Come leggere gli spartiti: impara a leggere la musica per chitarra e basso

Come leggere gli spartiti: impara a leggere la musica per chitarra e basso
Comparte este artículo en

Imparare a leggere la musica è essenziale nella tua crescita come musicista, ti insegniamo a leggere spartiti per chitarra e basso.

Impara a leggere gli spartiti in modo rapido e semplice

Leggere una partitura è un’abilità che aggiunge molto valore a qualsiasi musicista. Anche se sei un autodidatta, saper interpretare la musica scritta e, quindi, saperla scrivere, ti darà accesso per comunicare con altri musicisti in modo preciso.

In una partitura, la musica trascende il tempo e lo spazio, poiché può ospitare tutti gli strumenti per catturare quasi ogni aspetto del discorso musicale.

In questo post parleremo di come leggere gli spartiti in modo facile e veloce, come leggere la musica a prima vista, come interpretare le tonalità, le chiavi e altri aspetti generali di questo argomento.

Potrebbe interessarti anche la nostra lezione sui 7 modi greci e il loro rapporto con gli accordi.

Cos’è uno spartito?

Lo spartito musicale è una scritta in cui, con simboli speciali, viene rappresentato come viene interpretata un’opera musicale.

Questi simboli si riferiscono all’espressione, all’esecuzione e ad altri aspetti della musica, nonché a un sistema completo di notazione. Tutto ciò consente di adeguarsi all’idea originale dell’autore di un brano musicale.

Differenza tra partitura e spartito

Una partitura è un brano musicale scritto in cui è riportato l’insieme delle parti che ciascuno strumento che deve suonare. Ogni pagina, quindi, offre una vista complessiva dell’insieme delle parti.

Mentre lo spartito si può intendere un pezzo di musica scritta destinata ad un singolo esecutore o una parte o riduzione di una partitura.

Elementi di una partitura musicale

Gli spartiti funzionano per qualsiasi strumento musicale, ma qui ci concentreremo su chitarra e basso.

Per tradurre la musica in uno spartito, viene utilizzato un tipo di carta chiamata fogli pentagrammati, che ha una serie di cinque righe ciascuna chiamata pentagramma.

Carta o fogli pentagrammati con linee di pentagramma.

Pentragramma

Un pentagramma è un insieme di cinque linee parallele, più quattro spazi interni tra di loro. Su queste linee e spazi sono posizionate note musicali e altri simboli.

Possono essere incluse anche righe aggiuntive e gli spazi corrispondenti, sia sotto che sopra il pentagramma, per accogliere rispettivamente altre note più basse o più alte.

La musica scritta per la maggior parte degli strumenti viene scritta su un unico rigo, poiché è abbastanza grande da contenere tutte le note possibili. Tuttavia, altri strumenti, come il pianoforte o l’organo, richiedono due linee guida, una per mano, unite da una parentesi graffa. Questo perché hanno una tessitura più ampia, più suoni dal più basso al più alto.

Inoltre, più righi possono essere uniti insieme con una parentesi graffa a sinistra per scrivere musica suonata da più strumenti contemporaneamente, come un quartetto d’archi o un trio, legni, ottoni, ecc.

Non perderti il ​​nostro tutorial sulla scala Blues con la scala pentatonica, la Blue Note e la Terza maggiore.

La chiave musicale

Il primo elemento che troviamo nel pentagramma è una figura chiamata chiave musicale. La chiave è usata per definire la disposizione dei suoni o delle note, secondo la loro altezza, in ciascuna delle linee e degli spazi del pentagramma.

Le chiavi musicali più utilizzate sono quattro:

  1. Chiave di violino, sulla 2ª linea (chiave di Sol)
  2. Chiave di basso, sulla 4ª linea (chiave di Fa)
  3. Chiave di contralto, sulla 3ª linea (chiave di Do)
  4. Chiave di tenore, sulla 4ª linea (chiave di Do)

Per la chitarra viene utilizzata solo la chiave di violino (chiave di Sol), mentre per il basso viene utilizzata la quarta chiave di basso (chiave di Fa). A sua volta, il pianoforte utilizza la chiave di violino per la mano destra e la quarta chiave di basso per la mano sinistra. Il resto delle chiavi ha altri usi, come il trasporto su un’altra chiave.

Clef of Sol, Fa e Do in terza e quarta.
1) Chiave di violino, sulla 2ª linea, 2) Chiave di basso, sulla 4ª linea, 3) Chiave di contralto, sulla 3ª linea, 4) Chiave di tenore, sulla 4ª linea

La chiave di violino -a sinistra nell’immagine- indica che la nota sol è sulla seconda riga. Pertanto, nello spazio successivo in alto c’è la nota successiva della scala musicale, cioè A.

Visita la nostra selezione delle migliori canzoni facili da suonare con la chitarra per principianti.

Le posizioni delle note musicali sul pentagramma

Pertanto, le note della linee nella chiave di violino sono:

  1. E
  2. G
  3. B
  4. D
  5. F

E quelli degli spazi:

  1. F
  2. A
  3. C
  4. E

Se fosse necessario scrivere una nota inferiore alla E della prima riga, verrebbero utilizzati gli spazi e le righe aggiuntive sottostanti di cui abbiamo parlato prima. Ad esempio, la prima riga aggiuntiva sotto il rigo corrisponde alla nota C. Ruota il primo spazio appena sotto la prima riga, sulla nota D e così via. Sotto puoi vedere un rigo con la linea aggiuntiva di C nella chiave di violino per chitarra. Inoltre, di seguito puoi vedere l’equivalente nella chiave di basso per il basso.

Posizione di ogni nota musicale sul pentagramma nella chiave di violino e nella chiave di basso.

Nella parte superiore del rigo succede allo stesso modo: il primo spazio sopra il rigo è G, la prima riga aggiuntiva, A e così via.

La posizione delle note di chitarra sul rigo

Il MI della prima riga del rigo con la chiave di violino corrisponde al MI (Mi) del secondo tasto della quarta corda della chitarra. Pertanto, il Mi della sesta corda aperta nel rigo o nel pattern si trova nel quarto spazio aggiuntivo sottostante. Questa nota sarebbe la nota più bassa su una chitarra con accordatura standard.

Di conseguenza, il MI dell’ultimo spazio – tra la quarta e la quinta riga – è il MI della prima corda della chitarra aperta. Da lì continua con linee e spazi aggiuntivi che corrispondono alle note successive che puoi suonare sulla prima corda della chitarra.

È importante che quando si impara a leggere la musica sugli spartiti, si conosce già la posizione delle note musicali sulla tastiera della chitarra.

L’armatura de chiave

Subito dopo la chiave compare un insieme di simboli che indicano le alterazioni della tonalità dell’opera musicale. Può essere un gruppo di diesis (#) o bemolle (b), ciascuno su una linea o uno spazio sul rigo.

Questo gruppo di diesis o bemolle è l’indicazione della tonalità ci dice in quale tonalità è scritta l’opera musicale e quali note dovranno essere suonate alterate per tutta la durata del brano.

La tonalità di Do Major non ha alterazioni, né diesis né bemolle, poiché le sue note sono: Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si. Pertanto, se troviamo una partitura che non ha nulla al posto dell’indicazione di tonalità, significa che l’opera, il brano o la sigla è nella tonalità di C maggiore o nella relativa tonalità minore, la minore.

Nelle partiture che presentano alterazioni nell’armatura di tonalità, dobbiamo sapere quale tonalità è secondo l’insieme dei diesis o dei bemolli, o per cosa sono o, semplicemente, quante. Ad esempio, se nell’armatura di chiave compare solo una alterazione, che è F#, significa che la tonalità è G maggiore o E minore. Se ne compaiono tre, F#, C# e G#, la tonalità è A maggiore. Oppure, se le alterazioni sono quattro bemolle, ad esempio Bb, Eb, Ab e Db, la tonalità della canzone sarà la bemolle maggiore o fa minore.

Tonalità di sol maggiore e mi minore;  Fa maggiore e re minore;  Re maggiore e SI minore;  Si bemolle maggiore e sol minore;  La maggiore e Fa# minore;  Mi bemolle maggiore e do minore.

Tabella con ciascuna armatura di chiave e la sua tonalità maggiore e minore corrispondente

ArmaturaScala maggioreScala minore
Si♭, Mi♭, La♭, Re♭, Sol♭, Do♭, Fa♭Do bemolle maggioreLa bemolle minore
Si♭, Mi♭, La♭, Re♭, Sol♭, Do♭Sol bemolle maggioreMi bemolle minore
SI♭, Mi♭, La♭, Re♭, Sol♭Re bemolle maggioreSi bemolle minore
Si♭, Mi♭, La♭, Re♭La bemolle maggioreFa minore
Si♭, Mi♭, La♭Mi bemolle maggioreDo minore
Si♭, Mi♭Si bemolle maggioreSol minore
Si♭Fa maggioreRe minore
Do maggioreLa minore
Fa♯Sol maggioreMi minore
Fa♯, Do♯Re maggioreSi minore
Fa♯, Do♯, Sol♯La maggioreFa diesis minore
Fa♯, Do♯, Sol♯, Re♯Mi maggioreDo diesis minore
Fa♯, Do♯, Sol♯, Re♯, La♯Si maggioreSol diesis minore
Fa♯, Do♯, Sol♯, Re♯, La♯, Mi♯Fa diesis maggioreRe diesis minore
Fa♯, Do♯, Sol♯, Re♯, La♯, Mi♯, Si♯Do diesis maggioreLa diesis minore

Come facciamo a sapere quali e quante alterazioni ha ciascuna tonalità?

Un modo pratico per conoscere le alterazioni di ogni tonalità è con il circolo delle quinte. Questo ha la serie di tutti i toni disposti in modo tale che sia facile da maneggiare e memorizzare.

Figure musicali

Le figure musicali sono i simboli che rappresentano graficamente le note. La posizione sul pentagramma definisce la nota e ogni tipo di figura definisce la durata della nota. Esprimono quindi la durata e, a seconda della loro disposizione nelle linee guida o sul pentagramma, indicano anche l’altezza del suono.

Le principali figure musicali sono sette:

  • Semibreve (intero)
  • Minima (Metà)
  • Semiminima (quarto)
  • Croma (ottavo)
  • Semicroma (sedicesimo)
  • Biscroma (trentaduesimo)
  • Semibiscroma (sessantaquattresimo)
Figure musicali.

Figure e valori delle note

La figura musicale di maggior valore è la semibreve di 4 battiti, che equivale ad una battuta completa di 4/4. Pertanto, il punto di partenza sarà la semibreve, quindi ogni cifra vale la metà della cifra precedente. Quindi, quella minima dura metà della semibreve, poi quella semiminima metà quella minima, e così via, come si può vedere nella tabella seguente:

Valori ritmici delle figure musicali

Per semplicità l’immagine giunge alle semicroma, ma lo stesso avviene della briscroma, che vale la metà della semicroma, e della semibriscroma, che vale la metà della biscroma. Al contrario, la semibreve vale il doppio della minima e la minima vale il doppio della semiminima, e così via.

Prendendo ai numeri quanto spiegato sopra, i valori sono i seguenti:

Figure musicali Battiti
Semibreve (intero)4
Minima (Metà)2
Semiminima (quarto)1
Croma (ottavo)1/2
Semicroma (sedicesimo)1/4
Biscroma (trentaduesimo)1/8
Semibiscroma (sessantaquattresimo)1/16
Figure musicali e loro valori in tempi o pulsazioni.

Potrebbe interessarti la nostra recensione delle migliori app per Smartphone e iPhone per imparare a suonare la chitarra per principianti.

Altre figure musicali non così comuni

Oltre alle figure musicali più comuni: SemibreveMinima, SemiminimaCromaSemicroma, Biscroma e Semibiscroma; ve ne sono altri meno utilizzati, come il Breve (rara), che equivale a due Semibreve ed è praticamente in disuso; oppure gli la Fusa e la Semifusa che equivalgono rispettivamente a 1/128 e 1/256 del valore di una Semibreve. Questi sono usati eccezionalmente per opere di estremo virtuosismo.

Punto di valore

Se dopo la figura musicale -a destra- viene posizionato un punto chiamato punto di valore, la durata di una qualsiasi delle figure precedenti viene aumentata della metà. Cioè, se un punto viene aggiunto a una semiminima che dura 2 misure, significa che quella nota dura 1 misura in più, la metà del valore della nota nera, per un totale di 3 misure. Nel caso di un round puntato, varrà 6 battute poiché aggiunge metà del suo valore, che è 2, al round che vale 4.

Equivalenze tra figure tratteggiate e figure comuni.

A loro volta, è possibile combinare più punti di valore, il che aggiungerà metà del valore del punto precedente. Ad esempio, se aggiungiamo due punti dopo un’intera nota, il primo punto aggiunge 2 battute, la metà del valore dell’intera nota, che è 4-, e il secondo punto aggiungerà 1 battuta, che è la metà del valore del precedente punto. Puoi vederlo nel disegno qui sotto.

Equivalenza delle figure con un punto, con due e con tre punti.
Senza puntoUn puntoDue puntiTre puntiQuattro punti
Durata01⁄2 = 0,51⁄4 = 0,251 ⁄ 8 = 0,1251⁄16 = 0,0625
Risultato decimaleuno1.51.751.8751.9375
risultato frazionariouno1 ⁄ 23 ⁄ 47 ⁄ 815 ⁄ 16

Gruppi irregolari

Un gruppo irregolare nella notazione musicale è un gruppo di note che, per la loro formazione rispetto alla misura in cui si trovano, risultano in contrasto rispetto all’indicazione stabilita inizialmente; e quindi non rispettano la naturale suddivisione ritmica del brano musicale anche se eccezionalmente corrispondono nella esecuzione al valore dell’unità di tempo.

Qui troviamo terzine, che consistono in tre note dove normalmente ce ne sarebbero due. Inoltre, se una cifra è raggruppata con un’altra di metà del suo valore dove solo la prima starebbe bene, è anche una terzina. La tripletta è crittografata con un arco che copre le figure coinvolte e all’interno del quale è presente un 3.

La tripletta del nero e la sua equivalenza a due neri.

Inoltre, all’interno dei gruppi irregolari troveremo i quintina -di 5 banconote- e i sestina -di 6 banconote-. Questi sono crittografati in modo simile alla terzina, ma invece di 3, 5 e 6 vengono utilizzati rispettivamente per quintina e sestina.

Figure di silenzi musicali e loro valori

A sua volta, ad ogni figura musicale corrisponde una silenzi, che ha la stessa durata della nota a cui corrisponde la figura:

Silenzi musicali e loro equivalenti: Silenzio di intera, mezza nota, nera, croma, semicroma, fusa e semifusa.

Altri segni musicali

Ci sono molti altri elementi in una partitura, come i simboli che rappresentano le articolazioni dell’espressione, alterazioni, altri indicatori, come tempo, fader, indicatori di velocità, ecc.

Potrebbe interessarti la nostra guida su come scrivere una canzone: testo, musica, titolo e idee.

Dinamica: Regolatori di intensità

I cursori Loudness vengono utilizzati per regolare il volume di intere note o frasi. Sono rappresentati con angoli che, a seconda che siano aperti a destra oa sinistra, aumentano o diminuiscono gradualmente l’intensità del suono. Quindi, può anche essere espresso in parole: crescendo < che implica che l’intensità aumenta e diminuendo > che implica che l’intensità diminuisce.

Anche di seguito possiamo vedere la tabella delle sfumature, per sapere con quale intensità e dinamica suonare il brano musicale.

Segni Intensità
fffortissimo
fforte
mfmezzo forte
mpmezzo piano
ppiano
pppianissimo

Articolazioni e abbellimenti

Articolazioni abbellimenti sono modi per arricchire la melodia, con effetti o ornamenti che danno fioriture al brano musicale.

Articolazioni musicali
  • Legato
  • Pizzicato
  • Staccato
Legato

Legato significa che la frase ha una continuità sonora, senza interruzioni o silenzi intermedi, anche senza modificarne l’intensità. Legato significa quindi che devi suonare le note senza intoppi, senza lasciare spazio tra una nota e l’altra. È rappresentato da un arco che copre le note legate.

Legato: devi suonare le note in modo fluido, senza lasciare spazio tra una nota e l'altra.
legato
Pizzicato

Il pizzicato è una tecnica ampiamente utilizzata sulla chitarra, in particolare sulla chitarra elettrica. Questa tecnica deriva dal violino e viene eseguita pizzicando le corde invece di suonarle con l’arco.

Alla chitarra il Pizzicato è eseguito da Palm Muting. La tecnica consiste nel sostenere la parte sinistra della mano destra appena sopra il ponte e quindi silenziare parzialmente le corde, in modo che il suono venga immediatamente interrotto. Il Pizzocato si scrive con un cerchio con una linea verticale sopra la nota con la stessa parola Pizzicato.

Il pizzicato è una tecnica ampiamente utilizzata sulla chitarra, in particolare sulla chitarra elettrica;  viene eseguito eseguendo il silenziamento del palmo.
Pizzicato
Staccato

Staccatto si usa nella notazione musicale, generalmente per mezzo di un punto o di una piccola “v” sopra la nota, per indicare che una certa nota deve essere suonata accorciata, in modo che sia nettamente separata dalla successiva, e con maggiore intensità. Inoltre, implica anche un leggero accento.

Staccatto si usa nella notazione musicale, generalmente per mezzo di un punto o di una piccola "v" sopra la nota, per indicare che una certa nota deve essere suonata accorciata, in modo che sia nettamente separata dalla successiva, e con maggiore intensità.
Abbellimenti
  • Arpeggio
  • Glissando
  • Bending
  • Vibrato
  • Mordente
Arpeggio

L’arpeggio consiste nel suonare le note di un accordo separatamente, più o meno velocemente.

L'arpeggio consiste nel suonare le note di un accordo separatamente ma più o meno velocemente.
Glissando

È ampiamente utilizzato sulla chitarra e consiste nel passare da una nota all’altra con lo stesso tocco trascinando o facendo scorrere il dito da una posizione all’altra. Potresti riconoscerlo di più dal suo termine inglese: slide.

Glissando o portamento, noto anche come Slide, consiste nello scorrere tra le note utilizzando lo stesso tocco.
Bending

I bending, come dovresti già sapere, stanno allungando le corde, portandole a un tono più alto, che può variare da un tono 1/4, un semitono, un tono o più. Sono rappresentati da una freccia curva che segna il tono che devi allungare. Nell’esempio seguente, viene allungato un singolo tono.

Crittografia della piegatura delle corde della chitarra in una partitura e tablatura.

Ti consigliamo di visitare questo tutorial sul sistema CAGED alla chitarra per suonare accordi e arpeggi sull’intera tastiera.

Mordente

Il mordente viene eseguito suonando rapidamente la nota più alta o più bassa della nota effettiva precedente. È un piccolo ritardo della nota melodica. Esistono diversi tipi di mordente:

  1. Mordenti superiori e inferiori
  2. Mordenti singoli e doppi
  3. Mordenti con nota prefissata
  4. Grade e jump Mordenti
  5. Mordenti di piombo e di ritardo
Mordente con nota prefissata.

l’indicazione di tempo 

Subito dopo la chiave e l’indicazione di chiave, viene scritto un altro elemento importante, poiché è quello che definisce il tipo di bussola in cui si trova l’opera musicale. Questo elemento è l’indicazione di tempo.

L’indicazione di tempo è costituito da un numero spezzato in cui devi interpretare il numeratore e il denominatore per sapere quante e quali figure musicali ci stanno. Il numeratore indica quante note andranno a finire nell’intera misura, una in ogni parte. Il denominatore si riferisce a che tipo di figura sono queste note.

Equivalenze di note e la misura o battuta.

Nell’immagine sopra ci sono sei esempi di tempi in chiave; ognuno è un numero frazionario diverso. Il primo da sinistra è 4/4: il 4 al numeratore significa che la misura ha quattro parti. E ciascuna di queste parti corrisponde a una semiminima, come possiamo vedere nell’immagine a destra. Poiché il tempo 4/4 è il più comune, per semplicità a volte viene espresso anche con il segno C. Inoltre, se il Do è incrociato con una linea verticale 𝄵 significa tempo in chiave 2/2.

Altro esempio: quello in alto a destra, che dice ¾, significa che il compasso ha tre parti e che in ognuna di esse si inserisce una semiminima. Nel 2/4: due parti e una semiminima in ciascuna. Gli altri esempi nell’immagine a sinistra sono: 6/8, che significa sei crome poiché l’8 rappresenta la croma; 9/8 che significa che entrano nove crome. E l’ultimo esempio, che è 5/4 e rappresenta una misura di cinque parti in ciascuna delle quali c’è una semiminima.

Fai sempre pratica con il metronomo

Ti consigliamo di esercitarti con il nostro metronomo online gratuito per esercitarti sui ritmi della tua chitarra.

Misura o battute

La misura o battute è una struttura di misurazione utilizzata per organizzare la musica. Sono rappresentati con scatole all’interno delle quali sono poste le figure o i silenzi, le alterazioni e altri simboli musicali.

Le misure o battute possono essere binarie, ternarie o quaternarie, a seconda della loro divisione in battute o parti. Ci sono anche tempi in chiave irregolari.

Una misura binaria è divisa in due parti. Ognuna di queste parti può essere suddivisa a sua volta in modo binario o ternario. I tempi in chiave di suddivisione ternaria sono noti anche come misure composti. Esempi di le indicazioni del tempo di divisione binaria sono 2/4 o 6/8. L’indicazione del tempo di 2/4 è di suddivisione binaria e 6/8, ternaria.

Le indicazioni del tempo di divisione tripla possono anche essere semplici o composte. Una misura della divisione ternaria semplice, cioè della suddivisione binaria, è ¾. Anche l’indicazione del tempo della divisione ternaria e della suddivisione ternaria è 9/8.

Una misura di divisione quaternaria può anche essere suddivisa binaria o ternaria. Il primo caso sarebbe 4/4 e il secondo, 12/8.

Indicatore Compas, tempo del brano musicale.

Le caselle di ogni misura sono formate dalle linee di divisione verticali sul pentagramma, dette anche stanghette. Queste misure possono apparire doppie, per indicare ripetizioni di frammenti, cambi di intonazione o battuta.

Potresti essere interessato a dare un’occhiata alla nostra lezione per imparare le scale di chitarra per principianti.

Stanghetta normale

Viene utilizzato per segmentare le misure in tutto il punteggio; Non hanno alcuna funzione aggiuntiva correlata.

stanghetta regolare: usata per segmentare le battute lungo la partitura;  Non hanno alcuna funzione aggiuntiva correlata.

Stanghetta doppia

Viene utilizzato per dividere frammenti di musica composti da più misure. Possono essere usati per indicare il culmine di una melodia, o il passaggio da un tema musicale all’altro, tra gli altri.

Doppia stanghetta: serve per dividere frammenti di musica composti da più battute.  Possono essere usati per indicare il culmine di una melodia, o il passaggio da un tema musicale all'altro, tra gli altri.

Stanghette di ripetizione

Indicano che un segmento musicale, dalla misura di inizio ripetizione, compresa questa, deve essere ripetuto tante volte quante indicate in partitura. Di solito viene ripetuto una sola volta.

Stanghette di ripetizione: Indicano che un segmento musicale, dalla misura di inizio ripetizione, compresa questa, deve essere ripetuto tante volte quante indicate nella partitura.  Di solito viene ripetuto una sola volta.

Stanghetta di chiusura

Segna la fine di un’opera musicale.

stanghetta finale: segnala la fine di un'opera musicale

Le battute strutturano il discorso musicale formando motivi, contromotivi e frasi, e sono combinate con le zone armoniche di tensione e riposo, poiché le battute hanno anche parti forti e deboli. Questa combinazione è nota come ritmo armonico.

Conclusione: come leggere spartiti per chitarra o basso?

Imparare a leggere gli spartiti di solito richiede un insegnante, ma con pazienza e pratica puoi muovere i primi passi. È anche importante cantare la musica che leggiamo e saper riconoscere gli intervalli, gli accordi e le altre risorse musicali che sono rappresentate in una partitura, e questo richiede molta pratica e guida personale.

Un insegnante ci guiderà nell’intonazione della musica con la chitarra o il pianoforte, che è una parte molto importante per imparare a leggere gli spartiti, Solfeggio.

Un’altra disciplina molto importante è la dettatura musicale, che consiste nel saper identificare la musica ascoltandola e saperla scrivere o riprodurre con il nostro strumento.

I grandi musicisti di lettura possono improvvisamente leggere –leggere a prima vista– una partitura, cioè senza averla studiata a priori o con una semplice recensione. Sono inoltre in grado di trasporre la musica scritta in qualsiasi tonalità diversa, avvalendosi delle chiavi. Tutte queste abilità richiedono molto studio ed esperienza.

Consigliamo questa recensione delle migliori chitarre acustiche economiche per chitarristi di livello intermedio e principiante.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.