Epiphone Les Paul Standard Tribute 1960 – Recensione

Epiphone Les Paul Standard Tribute 1960 – Recensione
Condividi questo articolo su

A cura di Federico Valle

Abbiamo analizzato il tono, l’impostazione, la qualità costruttiva e le finiture di uno dei modelli Epiphone Les Paul top di gamma e lo abbiamo confrontato con una Gibson Les Paul Classic.


L’Epiphone Les Paul Standard Tribute 1960 è uno dei modelli top di gamma del secondo marchio Gibson. Come punto culminante, ha accessori / hardware di prima classe e microfono / pickup “made in USA”. Inoltre viene fornito con un piano in acero massiccio invece di una lamina / impiallacciatura come nei modelli comuni.


Specifiche

Mobile:

Corpo in tre pezzi “mogano”, apparentemente senza rilievo di peso, e con un solido top in acero. Sebbene in realtà Epi non utilizzi il mogano, ma piuttosto un sostituto o un sostituto. A quanto pare si tratta di Luan, chiamato il “Mogano delle Filippine o dell’Indonesia”, per via della sua somiglianza estetica. Sia le sue qualità timbriche che l’aspetto sono abbastanza simili al mogano dell’Honduras.

La comune Epiphone Les Paul Standard non ha un solido top in acero, solo una lamina per scopi cosmetici. Questo modello ha un solido fusto in acero come le “vere” Les Paul, e influenza il suono, dando allo strumento più lucentezza e definizione. Usano l’acero semplice con una lamina fiammata in cima. Questo viene fatto per mantenere i prezzi in linea con una chitarra di fascia media.

Manico in due pezzi “mogano” con tenone lungo e profilo Slim Taper anni ’60 con palissandro molto bello. Il tenone lungo è una presa più profonda di quella normale. Il collo arriva sotto il microfono sull’impugnatura. Questo sistema era quello originariamente utilizzato da Gibson. In teoria, ciò consente una migliore trasmissione delle vibrazioni e un maggiore sustain. Nel caso della chitarra utilizzata per questa recensione, posso confermare che il sustain è molto buono.

Epiphone LP Standard Tribute 1960 amarena
Epiphone LP Standard Tribute 1960 amarena

Pickup, elettronica e hardware

Un punto culminante della viola è che porta hardware / hardware ed elettronica di prim’ordine, realizzati negli Stati Uniti, al livello di una Gibson.

Selettore switchcraft e pentole push-pull dall’estetica vintage in quanto porta “indicatori”.

Il set pickup / microfono è Gibson Classic 57 / 57+, microfoni molto vintage con un tocco in più al ponte, che li rende molto versatili. Oltre a suonare barbari, sono anche divisibili, il che significa che possono essere usati in modalità “single coil”. Il tono è più che convincente, si dividono molto bene.

Un altro aspetto interessante di questa chitarra sono le teste della macchina Gotoh Locking Rotomatic 106 serie 18: 1. Sono i migliori o forse i migliori che abbia mai avuto. Straordinaria precisione.


Cessazioni

È una chitarra dall’aspetto piacevole, bel colore, ha dettagli come l’Epiphone sulla paletta realizzata con un intarsio in madreperla simile, molto buono.

Tuttavia, gli intarsi sono posizionati in modo abbastanza lasco. Sono visibili linee nere tra il palissandro e il trapezio.

Epiphone LP Standard Tribute 1960 corpo

Il finale è un “Gloss”, cioè brillante, molto attraente. L’unico punto discutibile è che la vernice colorata calpesta un po ‘la rilegatura. Può essere un po ‘impegnativo, essendo una chitarra di origine cinese, ma la verità è che a livello generale è così buona, che è un punto che “fa un po’ rumore”.


Impostato

È davvero sorprendente per una chitarra di questo livello l’eccellente calibrazione che ha. Anche se l’ho acquistato usato, e non posso confermare se è venuto così dalla fabbrica o è stato successivamente calibrato così bene. La realtà è che l’altezza delle corde è impeccabile, molto meglio di molte chitarre di fascia alta che ho posseduto o provato.


Conclusioni e confronto con Gibsons

In generale, devo dire che la chitarra è eccellente. È molto solido, ha un’azione perfetta, tiene il campo ed è comodo come una Gibson.

È certamente ben al di sopra delle Epiphones che avevo in precedenza, due Les Paul Standard Korea e China e una SG G400 China. Devo anche ammettere che probabilmente è migliore della Gibson LPJ che avevo, che mi è davvero piaciuta.

Epiphone LP Standard Tribute 1960 sunburst

Confrontandolo con il Gibson Studio, suona molto più basso e medio, allo stesso tempo ha un audio più vintage dato che la Gibson che porta il 498T / 490R, più piccante di alcuni classici PAF.

Quando suoni con Drive, suona abbastanza simile a una Gibson, ma quando suoni pulito le cose cambiano lì. Con l’Epi non si riesce a sentire il tono “mogano” che ha una Gibson. Quando suono la mia Les Paul Classic pulita sul manico, sento immediatamente quel tono di Les Paul da Slash nell’introduzione a Knockin ‘on Heaven’s Doors o Don’t Cry, mentre con l’Epiphone, questo non accade.

In conclusione, c’è da dire che questa chitarra suona in modo più che soddisfacente, essendo una viola che esce meno della metà di quella che cerca di imitare, una Gibson Les Paul Standard / Classic / Traditional.


Ulteriori informazioni: http://www.epiphone.com/Products/Les-Paul/Les-Paul-Tribute-Plus-Outfit.aspx


Puoi condividere opinioni o chattare su questo e altro con altri musicisti nel nostro forum: https://guitarriego.com/foro/

Seguici anche su Instagram @guitarriego o Facebook: https://m.facebook.com/guitarriego/


Condividi questo articolo su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.