La Black Strat di David Gilmour e la sua incredibile storia

La Black Strat di David Gilmour e la sua incredibile storia
Comparte este artículo en

Black Strat è sinonimo di una delle migliori chitarre nella storia del rock, David Gilmour e Pink Floyd, ma non tutto è stato facile nella vita di questa chitarra iconica.

Sommario

La storia della Black Strat di David Gilmour

Ci si aspetterebbe che la storia di questa grande chitarra fosse molto speciale sin dall’inizio. La chitarra perfetta che David ha scelto tra tante, come la Blackie di Eric Clapton. Tuttavia, la vita della Black Strat di Gilmour non è così, considerata come una normale chitarra da chi l’ha posseduta per 45 anni. Si tratta infatti di una chitarra Stratocaster Standard del 1969, un anno che è ben lungi dall’essere considerato l’età d’oro della Fender.

Questa chitarra, piena di modifiche, dimenticata per un decennio e salvata dall’esilio, detiene oggi il record di chitarra più costosa del mondo, quando l’anno scorso è stata venduta per quasi 4.000.000 di dollari.

Intervista a Phil Taylor, manager dei Pink Floyd

Nel marzo 2008, la rivista britannica di chitarra Guitar & Basses Magazine ha rilasciato un’incredibile intervista a Phil Taylor, tecnico dei Pink Floyd e David Gilmour, a quel tempo, per più di trent’anni. Nel report, Phil racconta la storia della Black Strat di David Gilmour. Dettagli della “vita” di questa affascinante chitarra che ti fanno venire la pelle d’oca. Con momenti belli, brutti e incredibili, che nessuno avrebbe mai immaginato.

Phil Taylor con David Gilmour e la Black Strat e lavorando alla Black Strat.
Phil Taylor con David Gilmour e la messa a punto della Black Strat

The Black Strat, la storia di una chitarra normale

È solo una Stratocaster, una Fender Stratocaster Standard. È stato realizzato senza particolari cure, uno in più di quelli che venivano costruiti in fabbrica. Non è uscito da nessun Custom Shop dove un liutaio ha investito ore, dedizione e dettagli per costruirlo.

È uscito da una linea di produzione insieme a migliaia di altre chitarre quasi identiche nel 1969. Un anno che non è particolarmente riconosciuto come un grande anno. Un normale strumento di fabbrica, niente di speciale, e come sarebbe il caso di molte delle chitarre elettriche suonate negli anni ’70, il suo proprietario non era preoccupato della sua originalità o del valore vintage.

Protagonismo della Black Strat nel corso della sua storia

Nonostante sia una semplice Stratocaster, qualcosa di diverso ha questo strumento. La Black Strat è stata utilizzata negli album Atom hesrt mother, Meddle, Obscured by clouds, Darkside of the moon, Wish you were here, Animals, The wall, così come Live at Pompeii e nei suoi progetti solisti di David Gilmour e About Face. . Fino a tempi molto recenti è rimasto uno strumento di lavoro. David Gilmour l’ha usata per l’emozionante reunion dei Pink Floyd su Live 8. È stato utilizzato anche in alcune delle parti principali di chitarra elettrica del suo recente lavoro On an island. Finalmente puoi vederlo e ascoltarlo sullo splendido e incredibile doppio DVD di Gilmour, Remember that night.

David Gilmour e la sua chitarra elettrica più iconica, la Black Strat.

È stato solo nel 2019, dopo i colpi di scena della sua storia strabiliante, che la Black Strat è diventata un museo o un oggetto da collezione, quando David Gilmour l’ha messa all’asta per beneficenza.

La Black Strat di David Gilmour, la chitarra più costosa al mondo

Nel giugno 2019, la casa d’aste Christie’s di New York ha messo all’asta la collezione di 126 chitarre del chitarrista dei Pink Floyd David Gilmour. In totale, la vendita di tutti gli strumenti musicali ha aumentato l’importo di circa 21.500.000 USD, mentre la Black Strat è stata pagata di circa 3.950.000 USD. Questo non solo lo ha reso la vendita di strumenti musicali più preziosa di sempre, ma anche la vendita di chitarre più costosa mai realizzata.

Anche la White Fender Stratocaster, usata regolarmente da David Gilmour dal vivo e con la quale è stato registrato Another brick in the wall II e III, ha pagato 1.800.000 USD. Il denaro raccolto dal musicista è andato all’associazione benefica Client Earth, che combatte gli effetti del cambiamento climatico nel mondo.

Fender Stratocaster “Black Strat” David Gilmour Signature Series Custom Shop

Ovviamente, come ogni grande Fender iconica, la Black Strat ha la sua replica costruita dal Custom Shop del marchio. Il prezzo di una di queste chitarre è di circa 5.500 SUD.

Fender Stratocaster "Black Strat" David Gilmour Signature Series Custom Shop
Fender Stratocaster “Black Strat” David Gilmour Signature Series Custom Shop

Ma andiamo avanti con la sua storia raccontata da colui che le ha tenuto a cuore la maggior parte della sua vita, Phil Taylor.

Phil Taylor, tecnico e portiere della Black Strat

Per più di quattro decenni la Black Strat è stata affidata a tempo pieno al manager dei Pink Floyd e a David Gilmour, Phil Taylor. Taylor è stato chiamato a lavorare con la band nel 1974. Da quel momento, e innumerevoli volte, ha rovistato nella Black Strat non solo per farla funzionare correttamente, ma anche spostata radialmente per soddisfare le mutevoli esigenze del chitarrista David Gilmour. Taylor, ha raggiunto la “Black Strat” nei migliori palchi del mondo.

Phil Taylor, autore del libro Black Strat di David Gilmour

Phil Taylor, approfittando del fatto che conosce la Black Strat come nessun altro al mondo, forse la conosce anche quanto David Gilmour, ha scritto un libro emozionante sulla storia di questa grande chitarra.

Racconta la “vita” di questa Black Strat in modo molto più dettagliato di quanto tu possa immaginare e che possiamo dedicare qui, e contiene informazioni sufficienti e foto rare dei Pink Floyd per attirare sia i fan della band che fan della chitarra Stratocaster nera.

Copertina del libro Black Strat di David Gilmour scritto da Phil Taylor.
Copertina del libro Black Strat di David Gilmour

Acquisto della Black Strat di Gilmour da Manny’s – 1970

Era il 1970, quando David Gilmour mentre era a New York ne approfittò e andò al negozio di strumenti musicali e acquistò la Black Strat, un modello standard con manico in acero con paletta larga, caratteristica dell’epoca.

Tuttavia, la Black Strat non è diventata immediatamente la sua chitarra numero uno. Ma dopo aver passato del tempo a sperimentare con altri, tra cui una Lewis Custom Telecaster marrone con manico in acero e una Les Paul Junior, si mise al lavoro e divenne la sua chitarra solista nel 1971.

Era un periodo in cui i Pink Floyd stavano iniziando a spingere i limiti di ciò che si poteva ottenere in un live. Quando si trattava di tecnologia, improvvisarono al volo e costruirono su misura sia i sistemi audio che quelli di illuminazione per ottenere risultati che non potevano essere raggiunti con attrezzature tradizionali o normali non modificate, e la Black Strat non aveva ancora sofferto degli effetti del ricerca della perfezione nel suono.

La Black Strat con il suo grande manico vintage classico
La Black Strat con il suo grande manico vintage classico

Modifiche della Black Strat di David Gilmour

Le modifiche che aveva la Black Strat erano le più varie, dai semplici cambi di pin o potenziometri, a quelli più radicali come il cambio del manico. Di seguito è riportato l’elenco delle mod realizzate sulla Stratocaster di David Gilmour:

  • Connessione XLR
  • Commutazione dei pin e potenziometro del volume
  • Interruttore per Gilmour Mod
  • Il manico è stato utilizzato per la Double Handle Stratocaster
  • Cambio del manico per uno con tastiera in palissandro -Palysander-
  • Configurazione humbucker Gibson / pickup dual coil
  • Posizionamento del battipenna o battipenna nero
  • Sostituzione del pickup al ponte per un DiMarzio FS-1
  • Nuovo manico Jackson per la Black Strat
  • Nuovo pickup Seymour Duncan SSL-5
  • Interruttore al manico Jackson a 22 tasti
  • Installazione del vibrato Kahler
  • Reinstallazione del tremolo sincronizzato originale
  • Fender Vintage Reissue 57 Posizionamento al manico
David suona la Black Strat.

Connessione XLR

La prima modifica di Gilmour è stata quella di inserire un jack o una spina XLR montata sul bordo per inviare il segnale a un pedale esterno e quindi tornare alla chitarra per consentire l’utilizzo del controllo del volume della chitarra. Non soddisfatto del risultato, lo ha rimosso.

Commutazione dei pin e potenziometro del volume

Sono seguite altre modifiche, tutti i pioli sono stati scambiati per Schaller ed è stato testato un nuovo potenziometro del volume per renderlo più fluido.

Interruttore per Gilmour Mod

Gilmour ha quindi aggiunto un secondo cursore o interruttore in modo da poter aggiungere il pickup al manico al pickup centrale o al ponte. La modifica è ancora lì, ma nel 1978 il cursore è stato sostituito da un mini interruttore a levetta. “Questo dà un suono più Jazzmaster”, spiega Taylor. “Non lo usa molto, ma per lui funziona molto bene per alcune parti”.

Il manico è stato utilizzato per la Double Handle Stratocaster

Stratocaster a doppio manico armato con manico Black Strat.

Successivamente, Gilmour ha iniziato a lottare con la praticità di passare dalla chitarra normale alla chitarra slide sul palco. Alla performance di Floyd, Live at Pompeii, ha messo la chitarra sul pavimento e vi ha applicato una barra d’acciaio. Ha escogitato una soluzione brillante: un doppio manico, uno per il normale gioco e l’altro per lo slide. Gilmour ha inviato una spessa tavola di mogano al liutaio inglese Dick Knight, che ha realizzato un enorme corpo a forma di strato per due colli. I manici posizionati erano il manico in acero della Black Strat e un manico con una tastiera o una tastiera in palissandro -rosewood- pre-CBS del 1963 da una Strat Sunburst che Steve Marriot gli aveva dato.

Cambio del manico per uno con tastiera in palissandro -Palisandro-

“Il doppio manico non è generalmente una buona idea”, dice Taylor. “La chitarra era molto pesante e grande ed è durata pochissimo tempo. Ma la cosa importante era che Gilmour scoprì che gli piaceva la sensazione del manico in palissandro meglio del manico in acero della Black Strat. La soluzione era cambiare il manico della Black Strat al manico con una tastiera in palissandro. “

David Gilmour Black Strat con battipenna bianco e manico in palissandro
Strato nero con battipenna bianco originale e manico con tastiera in palissandro

Configurazione humbucker Gibson / pickup dual coil

Nel 1973, David Gilmour aveva un pickup Gibson dual coil – humbucker – posizionato al ponte, trasformandolo in un HSS. Non ci volle molto a David per scoprire che era un chitarrista con pickup single coil.

Gilmour ha provato diversi pickup humbucker dual-coil un certo numero di volte, e semplicemente non riusciva ad andare d’accordo con quel suono”, ha detto Taylor.

Battipenna nero: la nascita della Black Stratocaster all black

La successiva modifica alla chitarra, nel 1974, era estetica e consisteva nel posizionamento di un battipenna o battipenna nero. Fender non ha realizzato il battipenna nero fino al 1977, quindi il nuovo battipenna nero extra spesso è stato probabilmente il frutto di Dick Knight.

In quello stesso anno Phil Taylor si unì al team dei Pink Floyd. Phil ha detto: “Li avevo visti suonare così tante volte, ei Floyd erano così avanti rispetto a tutti gli altri, che il fatto che mi abbiano chiesto di lavorare con loro è stato incredibile”. “La prima cosa che ho fatto è stato passare del tempo a lavorare in una piccola sala prove sporca a King’s Cross, solo io e loro quattro. Due settimane dopo aver scritto Shine on you crazy diamod più due canzoni che in seguito divennero note come Dogs and Sheep in Animals “.

David suona la Stratocaster nera con il battipenna nero.

Sostituzione del pickup al ponte per un DiMarzio FS-1

Nel 1977, il pickup al ponte fu sostituito da una delle prime possibili alternative, un DiMarzio FS-1. Che ha funzionato bene durante la registrazione e il tour di Animals, e anche nel suo primo LP solista chiamato “David Gilmour” del 1978.

Nuovo manico Jackson Type 57 per la Black Strat

Nello stesso anno il manico in palissandro iniziò a mostrare segni di usura, così Taylor contattò Grover Jackson della compagnia di parti per chitarra Charvel. Jackson ha realizzato un manico in acero in stile 1957 per la Black Strat, in seguito un altro paio di set per due dei tre bassi Fender Precision di Rogers Waters.

Nuovo pickup Seymour Duncan SSL-5

La Black Strat ha finalmente trovato il suo pickup al ponte alla fine del 1979 (The Wall). “Seymour Duncan aveva inviato a David alcuni pickup che erano stati caricati su misura”, dice Phil. “In realtà è un modello unico basato su SSL-1, che oggi è commercializzato come SSL-5, ed è ancora sulla chitarra oggi.”

Interruttore al manico Jackson a 22 tasti

Nel 1982 Jackson realizzò un altro manico, questa volta con 22 corde, per posizionarlo dovette tagliare un po ‘il battipenna.

Vibrato Kahler: The Twilight of the Black Strat

David Gilmour decide di installare un vibrato Kahler sulla Stratocaster nera. “Sembrava una buona idea al momento”, ha detto Taylor. “Ma ha spento il suono della chitarra. È stato uno dei motivi per cui è caduto in disgrazia “.

Gilmour posa con la Black Strat con il vibrato Kahler
Gilmour posa con la Black Strat con il vibrato Kahler

Reinstallazione del tremolo sincronizzato originale

Dopo diversi anni di inutilizzo – vedi sotto “Exile of the Black Strat” – nel processo di restauro della chitarra, Taylor ha chiesto a Charlie Chandler di rimuovere il Kahler, riempire il buco con il legno e ritoccare il finito, e reinstallare il vecchio tremolo sincronizzato con vibrato originale.

Fender Vintage Reissue 57 Posizionamento al manico

Quindi, nel processo di rivendicazione della Black Strat, il manico Charvel / Jackson è stato sostituito con una delle maniglie delle chitarre Fender Vintage Reissue del 1957 che Gilmour aveva acquistato alcuni anni prima.

L’esilio della Black Stratocaster

Con l’installazione del vibrato Kahler, i giorni della Black Strat furono contati, poiché spegneva il suono della chitarra. Inoltre, nello stesso periodo, il 1984, Fender stava recuperando nuovamente la qualità delle sue chitarre, in particolare quelle della serie Vintage Reissue del 1957.

Gilmour suona la sua Fender Stratocaster Vintage Reissue 57 Candy con EMG
Gilmour suona la sua Fender Stratocaster Candy con EMG

David e Phil sono andati da Arbiter, a nord di Londra, per provare le chitarre. Hanno suonato uno dopo l’altro per testarli senza amplificazione. Tra questi c’erano le chitarre Vintage Reissue del 1957 in rosso Candy e crema che divennero le chitarre principali di David Gilmour per i successivi vent’anni. La Black Strat è passata in secondo piano. Phil ha dichiarato: “La verità è che ci siamo dimenticati di lei – la Black Strat-“.

Un paio d’anni dopo, l’Hard Rock Café chiese a David Gilmour di mostrare una delle sue chitarre in uno dei loro negozi. Fu scelta la Black Strat, che fu quindi spedita a Dallas, in Texas. Lì, la Black Strat ha trascorso un decennio dietro al vetro. “Ma David è stato molto intelligente”, ha detto Taylor. “Non l’ha dato a loro; ha detto loro che potevano prenderlo in prestito se avessero dato un contributo a un ente di beneficenza.”

Il ritorno della Black Stratocaster di David Gilmour

David Gilmour in concerto con la chitarra Fender Black Strat.

Dieci anni dopo, Phil stava esaminando alcuni documenti quando disse a David che forse era giunto il momento di riavere la Black Strat. Gilmour si strinse nelle spalle e disse di sì. Così, Taylor contattò l’Hard Rock Cafe e, con sorpresa di Phil, la risposta fu che non erano a conoscenza di alcun prestito; e hanno affermato che la Black Stratocaster era loro. Phil ha immediatamente inviato loro una copia del documento originale via fax e la chitarra è stata restituita loro.

Il restauro della Black Stratocaster

La chitarra di David è arrivata in uno stato pietoso, dopo dieci anni in una vetrina, mancavano alcune parti. Impressionato dalle condizioni dello strat, Taylor iniziò la missione per ripristinarlo. Fu così che chiese a Charlie Chandler di rimuovere il vibrato Kahler, riempire il buco con il legno, fissare la finitura e rimettere a posto il vibrato tremolo sincronizzato originale. Il manico Jackson è stato sostituito da una delle maniglie della Fender Vintage Reissue del 1957. Così, la Black Strat di David Gilmour era tornata e suonava meglio che mai, anche se forse il suo tempo era passato.

David Gilmour in concerto con la chitarra Fender Black Strat.

La resurrezione della Black Strat

Non c’era alcuna garanzia che Gilmour avrebbe adottato di nuovo la Black Strat. Si era abituato alla Fender Vintage Reissue Stratocaster del 1957. Queste chitarre avevano l’aggiunta di pickup EMG ed elettronica esterna, che erano più silenziosi e in un certo senso efficienti. Phil Taylor si è abituato a lasciare la Black Stratocaster di tanto in tanto, pronto per suonare, ma David ne ha avuto poco uso, almeno fino al 2003, quando Eagle Rock / Isis ha fatto il programma televisivo “Classic Albums” su come è stato realizzato. Lato oscuro della luna. David è stato girato con la Black Strat su Abbey Road. “Non ha detto nulla al riguardo, ma almeno l’ha usato”, ha detto Taylor.

Gimour in azione a un concerto con la famosa Fender nera.

Live 8: i Pink Floyd si riuniscono

Due anni dopo i Pink Floyd si sono riuniti per Live 8. Phil ha ricevuto una chiamata da David che diceva che l’avrebbero fatto con Rogers. “Sei tu al comando. Organizza tutto! “, Disse David.

Così, Taylor ha iniziato la produzione. Aveva tre settimane e due per le prove, niente personale, niente attrezzatura e nessun posto dove provare. “È stato un incredibile mix di eccitazione, adrenalina, paura e nervosismo”. Ha detto Phil. “Riguardava i Pink Floyd, non doveva essere giusto, doveva essere perfetto!”

“Nelle prime prove Gilmour suonava la Stratocaster rossa con i pickup EMG. Il secondo giorno è stato lo stesso. Ma il terzo giorno, ha provato la Black Strat e tutto è cambiato. Erano di nuovo dei veri single coil. Il suono è andato su un livello completamente diverso. Ed è divertente, ma ho notato, e così hanno fatto alcuni di coloro che sono stati con la squadra per anni, che quando l’ha appeso, il suo linguaggio del corpo è cambiato. È stato molto emozionante da guardare “.

Phil Taylor
David Gilmour suona con la Stratocaster nera in un recital.

Il concerto dei Pink Floyd Live 8 ad Hyde Park, Londra, è stato l’evento musicale di quel decennio per generazioni di fan dei Pink Floyd. “E ‘stato anche molto strano”, ha detto Taylor pensieroso.

“All’improvviso, c’erano i Pink Floyd con David, Richard, Nick e Roger, solo per una volta, che mostravano al mondo che erano ancora una grande band, e lì, ancora una volta, c’era la Black Strat”.

Così, la Stratocaster è stata una delle chitarre predominanti nella registrazione di “On An Island” e la chitarra solista per il tour successivo. Dopo tutti quei cambiamenti, dopo essere appeso a un muro per dieci anni.

David Gilmour suona l’assolo di Comfortably Numb con la Black Strat nel maggio 2006

La visione di David Gilmour della Black Strat

Phil ha infine raccontato la reazione di David Gilmour quando ha sollevato l’idea di scrivere un libro sul mitico strumento musicale: “Ma alla fine è solo una chitarra. Quando mi sono seduto per scrivere il libro, la reazione di David è stata di dirmi che era un’idea stupida, perché scrivere un libro su una normale Stratocaster che ha comprato quasi quarant’anni fa e che Gilmour ha comprato quarant’anni fa da Manny’s a New York?

La Black Strat di David Gilmour, una normale ma speciale Stratocaster

Gilmour in concerto con la chitarra Fender Strato nera.

“Ma allora era uno strumento musicale decente; dopotutto, lui – David Gilmour – lo scelse. È sempre stato felice di apportare modifiche e, sebbene alcune cose non abbiano funzionato, altre sì. Ci siamo sempre presi cura di lei. Ma non l’abbiamo mai trattata con tanti inchini. È solo una Stratocaster, il suo strumento di lavoro, ed è così che l’ha sempre vista “.


Puoi condividere i tuoi pensieri sulla Black Strat di David Gilmour o chattare su questo e altro con altri musicisti sul nostro forum: https://guitarriego.com/foro/

Seguici anche su Instagram @guitarriego o Facebook: https://m.facebook.com/guitarriego/


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *