Pink Floyd e i segreti della rivalità Gilmour vs Waters

Comparte este artículo en

David Gilmour contro Roger Waters, una delle più grandi rivalità del rock, partner e rivali in una delle band più importanti, i Pink Floyd.

40 anni dopo il tour di The Wall

Nel 1980, quando i Pink Floyd fecero un tour di The Wall, i quattro membri della band furono visti solo durante i concerti. Fuori scena, ogni membro si muoveva in modo indipendente, evitando di attraversare. Nick Mason, batterista e co-fondatore dei Pink Floyd, dice che ognuno di loro aveva il proprio camerino.

Nel suo libro Inside Out: A Personal History of Pink Floyd -Inside out: a personal history of Pink Floyd-, racconta l'attrito nella band, non solo David Gilmour contro Roger Waters.

"Sia Roger – Waters, bassista e leader – che Rick's – Wright, tastierista – erano situati alle estremità opposte, penso che abbiamo organizzato feste separate dopo gli spettacoli, evitando accuratamente di invitarci a vicenda". Sono arrivati agli stadi separatamente e ai loro autisti è stato chiesto di parcheggiare strategicamente in cerchio, con le porte rivolte verso l'esterno, eliminando il contatto visivo tra i musicisti. Wright, licenziato poco prima, era un musicista pagato, e in effetti era l'unico che ha fatto soldi con il tour.

Pink Floyd e i segreti della rivalità Gilmour vs Waters

Pink Floyd, una lotta di ego

La lotta degli ego è stata una delle caratteristiche che hanno segnato la serie di concerti di presentazione dell'album The wall. Il tour iniziò il 7 febbraio 1980 alla Memorial Sports Arena di Los Angeles, negli Stati Uniti. Questo tour ha definito il definitivo allontanamento di Roger Waters, bassista, cantante e cantautore con il resto della band. Tuttavia, David Gilmour, chitarrista e cantante rappresentava la nemesi di Roger, segnando definitivamente la rivalità tra Gilmour e Waters.

Pink Floyd e l'assurda ampollosità

Un segno distintivo della band era l'assurda ampollosità del rock degli anni '70. Già messo in discussione dal 1977 per la semplicità della musica punk, i cui massimi esponenti sono i Ramones negli Stati Uniti e i Sex Pistols nel Regno Unito.

La sua messa in scena era così ambiziosa che richiedeva tempi di viaggio eccessivi da città a città. Ciò significava che si esibivano solo in quattro città: Los Angeles e Uniondale negli Stati Uniti, Dortmund in Germania e Londra nel Regno Unito. In ogni luogo hanno offerto diversi concerti, quindi in totale The wall è stato suonato 31 volte dal vivo.

L'erosione del rapporto di Roger Waters con la band

L'attrito del gruppo aveva raggiunto il suo punto massimo durante la registrazione del disco di The Wall. Il progresso progressivo di Waters sui suoi compagni di gruppo era stato consumato in Animals nel 1977. In quell'album, Roger Water ha composto tutti i pezzi tranne Dogs, che è stato realizzato per metà con David Gilmour

Waters pensava che i suoi compagni di squadra fossero pigri e mediocri. Mentre il resto della band vedeva Roger come un tiranno, lui dirigeva i Pink Floyd a suo piacimento.

The Wall: Pink Floyd o Roger Waters solista?

Nel luglio 1978, Roger Waters convocò la band ai Britannia Row Studios di Londra e diede loro la possibilità di scegliere tra i demo di due album che il bassista aveva appena composto, quello scelto era The wall. L'album scartato sarebbe stato il primo album solista di Waters, The Pro and Cons of Hitch-hicking del 1984, sei anni dopo.

Quello che Waters aveva effettivamente scritto non era un semplice disco, era un concept album su un personaggio di nome Pink, una rock star che vive isolata dal mondo, che non è altro che il suo alter ego. Inoltre, lo concepì come un ampio lavoro che includeva un lavoro musicale / discografico, un concerto e tutta la sua messa in scena e persino un film.

Roger Waters on The Wall dal vivo.

David Gilmour, un ostacolo per Roger Waters

Gilmour pensava che alcune canzoni di Waters per The Wall non fossero abbastanza buone. Ma poco importava, David Gilmour ha detto che sentiva che per Roger Waters era completamente ostruttivo. Inoltre, ha detto che questo non è del tutto vero, che le sue critiche e obiezioni erano costruttive e nel miglior modo possibile.

L'adattamento dei Pink Floyd a una nuova era

Nonostante avessero pubblicato grandi opere, i Pink Floyd erano visti come fuori moda, come gli ultimi dinosauri, una nuova era con nuove band e nuovi stili. La necessità di aiutarsi e aggiornarsi, e a sua volta l'impegno per la loro essenza li ha posti in un difficile fai da te.

Consapevole di ciò, Waters si mise al volante. Fu così che per la prima volta nella sua carriera, la band avrebbe avuto un produttore esterno. Il prescelto era Bob Ezrin, con una carriera con grandi gruppi rock come Kiss e Alice Cooper.

Il forte inizio di The wall con In the flesh? È un ottimo esempio dell'influenza del nuovo produttore. Ezrin ha raccontato la rivalità tra David Gilmour e Roger Waters durante la registrazione dell'album.

“Tutto è stato fatto sotto quell'atteggiamento inglese, sorridente, mancino e conflittuale che adottano, con sorrisi e voci morbide. Ma fondamentalmente hanno detto: "Ti odio e ti ucciderò". La guerra che c'è stata tra quei due ragazzi è stata incredibile ".

Bob ezrin

Tuttavia, David Gilmour si è espresso contro questo punto di vista, come si può vedere di seguito:

"Ci sono molte idee sbagliate sull'inizio di grandi ostilità tra Roger e me", ha detto a Classic Rock nel 1999. “Abbiamo avuto un rapporto di lavoro altamente produttivo che ha funzionato abbastanza bene a The Wall. Ci sono state delle discussioni importanti, ma erano disaccordi artistici ”.

David gilmour

Roger Water e disprezzo per i suoi compagni

Un'altra cosa che dice Ezrin riguarda il modo di relazionarsi di Waters. Roger disprezzava il resto, nemmeno lo stesso produttore che aveva assunto si era salvato. Mark Blake, nel suo libro biografico Comfortably numb: the inside story of Pink Floyd, racconta di questo. Il bassista ha parlato con disprezzo a Ezrin, ma non si è lasciato intimidire: “All'inizio c'è stato un momento in cui Roger mi stava maltrattando, mi sono voltato e ho detto: 'Leggi le mie labbra, figlio di puttana, non puoi parlarmi così! ! ”Dice Ezrin nel libro. E completa contando che il resto della band ha festeggiato con entusiasmo la sua reazione.

Rogers in primo piano in una foto della band Pink Floyd

Roger Waters e il suo conflitto con Richard Wright

Anche se Roger andava male con Gilmour ed Ezrin, non erano gli unici. Waters non sopportava che Wright volesse essere coinvolto nella produzione. Il bassista non poteva perdonarlo per aver passato la giornata in studio vicino a Ezrin e lui "dare la sua opinione su tutto" era un "ficcanaso" per Waters. Il che a quanto pare ha irritato non solo il bassista, ma anche il produttore.

Durante alcuni giorni di riposo, Waters ha incaricato il manager di contattare Wright, che era in vacanza con la sua famiglia, e di informarlo che era fuori dalla band. Non sorprende che Wright si rifiutasse di andarsene e Waters lo minacciò: o avrebbe lasciato la band pacificamente alla fine della registrazione o The Wall non sarebbe uscito come album dei Pink Floyd. Alla fine Wright non ebbe altra scelta e fu accettato. Ma Richard ha chiesto di suonare il tour, per il quale gli è stato assegnato uno stipendio.

Roger, disprezzando l'abilità dei suoi colleghi come musicisti e strumentisti, ha richiesto la partecipazione di musicisti di sessione. È così che Jeff Porcaro de Toto ha suonato la batteria nella ballata Mother e il chitarrista Lee Ritenour ha suonato nella canzone rock Run like hell.

Pink Floyd in fallimento

Come se i problemi della band fossero pochi, l'eccessiva ostentazione dei loro tour aveva lasciato i Pink Floyd in bancarotta. Il loro avvocato li ha informati che l'unica soluzione per evitare di perdere tutto era quella di abbandonare la residenza nel Regno Unito e non tornare per 365 giorni. Pertanto, dovevano guadagnare il più possibile fuori dal paese per essere esenti dalle tasse britanniche eccessivamente alte. Così, The wall è stato registrato in Francia, New York e Los Angeles.

Una delle bambole giganti di The Wall dei Pink Floyd.

Con il nuovo singolo Another brick in the wall parte 2, l'album è stato un successo. Questa canzone divenne un successo che raggiunse il numero uno nella classifica degli Stati Uniti nel gennaio 1980, rimanendo nella posizione per 15 settimane. Con questo successo in cima, era tempo di andare in tour per presentare l'album.

The Wall show e la sua influenza

Roger non voleva un tour in quanto tale; Era consapevole che le sue idee stravaganti non potevano girare il mondo, non almeno senza sostenere una spesa eccessiva. Tuttavia, molti considerano lo pseudo-tour di The Wall il precedente più ovvio per i successivi macro-spettacoli di altri gruppi musicali, come Steel Wheels dei Rolling Stones dal 1989-1990 o Zoo TV degli U2 dal 1992-1993.

I concerti del Wall sono una delirante frenesia teatrale. Così, in Un altro mattone compare la figura gonfiabile della maestra, alta 14 metri. Nella canzone Madre, la donna di 10 metri. Inoltre, vengono proiettate animazioni create dal famoso artista Gerald Scarfe.

Avevano un DJ che ha animato l'anteprima del concerto, rendendolo una vera festa. Avevano un coro di quattro cantanti e persino una band "finta" che indossava maschere con i volti dei membri reali. Questa band è apparsa sulla scena all'inizio, disorientando il pubblico che pensava fosse la vera band.

Pink Floyd, recital di The Wall. Piacevolmente insensibile.

Tuttavia, la cosa più emblematica e suggestiva è stata la costruzione del muro di enormi mattoni di pietra – di cartone – vivo, che finisce per ricoprire completamente la fascia. Alla fine, in un drammatico gran finale, il muro viene abbattuto. Quello stesso spettacolo Roger lo portò in giro per il mondo con la sua band solista.

The Wall, l'opera rock

Marc Brickman, il direttore delle luci ha espresso ciò che ha provato quando gli è stato presentato il progetto The Wall:

“È stato fantastico, sono rimasto senza parole. Stavano mettendo su un'opera in uno spettacolo di rock and roll. Nel 1980 non potevi nemmeno sognare quello spettacolo ".

Marc brickman

Incidente in diretta al recital di The Wall

Al primo concerto, una parte del sipario ha preso fuoco ed è caduta sui musicisti. La metà del pubblico è fuggita terrorizzata; l'altra metà è rimasta, pensando che fosse parte dello spettacolo.

I dubbi di Roger Waters

Il produttore Bob Ezrin è stato bandito dai concerti, dopo che un articolo di Billboard ha suggerito, con sorpresa di Waters, che Bob aveva avuto un ruolo di primo piano nella genesi del tour. Nonostante il veto, il produttore ha acquistato il biglietto, è arrivato in limousine e dopo averlo visto ha confessato al biografo Mark Blake: "È stato il miglior spettacolo rock che abbia mai visto".

Recital The Wall Live di Roger Waters a Berlino nell'anniversario della caduta del muro.

Crescente tensione tra i membri della band

A poco a poco, la tensione tra Waters, Gilmour, Mason e Wright è cresciuta durante il tour. "Stavano arrivando al punto in cui non potevano essere visti", ha detto Mark Fisher, l'architetto che ha progettato il set. Hanno perso soldi ad ogni concerto tranne Wright, che è stato assunto con uno stipendio fisso. I biglietti sono stati venduti per una media di $ 12, che non ha compensato la spesa derivante dall'ampia gamma di risorse tecniche e umane. La scoperta della rientranza non ha aiutato a appianare le cose.

La mistica intorno al Muro

Il fatto che non siano stati rilasciati video ufficiali del grande evento ha contribuito a conferirgli un'aura di misticismo. Seguendo i progetti di Waters, nel 1982 fu pubblicata la versione cinematografica dell'album dei Pink Floyd. The Wall, diretto da Alan Parker e con le animazioni di Scarfe.

Del doppio disco, ad oggi sono state vendute 33 milioni di unità.

Waters vs Gilmour, rivalità rock.

Roger e le successive recital di The Wall

Nel luglio 1990, Waters ha tenuto il concerto The wall live a 350.000 persone a Berlino per celebrare la caduta del muro; poi nel 2010 ha organizzato un tour chiamato lo stesso per commemorare il 30 ° anniversario del tour. Ricordiamo che nel 1983 Waters aveva detto addio ai Pink Floyd nell'album The final cut.

Il rapporto tra Waters e Gilmour negli anni successivi

Il rapporto tra Waters e Gilmour è praticamente nullo e totalmente distante da anni. Nel 2005 hanno messo da parte le loro differenze per recitare insieme come Pink Floyd in Live 8, e nel 2010 hanno collaborato per una mini-performance nel Regno Unito a beneficio dei bambini palestinesi.

L'anno successivo, Gilmour è apparso a un concerto di Waters a Londra per eseguire Comfortably numb, una delle canzoni di punta di The Wall), ma quando il chitarrista ha organizzato un evento in onore di Wright nel 2014 – che è morto nel 2008 – non ha avuto il suo vecchio avversario. "È un mistero per me perché qualcuno può fingere di farci qualcosa", ha detto Gilmour. “Avevo trent'anni quando Roger lasciò il gruppo. Ora ho 68 anni – attualmente 74-. Metà della mia vita è passata. Non abbiamo più niente in comune ", ha aggiunto.

Waters vs Gilmour: in una delle loro ultime presentazioni insieme

L'ultimo album dei Pink Floyd è stato Il fiume infinito del 2014, annunciato dal trio Gilmour, Mason e Wright, quest'ultimo apparso postumo. Gilmour e Waters continuano a registrare da soli, e nessuno pensa a una riunione della classica formazione dei Pink Floyd con i sopravvissuti della band.


Puoi condividere opinioni su questo o chattare su questo e altro con altri musicisti nel nostro forum: https://guitarriego.com/foro/

Seguici anche su Instagram @guitarriego o Facebook: https://m.facebook.com/guitarriego/


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *