bordi- e altre cose, e venduti a un prezzo più alto.»

Pertanto, il mogano con imperfezioni estetiche è stato utilizzato per Les Paul Customs che sono state dipinte di un colore nero solido.

Les Paul Custom e i PAF: 1957

Black Gibson Les Paul Custom, la "Bellezza Nera".

Nel 1957, come la Gibson Les Paul Goldtop, la Custom adotta pickup PAF. Viene così definito il modello finale della Les Paul Custom. A meno che non si consideri la sostituzione dell’ebano con richlite intorno al 2012, a causa di problemi di fornitura di legno di qualità in quantità sufficiente. Richlite è un materiale sintetico che imita l’estetica dell’ebano.

Potresti essere interessato al nostro confronto tra Gibson Les Paul e Epiphone Les Paul: caratteristiche e differenze.

Gibson Les Paul Standard: 1958 – 1960: The Ultimate Makeover

Gibson Les Paul Standard 1959

Nel 1958 fu lanciata la Gibson Les Paul Standard con la classica e tradizionale finitura cherry sunburst per la quale il modello è più noto. Questa è la chitarra Gibson Les Paul, è il più grande riferimento in assoluto, la massima espressione dell’evoluzione del modello. Queste chitarre sono chiamate “Burst” per via della loro finitura.

Le differenze nelle specifiche della chitarra di questi tre anni sono sottili; ad esempio il profilo del collo è più spesso nel 1958 e più sottile nel 1960; nel 1958 i piani in acero erano più lisci e quelli del ’59 i più fiammati. Tuttavia, le chitarre Gibson Les Paul 1959 sono considerate il “Santo Graal” del modello. Pertanto, l’anno 1959 è considerato l’anno migliore della Gibson Les Paul.

Gibson Les Paul 1960

Dai un’occhiata alla nostra guida al percorso del suono vintage Gibson Les Paul.

Interruzione della Gibson Les Paul

Nel 1960, il peso della Gibson Les Paul era eccessivo e la sua forma tradizionale era vista come antiquata e costosa. Rispetto ad altri mercati esistenti come Stratocaster, Jazzmaster, Flying V, Explorer, tra gli altri, la Les Paul aveva perso popolarità. Così la Les Paul è sostituita da quella che è stata introdotta come suo successore, la Gibson SG.

La SG è stata inizialmente rilasciata con il nome di Gibson Les Paul, e in seguito con la rottura del contratto con Les Paul avrebbe preso il nome di SG da Solid Guitar. Solo nel 1968 è stata ripresa la costruzione della Gibson Les Paul.

Video dimostrativo di diverse Les Paul vintage su un Fender Bassman del 1959

Se vuoi saperne di più sulla storia della chitarra: dalla chitarra classica alla chitarra elettrica.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.