La vera storia della reliquia delle chitarre Fender Custom Shop

Comparte este artículo en

The Relic of chitarre reso popolare dal Fender Custom Shop ed esteso ad altre linee, come il Road Worn Made in Mexico, e implementato da altri produttori, è uno dei punti più divisi e discussi della moderna costruzione di chitarre elettriche. È una delle più grandi crepe nel mondo della chitarra. La metà dei chitarristi lo adora e l'altra metà lo odia. In questa nota vi raccontiamo la vera storia di come Fender ha iniziato a relegare le chitarre nel suo Custom Shop.


The Relic e i suoi primi utilizzi sulle chitarre

Il concetto di invecchiamento artificiale e usura di uno strumento esiste da decenni. Ma la Relic non era sul radar della gente fino a quando il Fender Custom Shop non ha iniziato a farlo.

Le tecniche di usura e invecchiamento sono state utilizzate solo nella riparazione di una vecchia chitarra, al fine di imitare la parte riparata sul resto dello strumento. L'altro uso era per contraffare chitarre vintage

Con quanto sia diventata importante la Reliquia nel mondo di oggi, persino Gibson stesso ha aperto il "Murphy Lab" per questi scopi.

Foto di un corpo Stratocaster con finiture e hardware in oro reliquia
Foto di un corpo Stratocaster con finiture e hardware in oro reliquia


Il Fender Custom Shop e la Relic

I protagonisti di questa incredibile storia sono Vince Cunetto e Jay W. Black.


Jay W. Black 

Jay, o "JW" come viene chiamato, era il Master Builder di Fender, assunto nel 1989 da John Page, un guru liutaio, fondatore e, anche a quel tempo, capo del Custom Shop.

Black ha imparato il mestiere di riparazione di chitarre in un negozio locale nella sua città natale di Betlemme. Nel 1986 Jay si trasferì a New York City per lavorare per il grande liutaio Roger Sadowsky, e in seguito lavorò anche alla Rudy's Music, dove nientemeno che John Suhr dirigeva l'industria delle riparazioni e delle costruzioni. 

Fotografia di Jay W. Black (a sinistra) e John Page (a destra)
Fotografia di Jay W. Black (a sinistra) e John Page (a destra)

Nel 1982 Black vide una Telecaster del 1952 che Scott Baxendale aveva restaurato e ulteriormente invecchiato il corpo per farlo sembrare vintage come il resto della chitarra. L'anno successivo, ha fatto il suo primo lavoro di invecchiamento, trasformando una Gibson Les Paul Junior degli anni '50 in una Les Paul Standard del '59. Per fare questo ha aggiunto un top in acero, intarsi trapezoidali sulla tastiera e Gibson in madreperla sulla paletta, quindi lo ha dipinto in un colore invecchiato, satinato e sbiadito. Anche sulle chitarre di Sadowdky alla fine degli anni '80, ha fatto l'invecchiamento per restauri di strumenti vintage. In questo modo, JW ha imparato a creare reliquie artificiali o pre-invecchiamento.


Vince cunetto

Cunetto, il secondo protagonista di questa interessante storia, è stato uno di quei bambini a cui è sempre piaciuto smontare e mettere insieme le cose. Tuttavia, non aveva nulla a che fare con la liuteria o l'industria della produzione di strumenti musicali, ha lavorato nel settore della pubblicità.

Foto di Vince Cunetto -sinistra- e John Page -destra-
Foto di Vince Cunetto -sinistra- e John Page -destra-


La sua ossessione per le chitarre vintage

Nel 1984 e nel 1985 Cunetto iniziò a fare affari comprando e vendendo chitarre vintage. È così che è diventato amico di Jim Colclasure, un rivenditore di chitarre vintage ed ex partner di JW Black. Ad un certo punto, vedendo passare così tante chitarre vintage, ha avuto il bug di volere una "vecchia" Telecaster. Purtroppo, nonostante l'acquisto e la vendita, non potevo permettermelo. Inizia così la sua ossessione per lo studio e l'apprendimento dell'invecchiamento delle chitarre. Si è dedicato alla ricerca delle vecchie Telecaster e del loro abbigliamento, e stava pianificando e disegnando piani per farlo nel modo più realistico possibile.

Quindi, prendendo in prestito la Fender Telecaster da Colclasure, ha preparato dei modelli. Poi ha comprato del legno e l'ha portato in un negozio che aveva una bella vecchia fresatrice, e ha iniziato a fare i corpi Tele. Siccome da giovane aveva lavorato in un laboratorio di pittura, sapeva dipingere con la lacca, dopo aver dipinto, realizzava la reliquia dei corpi.


La storia apocrifa della reliquia e di Keef

La storia ampiamente raccontata è che Fender iniziò a usare la reliquia con l'uscita della serie Relic nel 1995 dopo che Keith Richards provò una nuova chitarra Custom Shop, gli piacque e disse che l'avrebbe suonata solo se l'avessero invecchiata un po '. Questo mito è stato sfatato da coloro che hanno fatto parte della fondazione della serie Relic.

Fotografia di Keith Richards con la sua iconica Telecaster Micawber
Fotografia di Keith Richards con la sua iconica Telecaster Micawber


La vera storia dell'invecchiamento e dell'usura dello strumento

Black è stato visto con il musicista e produttore Don Was nello studio di Don. A quel tempo, nei primi anni '90 stavano registrando i Rolling Stones. Forse quest'ultimo è stato il generatore di confusione o forse semplicemente le basi di una storia più di marketing legata a una vera Rock Star come Keith.

Doveva partecipare ai Grammy perché Bonnie Raitt era stata nominata e stavano per esibirsi, e lui era il suo produttore. Avevo un nuovo basso e volevo che il Custom Shop facesse un lavoro di "usura" sullo strumento, quindi sembrerebbe che il Rock fosse in cima.

Basandosi su questo, il Custom Shop occasionalmente applicava un piccolo trattamento di invecchiamento come una tantum per gli artisti che avevano bisogno di quel look, ma non era all'interno di una linea standard.


Incontro di Jay W. Black e Vince Cunetto

I due protagonisti di questa storia delle Reliquie si sono incontrati per la prima volta quando Jim Colclasure li ha presentati durante una visita di JW in Kansas. Jim portò Black a casa di Cunetto, che produceva battipenna e diversi telecaster completi in un modo ossessivo vintage. JW è rimasto sbalordito dall'ottimo lavoro di Vince. Da questo entrambi si tenevano in contatto.


Riproduzione di decalcomanie vintage, la porta d'accesso a Fender

Cunetto aveva bisogno delle decalcomanie Fender vintage corrette sulla paletta per completare le sue repliche. Grazie alla sua esperienza nel mondo della pubblicità e ai contatti con il Dipartimento artistico, ha saputo ottenerli. Cunetto è riuscito a replicare le decalcomanie basate su fotografie di chitarre vintage e ridimensionarle correttamente. In seguito iniziò a venderli alle chitarre e si seppe che era stato lui a crearli.

Immagine di Decal Vintage Correct disegnata e realizzata da Cunetto
Immagine di Decal Vintage Correct disegnata e realizzata da Cunetto

Quando Black ha iniziato a lavorare per Fender, ha parlato con Vince e gli ha detto che sapevano che stava facendo le decalcomanie e che non era giusto. Ma se iniziassi a realizzarli per il Custom Shop sarebbe fantastico!

Fu così che Cunetto iniziò come imprenditore lavorando per il Fender Custom Shop. Fornire loro decalcomanie con il logo Fender corretto per il vintage per tirature brevi e uniche del CS. Successivamente, ha iniziato a fornire parti specifiche usurate su richiesta, come un battipenna in bachelite, che Black ha utilizzato per ripristinare una Ronnie Wood Telecaster. In questo modo il replicatore vintage e il Master Builder si sono resi conto che potevano lavorare insieme su qualcosa di molto più grande.


Una Stratocaster stile anni '60: il grilletto

Vince ha inviato a John Page e JW Black una Stratocaster degli anni '60 con finitura metallizzata oro. Tutte le parti e le finiture della chitarra sono state invecchiate e patinate per sembrare un autentico strumento vintage. Era così convincente che fosse praticamente un falso. Così John e JW decisero di commissionare a Cunetto un paio di prototipi per il NAMM Show dell'inverno 1995. I prototipi erano un Nocaster del 1950 in Butterscotch Blonde invecchiato e una Stratocaster 57 in Sunburst bicolore ". Era richiesto in segreto, lo sapevano solo nel Custom Shop, alle spalle della Direzione dell'azienda e delle altre aree.


Due prototipi, una Telecaster e una Stratocaster

Per facilitare la prototipazione, Black ha spedito scatole di corpi, maniglie e parti Fender dalla California a Cunetto in Colorado. Vince le dipinse, le reliquie e le rimandò indietro.

Ad un certo punto, Black e Page hanno visto che la Stratocaster Sunburst non funzionava bene e hanno deciso di fare la Stratocaster "bionda". In questo modo, hanno cambiato il prototipo del '57 in una simile Mary Kaye Stratocaster con hardware dorato. Nel dicembre 1994, Cunetto aveva completato da cinque a sei prototipi che mostravano diversi livelli di usura. Black e Page hanno selezionato una Nocaster e una Mary Kaye e hanno realizzato dei timbri in acciaio per incidere la parola "Relic" all'interno dei corpi e il logo Custom Shop sul retro delle meccaniche per evitare confusione tra la folla. Di seguito le foto dei prototipi tratte dal post Reverb. Entrambi gli strumenti sono stati venduti nove mesi fa a un prezzo di circa 31.000 USD.

Fotografie dei prototipi esposti al NAMM 1995: 
Fender Nocaster 51 e Stratocaster 54 con incisione sul manico e timbro sulla paletta
Fotografie dei prototipi esposti al NAMM 1995: Fen
der Nocaster 51 e Stratocaster 54 con incisione sul manico e timbro sulla paletta


Il NAMM Show del 1995 e l'incredibile accoglienza

Le due chitarre sono state esposte in due vetrine realizzate con lastre d'oro contrassegnate rispettivamente con "50s Relic Nocaster" e "50s Relic Stratocaster". La gente è subito impazzita quando ha visto quelle due belle "reliquie".

Mike Lewis, all'epoca direttore del reparto marketing di Fender, era fortemente favorevole al progetto. Quando ha visto le chitarre ha detto: "Diavolo sì, facciamolo! Chi non vorrebbe suonarle?"

L'idea iniziale di Fender era quella di realizzare queste chitarre internamente. Ma a causa delle restrizioni dell'EPA, l'Agenzia per la protezione dell'ambiente degli Stati Uniti, lo stabilimento Fender non era autorizzato a dipingere con vernice nitrocellulosica – o nitrocellulosa – poiché non aveva i requisiti tecnici.

Cunetto ha detto: “Dovevo andare a consigliarli, trasmettere le tecniche e l'intero processo. Ma semplicemente non erano pronti per questo. Non potevano usare il tipo di lacca richiesto, invecchiare l'hardware e tutto il resto, semplicemente non avevano le persone per farlo. E loro hanno detto: 'Bene, abbiamo già ordinato 400 chitarre! Non possiamo dire di no a loro. '"


Lo stabilimento "Cunetto"

Nell'aprile 1995, Vince Cunetto aveva installato uno stabilimento di oltre 600 piedi quadrati a Springfield con cabine di verniciatura e gli strumenti e le stazioni di lavoro necessari per la finitura e l'invecchiamento delle specifiche vintage.

Foto di Vince Cunetto con corpi Relic per Fender Custom Shop
Foto di Vince Cunetto con corpi Relic per Fender Custom Shop

Ho ricevuto le scatole del corpo, le maniglie e altre parti da Fender, le ho dipinte, invecchiate e rispedite indietro. Il primo lotto di "kit" indossato era di venti chitarre e spedito a Fender il 27 giugno 1995. 


Successo della reliquia

I primi ad accettare le chitarre Relic realizzate dal Fender Custom Shop furono gli artisti. Dall'accettazione di chitarristi professionisti, ha rafforzato la buona ricezione del nuovo concetto da parte dell'intero mercato. In questo senso, i rappresentanti di Artistic Relations hanno dato chitarre famose per renderle popolari e impostare una nuova tendenza.

Fu così che le vendite crebbero costantemente e la serie Relic si affermò saldamente come linea di produzione convenzionale nel catalogo Custom Shop di Fender


Crescita della "Serie Relic"

Ben presto, la serie fu affiancata dalla Sunburst Strat bicolore con tastiera in acero-Maple- e dalla Sunburst tricolore con tastiera in palissandro -Rosewood-. Successivamente si sono espansi alla Strato White Olympic e ad altri colori Custom. Tutti erano dipinti con i colori DuPont proprio come gli originali.

Immagine di una Fender Stratocaster Custom Shop Relic Olympic White
Immagine di una Fender Stratocaster Custom Shop Relic Olympic White

Così, nel 1996, Cunetto ha costruito un impianto più grande con postazioni di lavoro personalizzate e ha ampliato la capacità di verniciatura a spruzzo tre volte rispetto allo stabilimento originale di Springfield. Così, hanno iniziato a realizzare quaranta set di parti di chitarra a settimana.

Successivamente hanno iniziato con Jazz Bass e Jazzmaster, oltre a chitarre d'artista. Alcuni di questi esempi sono un basso Sting, che aveva due bassi realizzati per replicare il suo vecchio Precision. Anche chitarre per gli Stones, Clapton e molti altri. Successivamente, sarebbero arrivate anche edizioni limitate di bassi o chitarre d'autore, ispirate a strumenti musicali iconici.


Tutta l'operazione nel Corona Custom Shop

Nel novembre 1998, Fender aveva già ampliato e preparato i propri impianti per la spruzzatura di vernice nitrocellulosica. Inizia così, alla fine del 1998, il passaggio dell'operazione che pose fine all '"era Cunetto". Presto l'intero processo di produzione iniziò presso il Fender Custom Shop di Corona.


Serie e notizie di Time Machine

Portando l'operazione a Fender in California, il nuovo direttore del Custom Shop, Eldred ha rinnovato la serie Relic. Presentava la famosa serie Time Machine, che includeva la Telecaster e la Stratocaster con un fondo in acero degli anni '50 e un fondo in palissandro degli anni '60 in tre diversi livelli di usura ed età: Relic, Closset Classic che è un plus liscio Include un New Old Stock o NOS -new old stock-, che è in stile vintage senza reliquia.

Immagine di una Fender Stratocaster Custom Shop Relic Three-tone Sunburst anni '60
Immagine di una Fender Stratocaster Custom Shop Relic Three-tone Sunburst anni '60

Questa serie a tre livelli ha avuto una lunga serie di successi, sebbene le Reliquie siano sempre state vendute in gran numero, ha continuato ad evolversi negli ultimi anni. Alla fine del 2009 e all'inizio del 2010, sono state aggiunte due nuove varianti: "Heavy Relic" e "Ultra Relic", aggiungendo livelli crescenti di usura alle opzioni esistenti.

Nel 2015, Mike Lewis è stato incaricato dell'operazione CS. Lewis ha ulteriormente ampliato l'offerta della serie Time Machine. Ora ci sono le opzioni per NOS, Closet Classic, Lush Closet Classic, Journeyman Relic, Relic e Heavy Relic. Che vanno da uno strumento senza usura a una reliquia estrema.

Molti professionisti concordano sul fatto che l'attuale gamma di modelli Fender Relic è una delle migliori in assoluto. Allo stesso tempo, le chitarre "Cunetto Era" sono ancora molto apprezzate e hanno acquisito uno status da collezione.


Presenti del "Master Builder" e "the Contractor"

JW Black ora vive e lavora in Oregon, dove è specializzato nella riparazione di chitarre Fender e altre chitarre vintage, e produce e vende anche le sue chitarre in stile Fender. 

Immagine di Vinetto Artifact SC56 Style T
Immagine di Vinetto Artifact SC56 Style T

Vince Cunetto vive e lavora al di fuori di St. Louis, nel Missouri. Dove dal 2003 ha costruito le proprie chitarre con il marchio Vinetto, che includono il suo design originale, il Legato, e chitarre vintage di tipo T e S nella sua serie Artifact.

Immagine di Vinetto Legato
Immagine di Vinetto Legato


Se ti è piaciuta questa nota, puoi condividerla sul tuo social network preferito. Puoi anche condividere opinioni su questa nota e altro con altri musicisti nel nostro forum: https://guitarriego.com/foro/

Iscriviti su Instagram al nostro account @guitarriego e su facebook: https://m.facebook.com/guitarriego/ per restare sempre aggiornato sulle novità.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *