Tasti per chitarra: guida su dimensioni e materiali dei fili e altro ancora

Tasti per chitarra: guida su dimensioni e materiali dei fili e altro ancora
Comparte este artículo en

I tasti della chitarra sono una parte importante dello strumento che influenza il comfort e il tono, analizziamo tutto ciò che riguarda le misure e i materiali dei fili dei tasti.

Tasti e chitarra

Come forse già saprai, i tasti dividono una tastiera in intervalli di semitoni facili da vedere che ci dicono dove sono le note. A differenza di altri strumenti a corda come violino, violoncello, contrabbasso e altri, la chitarra ha dei tasti che ne facilitano l’esecuzione.

Alcuni chitarristi hanno sperimentato con chitarre fretless, come i bassi, ma senza molto successo. Uno dei motivi principali per cui la chitarra è fretted è perché gli accordi costituiscono una parte essenziale del suonare la chitarra. Senza tasti, suonare accordi a 6 note intonati sarebbe davvero complicato.

Certo, l’uso dei tasti ha i suoi limiti, dal momento che non consente l’uso di microtoni o scale orientali esotiche, a meno che non si utilizzi uno Slide, che non è altro che un tasto mobile controllato da un nostro dito. Fortunatamente, non molti chitarristi vogliono usare microtoni o scale orientali.

Potresti anche essere interessato a saperne di più sulle parti della chitarra elettrica e sull’importanza di ciascuna.

Tasti per chitarra di tipo T
Tasti per chitarra di tipo T

Storia dei tasti

Materiale dei tasti: da osso a metallo

I primi strumenti a corda, e predecessori della chitarra, che avevano i tasti utilizzavano corde di budello, quindi era comune che i tasti fossero fatti di osso, così come il capotasto. L’osso è abbastanza forte per le corde di budello, ma quando sono state introdotte le corde di metallo avvolto, il metallo è diventato il materiale preferito dai liutai per i tasti. Pertanto, oggi, la maggior parte dei tasti è composta da circa il 18% di nichel per la durata e l’80% di rame per la flessibilità.

Forma dei tasti: barra per digitare “T”

I primi tasti in metallo erano molto diversi da quelli che conosciamo e usiamo oggi. Questi primi tipi di tasti sono comunemente conosciuti come tasti a barra. Detto nome è dovuto al fatto che si tratta di barre metalliche con lati piatti, cioè rettangolari, che si irradiano nella parte superiore e sono poste nelle fessure dei tasti più larghe di quelle attualmente utilizzate.

Tasto a barra sulla chitarra acustica.
Fret bar sulla chitarra acustica

Il tasto bar è ancora oggi disponibile per lavori di restauro di chitarre classiche o acustiche vecchie o “vintage”. Ci sono anche chitarristi acustici che preferiscono la sensazione e l’aspetto dello stile dei tasti a barra per le loro chitarre acustiche e spagnole.

L’attuale “tasto a T” è stato brevettato negli anni ’20 da Clinton F. Smith. Questo tasto divenne presto lo standard del settore e lo è ancora oggi. La lettera ‘T‘ sta per “Tang” cosa significa codolo.

Se lo guardi di lato, il tasto a T assomiglia molto a un fungo. Il tasto a spina di pesce è molto più stretto di un tasto a barra ed è stato progettato per adattarsi agli slot più stretti della tastiera. I tasti sono tenuti in posizione grazie a un accoppiamento ad attrito, aiutato da codini che lo aiutano ad afferrare i lati e impediscono al tasto di scivolare fuori dallo slot.

Vintage rinfrescante con tasti a barra — Chitarre Haze
Tasto di tipo T a sinistra e tasto a barra a destra

Misure e dimensioni dei tasti della chitarra

Sebbene la maggior parte dei tasti per chitarra elettrica, spagnola/classica e acustica siano ora tasti di tipo T, ci sono diverse dimensioni. Le corone variano in larghezza e altezza, il che influenzerà il modo in cui una chitarra si sente e la sua suonabilità. Alcuni chitarristi potrebbero persino pensare di poter influenzare il tono della chitarra.

Dai un’occhiata a questa guida sui tipi di chitarre: chitarra elettrica classica, acustica, hollow-body o solid-body.

Tasti moderni: alti e larghi

Le corone alte possono quasi far sembrare una tastiera come se fosse stata delicatamente smerlata e rendere più facile mettere le dita sotto le corde. Ciò ti consente di piegarti ed eseguire vibrati in modo più semplice e controllato. D’altra parte, gli svantaggi sono che quando si fa scorrere la tastiera si possono sentire i tasti sotto le dita in modo più marcato e fastidioso, e che premendo troppo forte sulla corda si può influenzare la tensione e con essa l’accordatura di la stringa. Per questi ultimi si preferisce solitamente che i tasti alti siano anche più larghi per poter realizzare le corone con una curvatura più graduale, e ammorbidirle al tatto.

Questo stile di tasti è preferito dai chitarristi Rock e Shredders Lead. La dimensione più rappresentativa e più grande dei tasti si chiama Jumbo.

Tasti tradizionali o vintage: bassi e stretti

Sebbene Fender utilizzi tradizionalmente tasti più sottili rispetto a Gibson, entrambe le misure sono più sottili e inferiori rispetto ai moderni tasti Jumbo. Questi tasti sono più lisci in mano.

Durante gli anni ’50, molti musicisti jazz preferivano i tasti ultra bassi. La Les Paul Custom in quegli anni fu promossa come ‘The Fretless Wonder’. Questo ha molto senso poiché a quel tempo non si giocava con i bending.

Dimensioni tasti

Le misure normalmente indicate sono quelle della corona, ma a volte bisogna considerare anche quella del codolo. Anche quando si ripassa, è consigliabile misurare la profondità e la larghezza del codolo per determinare se il nuovo filo che si desidera utilizzare sarà compatibile con le fessure dei tasti esistenti. Sebbene questo faccia parte del lavoro del liutaio e di solito verrà ignorato dal chitarrista, è importante tenerlo a mente quando si tratta di chitarre costose o vintage.

Quando acquisti una chitarra, è importante guardare quali tasti ha. Dal momento che un lavoro di rifacimento della chitarra è piuttosto costoso. Troverai spesso i nomi delle dimensioni dei tasti di una chitarra come: “tasti jumbo” o “tasti jumbo medi“, “Narrow and tall“, tra gli altri. Pertanto, di seguito puoi trovare nel dettaglio le principali misure, utilizzate sia da Fender che da Gibson.

Dimensioni dei tasti per chitarra più popolari

Il principale produttore di tasti è Dunlop Manufacturing Inc., le dimensioni principali che vedrai dettagliate di seguito. Sono identificati da codice articolo, nome ove previsto, larghezza e altezza della corona, sono, dal più piccolo al più grande:

  • 6230 : Conosciuto anche come misura “Vintage Fret”, questo è il tasto più piccolo che si trova sui vecchi manici Fender (1,98 x 1,09 mm / .078″ x .043″).
  • 6150 : « Vintage Jumbo » sono più larghi ma non alti quanto 6230 o Vintage (2,59 x 1,07 mm / .102″ x .042″).
  • 6105 : noto anche come “Moderno stretto e alto”, attualmente molto diffuso (2,28 x 1,40 mm / .090″ x .055″). Questo è l’indicatore principale utilizzato da Gibson e anche molto utilizzato da Fender.
  • 6130 : i popolari « Medium Jumbo », sono più alti ma piuttosto stretti (2,69 x 0,91 mm / .106″ x .036″).
  • 6100 : « Jumbo » o anche «Modern Jumbo» è il tasto più grande disponibile (2,79 x 1,40 mm / .110″ x .055″).
Guida ai tasti per chitarra: misure, tono, taglie, materiali

Il refretting come riparazione o come miglioramento

La dimensione è puramente una questione di preferenza e comfort. Le misure o le dimensioni dei tasti possono influenzare il tuo stile di gioco. Coloro che sono abituati a suonare la tastiera, di solito preferiscono i tasti da bassi a medio alti, il 61306150 o 6230 le opzioni ideali. D’altra parte, il tasto jumbo 6100 può fornire comfort durante la riproduzione e tende a fornire un migliore sostegno e facilitare le flessioni.

Come abbiamo visto, molte delle prime chitarre erano dotate di tasti bassi, poiché il bending non veniva utilizzato nei primi anni della chitarra. Tuttavia, il modo di suonare la chitarra si è evoluto e le chitarre vintage con tasti ultra bassi possono rendere difficile l’esecuzione. Per questo motivo, a meno che le chitarre non siano strumenti originali d’epoca, è ben visto fare un “upgrade” ripassando con un filo più alto e largo su di esse.

Potresti anche essere interessato ai migliori consigli per aggiornare una chitarra elettrica.

I tasti e il tono della chitarra

Ci sono molti miti associati alla dimensione dei tasti e alle sue implicazioni sul tono. Ma la realtà è che il cambiamento di materiale è minimo e un tasto ben coronato e stretto ha una superficie di contatto simile con la corda. Quindi sostenere che i tasti più spessi potrebbero aggiungere massa e rigidità al manico è relativo. Detto questo da un punto di vista teorico, abbiamo consultato chitarristi che di solito ripassano -cambiano i tasti- le loro chitarre con tasti grandi come i Jumbo, mentre alcuni hanno assicurato che i tasti danno più attacco alla chitarra, altri ritengono anche che dia anche più sostenere.

Quello che colpisce di più ovviamente è il materiale del tasto. Pertanto, i tasti più duri, come l’acciaio, forniscono più luminosità al tono della chitarra.

D’altra parte, come abbiamo già detto, la dimensione e la forma del tasto influenzano il modo in cui suoni la chitarra, quindi può influenzare il tuo tono perché influisce sul tuo stile personale. Il filo più alto dei tasti aiuta a suonare più velocemente mentre devi essere più preciso con la forza con cui premi le corde in modo da non stonare le note.

Materiali per tasti per chitarra

Tasti per chitarra in nichel, argento

Come abbiamo già visto, la stragrande maggioranza dei tasti delle chitarre elettriche è realizzata in alpacca, noto anche come argento tedesco. In modo abbastanza confuso, in realtà non c’è argento coinvolto con “argento tedesco”. L’alpacca è una lega ternaria composta da zinco, rame e nichel.

Le proporzioni variano, ma la maggior parte dei tasti contiene circa il 18% di nichel per una maggiore durata e l’80% di rame per renderlo sufficientemente flessibile e sufficientemente morbido da essere lucidato, sagomato e lucidato per l’uso. I tasti NS18 di Jescar, ad esempio, sono solo il 62% di rame, con il 18% di nichel e il 20% di zinco.

tasti della chitarra
tasti della chitarra

Tasti per chitarra in acciaio

Alcune persone sono abbastanza sfortunate da avere un’allergia al nichel, quindi i tasti in acciaio inossidabile sono un’opzione per loro. L’acciaio inossidabile è estremamente duro per gli strumenti e richiede molto sforzo fisico per livellare, modellare e lucidare. Questo li rende più difficili da lavorare e quindi più costosi da installare, oltre al loro costo.

Tra i lati positivi, i tasti in acciaio inossidabile forniscono una superficie super liscia su cui allungare le corde e mantenere la loro lucentezza indefinitamente. L’acciaio è anche così forte che potresti non aver mai più bisogno di un refretting, anche se influisce sulla durata delle corde, specialmente per coloro che usano corde di nichel puro perché è più morbido dell’acciaio. 

I tasti in acciaio inossidabile, molto più duri, aggiungono brillantezza al suono della tua chitarra, quindi ci sono persone a cui piace quell’effetto di un audio “più acustico”, mentre al contrario ci sono persone che, al contrario, li evitano perché della stessa ragione.

Tasti per chitarra antiallergici Jescar

Il tasto EVO Ni-Free Gold di Jescar è un’altra opzione senza nichel. Sono realizzati in una lega appositamente sviluppata per le persone allergiche al nichel. Si dice che sia più resistente del nichel e molto resistente, ma più morbido e più facile da lavorare rispetto al filo per tasti in acciaio inossidabile.

Conclusione sui tasti della chitarra elettrica

Quindi, come molte altre cose, i tasti sono una questione di gusti personali. Ma quando trovi la giusta combinazione di dimensioni e materiali per te, può migliorare notevolmente la tua esperienza con la tua chitarra, il tuo modo di suonare e il tuo suono.

Qual è il tuo tipo di tasto ideale?


Puoi condividere opinioni nella nostra sezione commenti qui sotto.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.