Storia delle chitarre Epiphone: segreti, miti e verità

Storia delle chitarre Epiphone: segreti, miti e verità
Comparte este artículo en

Epiphone è uno dei produttori di chitarre negli Stati Uniti con più storia e tradizione, rivale contemporanea e diretta di Gibson per decenni, dietro questo marchio secolare ci sono segreti, miti e verità.

Breve introduzione alla storia di Epiphone

La storia delle chitarre Epiphone inizia con una famiglia greca, gli Stathopoulo, che nel 1879 si stabilì in Turchia e poi, alla ricerca del sogno americano, emigrò negli Stati Uniti all’inizio del 1900. Un marchio comune da ritrovare durante i decenni di Anni ’20 e ’30 in discoteche, studi di registrazione e trasmissioni radiofoniche. Epiphone è sinonimo di tradizione, artigianato, qualità e innovazione negli strumenti musicali, non solo chitarre, ma anche mandolini, bassi e altri strumenti musicali.

Casa Stathopoulo

Settant’anni fa, la “Stathopoulo House”, come era noto lo showroom di Epi a Manhattan, era un luogo di ritrovo per i migliori musicisti della Grande Mela.

Musicisti che hanno utilizzato Epiphone

Epiphone era uno dei più grandi marchi nei primi anni della chitarra acustica ed elettrica in America. Insieme a Gibson, erano i marchi di chitarre più riconosciuti e ambiti. La varietà di musicisti che attraversano la storia di Epiphone è notevole ed ampia. Grandi del jazz come George Van Eps, pionieri del country come Hank Garland, il musicista blues John Lee Hooker, i ragazzi di Liverpool: John Lennon, Paul McCartney e George Harrison, e persino lo stesso Les Paul, solo per citarne alcuni erano utenti. di questo marchio secolare.

Epiphone Casino e i Beatles

Lo straordinario bassista dei Beatles Paul McCartney scelse un Epiphone Casino come sua prima chitarra di fabbricazione americana e John Lennon e George Harrison seguirono rapidamente l’esempio. The Casino era presente in tutti gli album dei Beatles, da Help ad Abbey Road.

George Harrison e John Lennon giocano con due casinò Epiphone.
George Harrison e John Lennon giocano con due casinò Epiphone.

Epiphone e Les Paul

“Epiphone ha sempre fatto una buona chitarra  ” , ha detto una volta Les Paul. E questo, dopotutto, è quello che cercano tutti i musicisti. Les Paul, ha sempre condiviso il suo amore tra Gibson ed Epiphone.

Gli inizi dello Stathopoulo in liuteria

Il capitolo iniziale della storia di Epiphone inizia a metà degli anni 1870, quando la famiglia greca Stathopoulo si stabilì a Izmir, una città turca con una forte presenza greca. Lì avevano un negozio dove vendevano e riparavano liuti, violini e bouzouki. Quest’ultimo è uno strumento a corde greco simile nell’aspetto al mandolino. 

Nel 1890 Anastasio Stathopoulo si era già guadagnato una reputazione come liutaio e aveva aperto la sua fabbrica di strumenti. Pochi anni dopo, Anastasio si sposa e mette su famiglia. Il loro primo figlio, Epaminondas, nacque nel 1893, seguito da Alex, Minnie, Orpheu, Frixo ed Ellie. Epaminondas avrebbe poi giocato un ruolo chiave nella storia delle chitarre Epiphone.

Il sogno americano di Stathopoulo

Anni dopo, all’inizio del 1900, la famiglia Stathopoulo si trasferì negli Stati Uniti e si stabilì a Manhattan. Una volta in America, Anastasios ha continuato il suo commercio di strumenti musicali. Il 25 marzo 1909 Anastasios deposita il suo primo e unico brevetto per un mandolino all’italiana. Qui, vediamo le prime somiglianze con le origini di Gibson, poiché il primo passo rilevante nella storia di Gibson è stato il brevetto di un nuovo mandolino, sebbene Orville lo avesse fatto un decennio prima.

Epi Stathopoulo, il grande creatore

Epi, come era conosciuto Epaminonda, il figlio maggiore di Stathopoulo, si adattava facilmente alla vita americana. Ha frequentato la Columbia University e si è laureato con lode. 

Con Anastasios, suo padre, che produceva e vendeva i suoi strumenti al piano di sotto e Epi insieme a tutta la sua famiglia che viveva al piano di sopra nello stesso edificio, il confine tra lavoro e vita familiare divenne sempre più sfocato. Così, Epi e Orpheus (“Orphie”) furono presto coinvolti nell’azienda di famiglia, che si trovava al 247 West 42nd Street.

Morte di Anastasio: Epi prende il controllo

Epi aveva solo 22 anni quando suo padre Anastasio morì. In quanto figlio maggiore, Epi aveva la responsabilità di far andare avanti l’attività. Essendo studioso e appassionato del lavoro del padre, per posizionarsi nel mercato, ha sostituito il nome del padre sulle etichette: «A. Stathopoulo “ per quello di:  ” La casa di Stathopoulo, strumenti di qualità dal 1873 “. Inoltre, eliminò la maggior parte dei mandolini vecchio stile, introducendo anche la linea   di banjo Recording , allora lo strumento più popolare negli Stati Uniti.

Espansione dell’attività, appare «Epiphone»

Epi ha continuato ad espandere l’attività e anche la sua reputazione per il lavoro di qualità. La famiglia Stathopoulo ha acquisito l’avviamento e i macchinari moderni da uno stabilimento di strumenti dalla Farovan Company a Long Island. Qui Epi cambia il nome della fiorente azienda, nasce così il nome con cui l’azienda è oggi conosciuta nel mondo: Epiphone .  

Epaminondas Stathopoulo, il grande uomo dietro Epiphone.
Epaminondas Stathopoulo, il grande uomo dietro Epiphone.

Perché il nome Epiphone?

Epiphone è un gioco di parole, secondo la pagina stessa dell’azienda, è da una parte il soprannome di Epaminonda, Epi , e dall’altra la parola phon parola greca che significa “suono” e “voce”.

Sviluppo aziendale incentrato sui banjo

Epi è diventato presidente e amministratore delegato e ha annunciato la sua attenzione sui banjo: “la nuova politica aziendale e tutto l’interesse sarà dedicato alla produzione di banjo, banjo tenore, mandolini banjo, chitarre banjo e ukulele banjo sotto il nome di registrazione pubblicità per “Epiphone” ». Lo strumento più popolare in Nord America all’epoca.

Epi ha mantenuto la maggior parte dei lavoratori qualificati della fabbrica di Long Island. La produzione è aumentata e la qualità è migliorata. I modelli di banjo decorati furono introdotti nel 1927, con modelli come Emperor ($ 500), Dansant ($ 450), Concert Special ($ 300) e Alhambra ($ 200). Gli affari andavano bene ei fratelli Stathopoulo, con Orphie ora come vicepresidente, trasferirono l’azienda al 235-237 West 47th Street.

Nel 1928, The Epiphone Banjo Company produceva banjo per Selmer / Conn e la linea di negozi Continental Music, un importante distributore di strumenti.

Le prime chitarre e l’inizio della rivalità con Gibson

Nel 1928, Epiphone introdusse la sua prima linea di chitarre acustiche per competere con la società che Epi riteneva fosse la più grande rivale, Gibson.

Chitarre della Epiphone Recording Series

Le chitarre acustiche Epiphone Recording Series, come la linea del banjo, erano identificate da una lettera, dalla “A” alla “E”, e si distinguevano per la loro insolita forma del corpo. Gli strumenti combinavano abete rosso e acero lamellare ed erano disponibili con piani piatti e arcuati.

Dimostrazione di uno stile della serie di registrazioni Epiphone D.

La chitarre della Epiphone Recording Series non ha avuto successo. Un problema era la mancanza di approvazione da parte di artisti famosi, l’altro era la mancanza di dimensioni. Questi modelli di chitarra acustica erano troppo piccoli, soprattutto rispetto alle dimensioni e al volume della popolare Gibson L-5, introdotta nel 1922 e diventata rapidamente uno standard del settore.

Sebbene le vendite di banjo fossero stabili, subito dopo il crollo del mercato azionario del 1929, Epi era ben consapevole che le chitarre archtop stavano diventando più popolari e che il loro principale concorrente in termini di qualità e design era Gibson. 

Chitarre della serie Epiphone Masterbilt

Nel 1931, la Epiphone Banjo Company annunciò l’introduzione della linea di chitarre Masterbilt con un top intagliato ad arco e due fori a f. Non è stato difficile vedere l’influenza dell’L-5 sulla nuova linea. Le chitarre di Epi avevano fori a f, peghead simili e persino un nome simile alla gamma Gibson Master Model. Epi ha continuato a distinguere la sua azienda con nomi di modelli che i musicisti potevano facilmente ricordare ed essere orgogliosi di possedere.

La linea Epiphone Masterbilt includeva la De Luxe da  $ 275, la Broadway da $ 175 e la Triumph da  $ 125. La  De Luxe  , secondo le pubblicità, presentava un top in abete intagliato, fondo in acero riccio fiammato, costruzione di violino su tutti parti, grandi buchi in »f«, bordi-vincolanti- in bianco e nero e un tono dolce e risonante».

Epiphone De Luxe 1932 Masterbilt Series, storia delle chitarre classiche.
Epiphone De Luxe 1932 Masterbilt Series.

La guerra con Gibson: le dimensioni contano

Per tutti gli anni ’30, la rivalità tra Epiphone e Gibson si trasformò da combattimenti amichevoli a guerre con la chitarra a tutto campo. Gibson ha risposto al Masterbilt con un nuovo design archtop nel 1934, aumentando la larghezza del corpo dei suoi modelli esistenti e introducendo la Gibson Super 400 king size, chiamata per il suo prezzo di $ 400. 

Per non restare indietro, Epi ha risposto l’anno successivo con l’ Imperatore, il suo modello top di gamma. Questo nuovo modello aveva un corpo ancora più ampio e una campagna pubblicitaria provocatoria con una donna nuda che reggeva l’archetto Epiphone. Nel 1936, Epiphone colpì di nuovo, aumentando di un centimetro le dimensioni delle chitarre De Luxe, Broadway e Triumph. Questi modelli erano più larghi degli archtop Gibson di 3/8″ e uno degli strumenti più distintivi sul mercato.

Epiphone Emperor: pubblicità per la chitarra più grande rilasciata finora dal marchio.
Pubblicità della chitarra Epiphone Emperor, la più grande prodotta dal marchio.

La prima età dell’oro di Epiphone

A metà degli anni ’30, le chitarre Epiphone erano considerate tra le migliori al mondo e lo stesso Epi godeva del patrocinio dei musicisti più rispettati della scena. Epiphone è diventata intercontinentale con un accordo di distribuzione con Handcraft Ltd. di Londra.

Inoltre, l’azienda ha aperto un nuovo showroom al 142 West 14th Street in un edificio Beaux-Arts di sette piani vicino a Little Italy. Il nuovo edificio comprendeva un laboratorio di ricerca e sviluppo pubblicizzato come “stato dell’arte”. Lo showroom Epiphone al primo piano era sia la sede dell’azienda che un luogo di ritrovo per i musicisti. Il sabato pomeriggio Epi apriva le vetrine dei negozi e lasciava che i principali chitarristi dell’epoca, artisti come Al Caiola, Harry Volpe e Les Paul, si esibissero mentre la gente ascoltava sul marciapiede.

Chitarra Epiphone De Luxe 1936 serie Masterbilt.
Chitarra Epiphone De Luxe 1936

Crescita e diversificazione di Epiphone

Steel o Lap Guitar Electar Series

Epi era anche consapevole del successo dei modelli di chitarra elettrica in acciaio Rickenbacker. Nel 1935, Epi fece la sua mossa con l’introduzione della serie Electar, originariamente conosciuta come Electraphone, da Steel Guitar. Le caratteristiche di design uniche di Epi includono espansioni polari regolabili individualmente sul Master Pickup. La linea Electar ha rafforzato la reputazione di Epiphone come marchio innovativo. 

Epiphone Electar Zephyr steel / chitarra lap.
Chitarra Epiphone De Luxe 1936 serie Masterbilt

Piano elettrico

Alla fine degli anni ’30, le vendite erano raddoppiate. Le collaborazioni tra Epi e altre società si sono fatte più frequenti. Nel luglio 1936, Epiphone mostrò diversi nuovi modelli allo spettacolo della National Association of Music Dealers (NAMM) allo Stevens Hotel di Chicago, incluso un piano elettrico creato con la Meissner Inventions Company a Milburn, nel New Jersey.

Incursione negli amplificatori

Epiphone iniziò anche a vendere amplificatori dopo aver incontrato l’appassionato di elettronica Nat Daniel, un amico di Les Paul. Daniel ha perfezionato un innovativo design di cablaggio push / pull, che ora è un accessorio su molti amplificatori. I rappresentanti di Epiphone hanno ascoltato gli amplificatori di Daniel e lo hanno assunto per costruire chassis e nuovi design. Anni dopo, negli anni ’50, Daniel iniziò la linea di chitarre e amplificatori Danelectro negli anni ’50.

Epiphone Electar storia dell'amplificatore per chitarra
Epiphone Electar Amplificatore per chitarra

Chitarre hawaiane

Alla fine degli anni ’30, poco prima dell’entrata dell’America nella seconda guerra mondiale, la rivalità tra Epiphone e Gibson mostrava pochi segni di cedimento. Nel 1939, le due aziende introdussero modelli di chitarra hawaiana che cambiano il tono, il predecessore dell’acciaio per pedali.

Quando Gibson ha introdotto una linea di violino, Epiphone ha risposto con una linea di basso verticale. Ci sono voluti lo scoppio della seconda guerra mondiale, una carenza di materiali chiave e la chiusura virtuale della produzione di chitarre in tutto il mondo per dare una tregua all’escalation tra i due produttori.

Declino di Epiphone

La scomparsa di Epi Stathopoulo

Epiphone era uno dei marchi preferiti sul mercato, leader del settore. Ma alla fine della seconda guerra mondiale, nel 1945, aveva subito un duro colpo; la Compagnia aveva perso il suo leader quando Epi morì di leucemia. Le azioni e il controllo di Epiphone sono andati ai fratelli minori Orphie e Frixo.

Epiphone ha continuato a competere in modo aggressivo con Gibson, ciascuno introducendo versioni delle loro migliori chitarre elettriche archtop cutaway. Anche i pickup hanno continuato a essere perfezionati e musicisti hanno continuato ad apparire sul palco con chitarre Epiphone.

Dall’esterno sembrava che tutto stesse andando come al solito. Ma ben presto sono apparse crepe sia sulla linea di produzione che nella sala riunioni. I fratelli Stathopoulo non erano d’accordo con la visione del futuro dell’azienda e nel 1948 Frixo vendette le sue quote a Orphie. 

Showroom Epiphone: Al Caiola, Orphie Stathopoulo e Tony Mottola.
Showroom Epiphone: Al Caiola a sinistra, Orphie Stathopoulo al centro e Tony Mottola a destra.

La reputazione dell’azienda per l’artigianato e l’innovazione che Epi aveva costruito negli anni ’20 e ’30 non è sopravvissuta agli anni del dopoguerra. I gusti stavano cambiando ei prodotti Epiphone sembravano tradizionali e un po ‘datati. 

Nel 1953, la fabbrica Epiphone si trasferì da Manhattan a Filadelfia per evitare uno scontro sindacale, ma molti degli artigiani dell’azienda si rifiutarono di lasciare New York e l’azienda perse personale qualificato, indebolendo ulteriormente la sua situazione.

Epiphone e Les Paul

Les Paul, era un amante delle chitarre Epiphone e Gibson. Ho avuto contatti con entrambe le società. Infatti, ha avuto accesso allo stabilimento Epiphone, dove l’artista ha sperimentato con gli strumenti e nel 1940 ha costruito la sua solida chitarra chiamata “The Log” – the Log. Con questa chitarra andò alla Gibson per proporre il solido progetto di chitarra, ma l’allora presidente, Maurice H. Berlin, lo rifiutò, definendo lo strumento “scopa”. Non è chiaro se abbia fatto lo stesso anche con Orphie.

Les Paul in posa con gli strumenti Epiphone e le famose The Log, chitarre che hanno fatto la storia.
Les Paul in posa con strumenti Epiphone.

Les Paul usò chitarre Epiphone sul palco fino a quando il nuovo presidente di Gibson Ted McCarty anni dopo si offrì di nominare la prima chitarra solid-body del marchio dopo di lui, la Gibson Les Paul.

Gibson acquista Epiphone nel 1957

Quando Epiphone declinò e la crisi era già evidente, Les Paul suggerì a McCarty che Gibson si avvicinasse a Epiphone. McCarty ha seguito il consiglio e ha contattato Orphie, esprimendo l’interesse di Gibson per la divisione di contrabbasso acclamata dalla critica di Epiphone, che Gibson non aveva più prodotto dopo la seconda guerra mondiale. Quando Orphie rispose nel 1957, offrì a McCarty l’intera compagnia Epiphone, compreso il rimanente inventario della fabbrica di Filadelfia, per soli $ 20.000; McCarty ha accettato a nome di Gibson. Così, la famiglia Stathopoulo era fuori dal business degli strumenti e una nuova era stava iniziando per Epiphone.

Contrabbasso Epiphone B5 del 1941

Sebbene l’intenzione originale di McCarty fosse quella di portare i modelli di basso Epiphone nel catalogo Gibson e sfruttare i macchinari del suo concorrente di lunga data, ha presto cambiato idea. Alla fine, McCarty avrebbe rilanciato il marchio Epiphone con una nuova linea di strumenti.

Gibson produce strumenti Epiphone

Il piano originale di McCarty era quello di offrire di aggiungere i contrabbassi Epiphone alla linea di prodotti Gibson. Tuttavia, poiché Gibson lavorava con distributori ufficiali esclusivi e venditori per zona, c’erano negozi e attività importanti a cui non potevano vendere perché si trovavano in un’area che già apparteneva a un altro agente ufficiale. Così, decisero di commercializzare il marchio Epiphone per lavorare con quegli importanti canali commerciali a cui Gibson non poteva vendere. Così, i rivenditori hanno ottenuto un prodotto Gibson di qualità senza conflitti con coloro che avevano l’esclusività della linea Gibson. 

L’intera operazione Epiphone si è trasferita a Kalamazoo, nel Michigan. Epiphone era tornato in attività, migliore che mai.

Chitarre Gibson con marchio Epiphone

Quindi Gibson ha prodotto strumenti con il marchio Epiphone per più di un decennio. In questo modo, puoi trovare strumenti Epiphone della fine degli anni ’50 e ’60 che in realtà sono chitarre Gibson costruite nella stessa fabbrica di Kalamazoo.

1967 Epiphone Casino, pubblicato da Gibson nel 1961, due anni dopo il GIbson ES-330.
1967 Epiphone Casino, pubblicato da Gibson nel 1961, due anni dopo il GIbson ES-330.

Nuovo profilo Epiphone

Quando gli strumenti Epiphone furono distribuiti per la prima volta nel 1958, il marchio aveva tre linee ben identificabili. Per prima cosa, Epiphone ora aveva versioni più economiche dei modelli Gibson esistenti; Sono state incluse anche le ristampe dei modelli classici del marchio, come  Emperor , Deluxe e  Triumph ; e infine; e infine, il marchio è stato completato con nuovi design come lo  Sheraton  semi-cavo, il  Moderne Black a corpo solido e l’acustica flat-top  Frontier , il cui stile del corpo a spalla quadrata è stato il primo costruito nella fabbrica Gibson Kalamazoo. 

Oltre alle linee di chitarra, è stata lanciata una nuova linea di amplificatori. Ciò dimostra che, sebbene fosse un marchio di accessori per Gibson, aveva anche una certa indipendenza, almeno dal punto di vista del prodotto.

Benvenuto sul mercato alle nuove Epiphones

La grande presentazione della linea Epiphone ebbe luogo alla fiera NAMM nel luglio 1958 con l’   elettrico Emperor come modello di punta. Lo spettacolo stesso genererebbe ordini per 226 chitarre e 63 amplificatori, un modesto ritorno. Negli anni successivi Epiphone venderà 3.798 strumenti nel 1961 e nel 1965 rappresenterà il 20% degli strumenti totali spediti da Kalamazoo. Ancora più impressionante è stato il prestigio delle chitarre stesse. All’inizio degli anni ’60, l’Epiphone  Emperor  costava molto di più della Gibson Byrdland di fascia alta, mentre la Deluxe Flattop Excellente del 1963 costava $ 100 in più della Gibson J-200 ed era realizzata con legni – tonewoods- più raro.

Emperor Guitar 1962
Epiphone Emperor Guitar 1962

Epiphone e musica popolare

La musica folk stava esplodendo negli Stati Uniti all’inizio degli anni ’60 ed Epiphone trovò il profilo e l’offerta di chitarra perfetti per quello stile di musicista. Epiphopne lanciò la chitarra classica di Siviglia nel 1961, con e senza pickup, presentò anche altri modelli come i modelli Madrid , Spagna ed Entrada, Epiphone divenne un punto di riferimento dello stile musicale. 

Epi, Pop e Rock ‘n Roll

Nel 1962, Epiphone includeva uno strumento a dodici corde, la chitarra Bard, con cui Roy Orbison compose “Oh, Pretty Woman” e “Only The Lonely”, insieme a una versione più piccola,  Serenader . Nel 1963 fu introdotta la Troubadour, una chitarra con corde in acciaio flat top.

La gamma acustica di Epiphone è stata accompagnata dalla linea di chitarre elettriche. Il più famoso di questi fu il   Double Cut Casino , introdotto per la prima volta nel 1961. Quando i Beatles apparvero a giocare con Epiphone Casinos intorno al 1966, probabilmente segnarono il momento migliore per il marchio, mostrando un futuro molto promettente.

Un catalogo di strumenti vincente

Epiphone aveva un catalogo di quattordici chitarre elettriche archtop, sei chitarre elettriche solid-body, tre bassi, sette chitarre acustiche flattop, sei archtop classici, quattro archtop acustici, tre banjo e un mandolino.

La prima metà degli anni ’60 fu un periodo di boom per Epiphone, con vendite di unità che aumentarono di cinque volte tra il 1961 e il 1965.

Epiphone Paul McCartney 1964 USA Texano.
Epiphone Paul McCartney 1964 USA Texano.

La fine degli anni ’60, un mercato impegnativo

Epiphone raggiunse il suo massimo splendore a metà del decennio, con grande riconoscimento da parte degli artisti più famosi. Tuttavia, la crescita delle copie realizzate all’estero stavano rubando il mercato a strumenti realizzati negli Stati Uniti che erano molto più costosi. Così, alla fine degli anni ’60, queste copie economiche guadagnarono più del 40% della quota di mercato di Epiphone, Gibson e altre società americane, alcune finirono addirittura per sciogliersi.

Cambio di proprietari e strategia

Tuttavia, la crisi non si è limitata all ‘”invasione” di prodotti esteri a buon mercato, c’erano anche problemi interni. A Gibson stava entrando un nuovo azionista, con il quale Ted McCarty, presidente di Gibson – e di Epiphone -, non aveva un buon rapporto. Nel 1965, Ted riceve un’offerta da Paul Bigsby, con il quale aveva un’amicizia. Paul stava andando in pensione e voleva qualcuno di cui si fidava e stimato per continuare la sua compagnia. Quindi lei gli offre la compagnia e Ted accetta, il che significava la sua partenza da Gibson mesi dopo. 

La società madre di Gibson, CMI -Chicago Musical Instruments-, è stata acquistata, almeno in parte, nel 1969 da ECL -Ecuadorian Company Limited-, una società di birra ecuadoriana. Le due società si fusero nel luglio dello stesso anno, dando vita alla Norlin Corporation. Inizia così l’oscura “era Norlin di Gibson”.

Norlin è la combinazione dei nomi dei migliori uomini di entrambe le società,  Norton Stevens  di ECL e  Arnold Berlin  di CMI. Erano entrambi amici ed erano stati compagni di classe alla Harvard Business School.

In questo momento, è qui che la situazione di Epiphone cambia radicalmente. Il marchio è stato percepito come inferiore a Gibson dalla nuova gestione dell’azienda; e così fu trattato, sebbene non potesse vendere strumenti abbastanza economici da competere con imitazioni straniere inferiori.

Epiphone si trasferisce in Giappone

Prima della vendita a ECL, era già stata presa in considerazione la possibilità di produrre il prodotto Epiphone in Giappone. Il paese giapponese aveva una buona industria di strumenti musicali e bassi costi. Così, nel 1970, la produzione di Epiphone negli Stati Uniti fu chiusa e si trasferì a Matsumoto, in Giappone. Tuttavia, durante i primi anni di produzione, le chitarre Epiphone realizzate in Giappone erano progetti già prodotti dalla Matsumoku Company, che aveva solo il marchio Epiphone sulla paletta.

A partire dal 1976, i modelli migliorarono gradualmente. In quegli anni Epiphone introduce diversi strumenti: le chitarre acustiche Monticello e Presentation; una serie di chitarre elettriche con corpo scroll; una nuova gamma di piani piatti e la serie   di acustica Nova insieme alla linea Genesis solid body. Nel 1979, l’elenco dei prodotti Epiphone si stava espandendo, con più di 20 chitarre. Epi era in fase di rifondazione.

Epiphone Genesis Custom 1979 Made in Japan.
Epiphone Genesis Custom 1979

Epiphone Korea

Nel 1983, con il costo giapponese in aumento a seguito della rivalutazione dello yen, la produzione di Epiphone si trasferì in Corea. Lì, le chitarre furono costruite dalla Samick Company. In questo modo, Epiphone è diventato definitivamente il marchio di chitarre economiche che conosciamo oggi.

Epiphone rinascita

Nel 1986, Henry Juszkiewicz, David Berryman e Gary Zebrowski acquistarono Gibson ed Epiphone da ECL / Norlin. Il suo primo obiettivo era quello di far rivivere Gibson, e Epiphone, che aveva un fatturato inferiore a $ 1 milione nel 1985, fu accantonato. Tuttavia, i nuovi azionisti hanno visto rapidamente il potenziale dell’azienda di oltre 100 anni.

Juszkiewicz e Berryman consideravano Epiphone un gigante addormentato. Pertanto, si sono recati in Corea per decidere come incoraggiare la società a eguagliare il successo di altri marchi asiatici come Charvel e Kramer. I modelli Epiphone furono ripresi e le nuove tecniche di produzione iniziarono a dare i loro frutti. Ben presto, le vendite sono nuovamente cresciute.

Nel 1988, Epiphone includeva una nuova  serie PR  di acustica a spalla quadrata insieme a una versione della Gibson J-180, varie chitarre classiche, un banjo e un mandolino. C’era anche una selezione intelligente di modelli Gibson originali come Les Paul e SG, nuovi archtop come Howard Roberts Fusio e la rinascita dello Sheraton .

Epiphone e gli anni ’90

Negli anni ’90, Epiphone offriva già 43 modelli diversi in una varietà di stili e budget. Il presidente di Gibson David Berryman ha aperto un ufficio Epiphone a Seoul e ha nominato Jim Rosenberg come product manager e ha deciso di rendere Epiphone di nuovo un produttore di chitarre innovativo.

La creazione di un ufficio a Seul si è rivelata un importante punto di svolta per la nuova Epiphone, poiché ingegneri e liutai hanno collaborato al rifacimento dell’azienda. I processi di fabbrica sono stati valutati e perfezionati; e gli ingegneri di Epiphone sono stati attivamente coinvolti nello sviluppo di pickup, ponti, selettori e inserti dei tasti, oltre a caratteristiche uniche come il logo metallico “E” e la cordiera “frequensator”. Epiphone ha investito in nuovi modelli e il mercato ha risposto bene.

Al momento dello spettacolo NAMM del 1993, una nuova gamma di strumenti elettrici e acustici ha debuttato con recensioni entusiastiche e feedback da parte dei clienti.

Epiphone Made in USA ristampa

Epi Masterbuild Chitarra acustica Made in USA.
Epi Masterbuild Chitarra acustica Made in USA.

Nel 1993, una serie limitata di chitarre Riviera  e  Sheraton fu prodotta nello stabilimento Gibson di Nashville. Inoltre, lo stabilimento del Montana ha costruito 250 chitarre Excellente, Texan e Frontier. Queste chitarre Epiphone erano intese solo come un evento speciale, ma la reazione del pubblico spinse Rosenberg a ristampare modelli più classici.

Chi ha partecipato al NAMM del 1994 ha assistito alla reintroduzione di leggende Epiphone come il Casinò, la RivieraSorrento e la Bassa Rivoli

Artisti Epiphone Guitars

Nei mesi seguenti, una vasta gamma di artisti, da Chet Atkins a Noel Gallagher degli Oasis, furono invitati a unirsi a Epiphone. Il messaggio era chiaro: “Epiphone è ancora una grande azienda di strumenti”.

Probabilmente, Epiphone ha avuto lo stesso successo alla fine degli anni ’90 come in qualsiasi altro momento della sua storia. La serie Advanced Jumbo e molti dei principali modelli Signature furono rilasciati , tra cui Sheraton di John Lee Hooker e Supernova di Noel Gallagher. L’  Epiphone Casino John Lennon 1965 and the Revolution ha segnato il ritorno all’autenticità e all’identità personale. Inoltre, associato a uno dei migliori artisti di tutti i tempi, che ha evidenziato la rinascita della compagnia stessa come leggenda della musica.

Chitarra Supernova, firma di Noel Gallagher.
Epiphone Supernova Noel Gallagher Signature Guitar

Epiphone nel 21 ° secolo

Nel 2000, Epiphone ha introdotto la gamma  Elitist , prodotta in Giappone, e ha rafforzato la sua posizione nel mercato acustico con l’acquisizione del liutaio Gibson Mike Voltz. Voltz ha contribuito al ri-sviluppo di Epiphone con la reintroduzione della gamma Masterbilt insieme alla ristampa del 2005 dell’Epiphone  Paul McCartney 1964 USA Texan .

La domanda internazionale di Epiphone è cresciuta così tanto che la società ha aperto un nuovo stabilimento in Cina nel 2004, la prima volta che Epiphone è tornata nella propria fabbrica da quando è stata acquistata da Gibson nel 1957.

Notizie Epiphone

Oggi Epiphone offre una vasta gamma di chitarre. All’interno della gamma di chitarre, Epiphone ha nel suo catalogo con strumenti acustici ristampe di modelli classici, componenti elettrici Hollow-body e Semi Hollow-body e solid body entrambi originali Epiphone, come Wilshire Phant-o-matic, Genesis, DC Pro, Casino e altri, oltre ai classici modelli Gibson, tra cui Les Paul, SG, Flying V e Firebird.

Modelli basati su Gibson.
Chitarre Epiphone basate su modelli Gibson.

Quindi offre opzioni per chitarristi di tutti i generi e di budget diversi. I musicisti che lavorano apprezzano Epiphone per le sue versioni economiche delle chitarre classiche Gibson o per i modelli originali del marchio secolare fondato dalla famiglia Stathopoulo. Ma anche i collezionisti di chitarre cercano le vecchie e iconiche Epiphones acustiche e Hollow-body come EmperorCasinoExcellente, tra gli altri.

Oggi Epiphone ha sede a Nashville, molto vicino a Gibson’s. Da lì produce chitarre nella sua tradizione di standard di qualità a prezzi accessibili e innovazione. Così, mentre Epiphone oggi è specializzato in chitarre economiche, ha chitarre di qualità che rivaleggiano con quelle di praticamente qualsiasi produttore al mondo.

Inoltre, Epiphone oggi presenta chitarre di artisti come Marcus Henderson, Zakk Wylde ZV Custom e Joe Bonamassa Goldtop. Pertanto, Epiphone è un marchio con molta più storia di quanto non sappia il chitarrista ordinario. Avere una tradizione e un track record unici, paragonabili solo a quelli di Gibson.

Maggiori informazioni su Epiphone.com

Articoli correlati: Epiphone vs Gibson Les Paul.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *