Brown Sound: il segreto del tono, dei miti e delle verità dei Van Halen

Brown Sound: il segreto del tono, dei miti e delle verità dei Van Halen
Comparte este artículo en

Brown Sound: segreti, miti e verità sul tono e sul setup di Eddie Van Halen, il genio della chitarra.

Cos’è il Brown Sound?

Brown Sound è come viene chiamato l’audio del leggendario chitarrista Eddie Van Halen nel suo primo album. Il Brown Sound è fondamentalmente una chitarra di tipo Stratocaster con un humbucker PAF sul ponte collegato a un Marshall Plexi da 100 watt del ’67 completamente saturato collegato a un cabinet 4 x 12 con Celestions G12M Greenback. Ma ci sono alcuni altri segreti dietro questo suono iconico di cui ti parleremo qui.

Come è nato il termine Brown Sound di Van Halen?

In un’intervista che Guitar Player ha condotto con Van Halen nel 1978, Eddie, quando gli è stato chiesto come avrebbe descritto il suo audio o suono, ha risposto “it’s a brown sound”, che in italiano sarebbe “è un suono marrone”. Da lì, il termine Brown Sound avrebbe preso piede e oggi è un marchio di fabbrica dell’audio grezzo della fase iniziale dei Van Halen.

Chitarra pickup singolo Eddie Van Halen Frankenstrat, inventore del Brown Sound.

Miti sul Brown Sound di Eddie Van Halen: Variac ed Echoplex EP-3

Si crede che dietro il tono di Eddie con il suo Frankenstrat collegato al suo Plexi e un cabinet 4×12, ci sia qualcos’altro che è il Variac. Inoltre, Edward ha anche utilizzato molto un nastro eco Echoplex EP-3 per ottenere il leggendario audio.

Il Variac è un dispositivo che permette di variare il voltaggio con cui viene alimentato un dispositivo elettrico, in questo caso l’amplificatore Plexi di Eddie.

A cosa serve il Variac utilizzato da Eddie Van Halen?

La variazione della tensione di alimentazione di un amplificatore produce variazioni di tono e volume. Pertanto, maggiore è la tensione, meno l’apparecchiatura si satura e viceversa, più bassa è la tensione, più si satura. Inoltre, minore è la tensione, il suono diventa un po’ più rotondo e spugnoso. In un test eseguito su un Marshall Plexi Super Lead del ’67, abbassare la tensione a 95V, invece della normale tensione di 110V, si traduce in una leggera diminuzione dei bassi profondi e una leggera diminuzione del volume, e l’attacco è più lento come Rhett Shull spiega nel seguente video con Rick Beato.

Perché Eddie Van Halen ha iniziato a usare Variac sul suo Plexi?

Come tutti sapete, il Marshall Plexi suona in modo insopportabile. Eddie adorava il suono del suo Marshall Plexi da 100 watt a piena potenza e volume! Che era estremamente rumoroso. Durante il test di un Marshall 220V, ha scoperto che questo collegato a 110V dagli Stati Uniti suonava molto più basso. Così, cercando di controllare la tensione di alimentazione del suo Marshall da 100 watt, ottenne un Variac. Ben presto il Variac divenne il “volume principale” per il suo amplificatore.

Qual è il numero magico su cui Eddie Van Halen ha impostato il Variac?

Eddie spiega che quando suonava in posti piccoli metteva il Variac a 60V, quando suonava in posti più grandi lo usava a 80V, e per le registrazioni, lo sweet spot – sweet spot – era a 89V.

Quindi è un mito o è vero che viene utilizzato un Variac per ottenere il tono Brown Sound?

Come abbiamo detto prima, mentre Eddie usava il Variac come una sorta di volume principale, questo non riguarda solo il volume, ma anche il tono. Pertanto, sebbene non fosse sua intenzione, il suo tono è modellato in base all’uso del Variac a 89V.

Eddie spiega tutto sul Variac e sfata i miti sul motivo per cui lo ha usato in un’intervista del 2015 del Museo Nazionale di Storia Americana dello Smithsonian e di Zócalo Public Square. L’intervista si chiamava “Is Rock ‘n’ Roll About Reinvention?” in cui Edward Van Halen è stato intervistato dalla giornalista Denise Quan.

La storia di Variac raccontata dallo stesso Eddie Van Halen

Ho lavorato tutta l’estate per comprare quell’amplificatore ed eravamo già troppo rumorosi e ora avevo un Marshall da 100 watt. Era così dannatamente rumoroso che ho fatto di tutto, da rivolto verso il basso a rivolto verso il suolo… Era troppo rumoroso! Quindi ho visto un annuncio su un altro giornale di Marshall e ho pensato ‘forse questo è diverso’, beh, sicuramente è stato perché quando l’ho collegato non ha funzionato… ma l’ho lasciato acceso e quello che non ho capito era questo dall’Inghilterra ed era a 220 volt – invece di 110v negli Stati Uniti – (…); Ci è voluto molto tempo per riscaldarsi fino a metà tensione, e quando ho preso in mano la mia chitarra ho pensato ‘sembra incredibile!’… Ma incredibilmente silenzioso. Mi sono reso conto che “potevo controllare il volume dell’amplificatore con il voltaggio, quindi ho provveduto ad agganciarlo al dimmer di casa, L’ho spento e così via. Quindi alla fine sono andato in un posto chiamato Dial Radio e ho chiesto “hai qualche tipo di trasformatore industriale a tensione variabile che posso usare come interruttore dimmer?” E lui ha detto “sì, ho questa cosa chiamata Variac”, ho detto. “Va bene”, lo porto a casa, collego l’amplificatore e abbasso la tensione da 110 lentamente a 100 e… il minimo che ho raggiunto è stato di 60. A seconda della stanza in cui stavamo suonando, lo imposterei tra 60 e 100 perché l’unico modo in cui l’amplificatore suonava bene era con tutto al massimo, quindi è diventato il mio controllo del volume. Se dovessimo suonare piccole battute, la metterei a 60 volt; da qualche parte un po’ più grande l’ho impostato su 80 e per la registrazione lo sweet spot sembrava essere 89 volt. Quindi alla fine sono andato in un posto chiamato Dial Radio e ho chiesto “hai qualche tipo di trasformatore industriale a tensione variabile che posso usare come interruttore dimmer?” E lui ha detto “sì, ho questa cosa chiamata Variac”, ho detto. “Va bene”, lo porto a casa, collego l’amplificatore e abbasso la tensione da 110 lentamente a 100 e… il minimo che ho raggiunto è stato di 60. A seconda della stanza in cui stavamo suonando, lo imposterei tra 60 e 100 perché l’unico modo in cui l’amplificatore suonava bene era con tutto al massimo, quindi è diventato il mio controllo del volume. Se dovessimo suonare piccole battute, la metterei a 60 volt; da qualche parte un po’ più grande l’ho impostato su 80 e per la registrazione lo sweet spot sembrava essere 89 volt. Così alla fine sono andato in un posto chiamato Dial Radio e ho chiesto “hai qualche tipo di trasformatore a voltaggio variabile industriale che posso usare come interruttore dimmer?” E lui ha detto “sì, ho questa cosa chiamata Variac”, ho detto. “Va bene”, lo porto a casa, collego l’amplificatore e abbasso la tensione da 110 lentamente a 100 e… il minimo che ho raggiunto è stato di 60. A seconda della stanza in cui stavamo suonando, lo imposterei tra 60 e 100 perché l’unico modo in cui l’amplificatore suonava bene era con tutto al massimo, quindi è diventato il mio controllo del volume. Se dovessimo suonare piccole battute, la metterei a 60 volt; da qualche parte un po’ più grande l’ho impostato su 80 e per la registrazione lo sweet spot sembrava essere 89 volt.

Eddie van halen

Il Brown Sound e l’Echoplex EP-3

L’Echoplex EP-3 era un vecchio Tape Echo divenuto leggendario perché il suo preamplificatore colorava il segnale audio in modo molto gradevole, arricchendo ed esaltando il tono. Così tanti chitarristi l’hanno usato anche senza l’effetto Tape Echo, solo con il preamplificatore. Tanto che oggi Jim Dunlop produce un pedale preamplificatore Echoplex basato sui circuiti FET originali del vecchio dispositivo.

È morto Eddie Van Halen

Qual è la differenza tra il suono Brown e il suono Plexi?

Ci sono diversi importanti marchi di pedali che offrono amp-in-a-box di Plexi e Brown Sound. Ma non è il tono Brown Sound che ottieni con un Plexi? Sì, il Brown Sound si ottiene utilizzando un Plexi, ma come sai, ci sono molti amplificatori diversi che rientrano nel gruppo di amplificatori Plexi. Mentre tutti hanno il classico tono Marshall, ognuno ha le sue caratteristiche. L’audio Plexi attuale è quello post-’69 con più presenza e alti, e molto guadagno e saturazione. Mentre i primi Plexis, fino al 68, compreso quello di Edward Van Halen hanno un tono più rotondo e caldo. Pertanto, il suono Brown Sound è un Plexi dei primi anni del 1967, con più medi e bassi e alti più rotondi, che si integrano con il Variac e l’Echoplex Ep-3 completano l’iconico audio Van Halen.

Che attrezzatura usava Edward Van Halen?

Oltre al suo Frankenstrat, al suo cabinet Marshall da 100 watt, 4×12 con Celestion G12M, Variac e Echoplex EP-3, Eddie aveva anche altri componenti nel suo setup. Uno era l’EQ MXR che Edward usava per aumentare i medi e come Booster a seconda della chitarra che usava. EVH ha anche usato il classico pedale Phaser MXR Phase 90. Infine, il Flanger MXR.

Lasciaci il tuo commento su cosa ne pensi del Brown Sound dei Van Halen.

Se sei interessato a un Plexi, visita il sito Web di Marshall.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *