I migliori amplificatori vintage classici: Fender, Vox e Marshall

I migliori amplificatori vintage classici: Fender, Vox e Marshall
Comparte este artículo en

La “Santa Trinità” degli amplificatori per chitarra classici: Fender, Vox e Marshall. Senza dubbio, per l’audio vintage sono i tre migliori amplificatori in assoluto, vere leggende del suono. Le squadre che vedremo qui hanno segnato il suono con cui sono cresciuti i nostri genitori o anche i nostri nonni.

Amplificatori Fender: audio vintage americano

Per iniziare con i primi amplificatori classici, controlla Fender, che ha definito l’audio vintage americano. Sono caratterizzati dal loro suono pulito e campanello.

Fender Blackface

I modelli più rappresentativi sono Deluxe Reverb 22w, Vibrolux 35w e Twin Reverb 85w. Sono tutti della metà degli anni ’60, della famosa era “Blackface”, a cui è stata data un’identificazione del pannello nero.

Sono amplificatori valvolari con un buon headroom, cioè mantengono l’audio pulito ad alti volumi. Inoltre, hanno un tono “Scooped”: alti e bassi più preponderanti del medio, dando un’equalizzazione a “V”.

Il popolare riverbero Spring è un marchio di fabbrica delle linee Blackface e successive Fender. Di solito hanno usato altoparlanti / altoparlanti Jensen, che sono caratterizzati da una buona luminosità e definizione e medi morbidi ideali per toni puliti.

Amplificatori classici: Fender Vibrolux Reverb Blackface Image
Immagine della Fender Vibrolux Reveb Blackface

Fender Tweed

Esistono anche altri modelli che si caratterizzano per altri toni più medi e rauchi. Questa è la linea prima del Blackface conosciuta come “Tweed”, per via della trama del tessuto con cui erano foderati gli armadi. Questa linea dei primi anni ’50 ha un caratteristico audio overdrive e “fuzzy”. Un esempio è il Deluxe e il leggendario Bassman, che in realtà è un amplificatore per basso che i chitarristi hanno fatto proprio. Nella foto sotto potete vedere un Bassman, un amplificatore che Jim Marshall ha usato come base per progettare il JTM-45 e il Bluesbreaker.

Fotografia di Fender Bassman Tweed 4x10
Fotografia di Fender Bassman Tweed 4×10

Le tipiche valvole finali Fender e l’audio “americano” in generale sono le 6L6 e le 6V6.


Amplificatori Vox: il classico tono britannico

Altri amplificatori classici per eccellenza sono i Vox. Con i loro Vox AC15 e AC30, pubblicati rispettivamente nel 1958 e nel 1960, Vox ha iniziato la storia del “suono britannico”. Sebbene molte persone pensino che siano amplificatori elettronici di Classe A, in realtà sono di Classe AB1. Utilizzano valvole di potenza EL84 e altoparlanti Celestion – inizialmente con magnete in alnico e successivamente in ceramica -, che hanno caratteristiche tonali diverse da quelle utilizzate da Fender. Un’altra differenza rilevante è che non utilizzano il feedback negativo, una tecnica utilizzata per espandere l’headroom degli amplificatori. Sebbene la mancanza di feedback negativo riduca la capacità di tenersi puliti, ha il vantaggio di dare una grande sensibilità al tocco, una caratteristica molto apprezzata del Vox.

Questi leggendari amplificatori e il loro audio britannico possono essere ascoltati su dischi di band come The Beatles, Rollings Stones, Brian May dei Queen, U2 e molti altri.

I Vox sono amplificatori con poco headroom, cioè tendono a guidare veloci, medi, ma con una fascia alta molto buona che gli conferisce il suo caratteristico audio e il suo “carillon”.

Immagine di un amplificatore vintage Vox AC30
Immagine di un amplificatore vintage Vox AC30


Amplificatori Marshall: audio rock

Marshall, amplificatori classici per eccellenza per il Rock. Nel 1963, in Inghilterra, Marshall pubblicò il JTM-45, un preamplificatore basato sul Fender Bassman, ma usando valvole 12AX7 nel pre e KT66 o EL34 nello stelo e negli altoparlanti Celestion. Da questo amplificatore nasce il combo 2×12 che grazie a Eric Clapton è stato battezzato “Bluesbreaker”.

Amplificatori classici: foto Marshall JTM-45 MKII
Foto di Marshall JTM-45 MKII

Due anni dopo, su richiesta di Pete Towshend che voleva un amplificatore più potente, Marshall pubblicò l’SLP 100w del 1959, meglio conosciuto come Plexi, probabilmente l’amplificatore più iconico nella storia del Rock. Questo amplificatore può essere ascoltato in molte rock band degli anni ’70, come AC / DC e Led Zeppelin, Angus Young con la sua Gibson SG e Jimmy Page con la sua Gibson Les Paul.

Nel 1981 fu pubblicato un altro leggendario Marshall, il JCM800, un amplificatore che ha segnato un’epoca, utilizzato da Slash nei primi anni dei Guns ‘n Roses.Il suono Marshall è caratterizzato dal suo tono medio e overdrive.

Un video che mostra il Fender Deluxe Reverb RI68 Custom, il Vox AC-30 e il Marshall JCM-800:

Articoli simili: I 16 amplificatori per chitarra classica più iconici di sempre.

Puoi trovare amplificatori vintage su Reverb.com.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *