I fallimenti di Fender: chitarre brutte, strane o incomprese

I fallimenti di Fender: chitarre brutte, strane o incomprese
Comparte este artículo en

Fender nel corso della sua storia ha rilasciato grandi modelli, ma anche a suo modo ha avuto grandi fallimenti che includevano chitarre brutte o rare che non andavano con l’eredità del marchio.

I fallimenti di Fender: i più brutti o strani di tutti i tempi

La nostra scelta per cogliere i più grandi fallimenti di Fender si è basata sull’estetica delle chitarre selezionando le più brutte, per non dire raccapriccianti, le più brevi sul mercato, o semplicemente per la loro unicità. Ovviamente la scelta è soggettiva e visto il gran numero di chitarre che Fender ha lanciato sul mercato, ne troverete sicuramente un’altra che merita di essere presente in questa classifica. Potresti anche pensare che uno di loro non sia stato un fallimento di Fender.

Fender predone

Fender Marauder, prototipo Type II, con configurazione pickup Stratocaster.

Questo è probabilmente il modello Fender più raro. Sebbene non sia stato un fallimento commerciale a causa delle scarse vendite di Fender, questa chitarra non ha mai prosperato, rimanendo un mero progetto inviolabile.

Il Marauder era un modello offset che fu successivamente presentato a Jazzmasters e Jaguars tra il 1964 e il 1965, ma non entrò mai in produzione. Fender intendeva aggiungerlo alla linea di prodotti poco prima che Leo vendesse l’azienda alla CBS.

Versione Fender Marauder Type I.
Versione Fender Marauder Type I.

Furono realizzate due versioni del Marauder: il Tipo I o Tipo I, con pickup nascosti sotto il battipenna -pickguard- e con ponti Tremolo e Hardtail tipo Stratocaster, che compare nel catalogo del 1965; e Type II, con i pickup installati più convenzionalmente sul battipenna con una configurazione simile alla Stratocaster, e un nuovo ponte più simile all’altro offset. Il Fender Marauder Type II non è mai apparso in nessun catalogo,

1965 Foto catalogo Fender con il tipo I Marauder, in una nuova versione vibrato e hardtail.

Le poche unità, circa otto, che Fender ha prodotto tra il 1964 e il 1965 non hanno mai superato ufficialmente le fasi del prototipo. Presumibilmente i pickup nascosti della versione Tipo I / Tipo I erano troppo costosi per la produzione di massa o la tecnologia stessa era troppo costosa da concedere in licenza. Per quanto riguarda il Tipo II, nemmeno Fender ha prove del perché non sia stato rilasciato. Il capomastro Carlos López del Custom Shop e amante del Malandrino sostiene che fosse una chitarra troppo avanzata per i suoi tempi.

Fender Maruder, una chitarra che è rimasta allo stadio di prototipo nonostante sia stata presentata in catalogo nel 1965.
Prototipo Fender Marauder Type II, con pickup Stratocaster

Così, oltre alle sue funzionalità nuove e rare, la mistica che non è mai stata commercializzata e che le uniche chitarre sono pochi prototipi, la rese una delle chitarre più rare e misteriose di Fender.

Una chitarra con le caratteristiche della Fender Maruder Type I.
Una chitarra tipo I con ponte vibrato tipo Stratocaster

Versioni moderne del Malandrino

Solo negli ultimi anni, attraverso linee economiche come Modern Player o edizioni speciali, sono uscite chitarre con il nome del modello “Marauder”. Tuttavia, nessuna delle ristampe è totalmente accurata rispetto alle specifiche delle due versioni originali. Pertanto, hanno diverse configurazioni di pickup. Quest’anno, il Custom Shop ha rianimato il Fender Marauder come parte delle versioni di Dream Factory, che presenta due pickup in stile Custom TV Jones.

Fender Electric XII

Fender Electric XII, destinato al folk rock, nonostante il suo fallimento, si possono ancora vedere chitarristi famosi usarlo.

La Fender Electric XII disegnata da Leo Fender, fu presentata al mercato nel 1965 e la sua commercializzazione avvenne tra il 1966 e il 1970. Questa chitarra a dodici corde era destinata al mercato dei chitarristi folk-rock.

Il suo corpo è simile ai modelli di chitarra Fender Jaguar e Jazzmaster. L’albero è chiamato “bastone da hockey” a causa della forma della paletta o paletta. È stato dotato di un design unico di quattro pickup single coil – single coil -. Per le corde utilizza un design attraverso il corpo simile a quello della Telecaster, per un miglior sustain. Il ponte ha singole selle o selle per ciascuna delle dodici corde, consentendo un’intonazione precisa, ottava o quintage.

Electric XII, l'offset a 12 corde.

La Fender Electric XII è stata un fallimento commerciale ed è stata sul mercato per meno di quattro anni. Anche così, è quello che è durato più a lungo della selezione che abbiamo fatto. Successivamente, i rimanenti corpi e accordatori furono usati per la Fender Custom, che fu anche commercializzata come Maverick.

Fender Maverick o Custom

Fender Maverick o Custom, una chitarra che è stata rilasciata per riciclare parti dell'Electrix XII.

Il Fender Maverick, in seguito chiamato Fender Custom, era un modello di brevissima durata rilasciato dalla CBS nel 1969. Il Fender Custom o Maverick è fondamentalmente un Fender Electric XII a sei corde. La Custom, come la Swinger, era un tentativo di vendere scorte di fabbrica inutilizzate di corpi e maniglie. La chitarra è stata realizzata con parti di chitarre Electric XII, inclusi corpo, manico, pickup e battipenna. È completato da ponti Fender Mustang, evidenziando lo spazio tra il ponte e il battipenna. Le lame sono dotate di dodici fori, motivo per cui la scatola dei pioli ha sei fori pieni e rivestiti.

Maverick o Custom che si sono rivelati uno dei fallimenti di Fender.

A differenza dello Swinger, il Custom è stato promosso e incluso negli opuscoli pubblicitari e di vendita. Tuttavia, è stato un fallimento.

Quest’anno 2020, Fender ha introdotto il Maverick Dorado come parte della sua serie Parallel Universe. Questa ricreazione sfoggia una tastiera in ebano con raggio di 9,5 “con 22 tasti jumbo medi, due humbucker FilterTron progettati da Tim Shaw e un ponte Adjust-O-Matic con vibrato Bigsby.

Fender swinger

Fender Swinger o Musiclander o Arrow, uno dei fallimenti di Fender.

La Fender Swinger, nota anche come Fender Musiclander e Fender Arrow, era un modello di chitarra elettrica di breve durata rilasciato nel 1969, con pochi esemplari prodotti. Lo Swinger era un tentativo della CBS, che aveva acquistato la società nel 1965, di estrarre denaro dall’inventario combinando corpi inutilizzati del Fender Bass V fallito con parti del Fender Musicmaster. Un altro utilizzo delle scorte in eccedenza era il Fender Custom, noto anche come Fender Maverick. La Swinger è stata commercializzata come un’altra chitarra più economica per studenti su scala ridotta.

Fender Swinger, dalla nuova edizione.

Il Fender Swinger e il Maverick o Custom, sono stati disegnati da Virgilio ‘Babe’ Simoni. Gli sviluppi per entrambi non sono stati realizzati dal dipartimento di ricerca e sviluppo di Fender. Della Fender Swinger sono state prodotte solo tra le 300 e le 600 unità.

Forse, è ingiusto includerlo nei fallimenti di Fender, dal momento che non è mai stato messo troppe aspettative; ma a nostro avviso soddisfa le condizioni per essere in questa lista.

Fender D’Aquisto

Fender D'Aquisto, un hollow-body per chitarristi jazz, uno dei fallimenti di Fender.

Il Fender D’Aquisto è stato rilasciato come il modello di punta della “Master Series” rilasciato nel 1984 da Fender Japan. Questa chitarra jazz archtop di fascia alta è stata progettata dall’acclamato liutaio James D’Aquisto e prodotta secondo i suoi rigorosi standard di qualità e specifiche in Giappone.

Con corpo cavo -hollow-body-, parte superiore, fondo e lati arcuati di acero -acero-. La parte superiore e inferiore sono legate in diversi strati. Con un unico taglio -solo-taglio-. Il manico è costituito da tre pezzi di acero con tastiera in palissandro. Intarsi rettangolari in madreperla -o intarsi-. La lunghezza della scala è 24,75 “e il raggio è 12”. Ha versioni di uno e due humbucker appositamente progettati. Ponte, cordiera e battipenna in palissandro

La D'Aquisto, chitarra Jazz Hollowbody, un modello di chitarra non associato alla tradizione Fender.

Sebbene sia un ottimo strumento, Fender non è mai stato un marchio da associare al jazz, quindi non è mai stato preso seriamente in considerazione dai chitarristi jazz. Ciò ha portato la chitarra Fender D’Aquisto a non avere un successo commerciale e l’abbiamo inclusa nell’elenco dei principali fallimenti Fender.

Fender Performer

Fender Performer, una chitarra futuristica che è stata un flop.

Il Fender Performer è stato rilasciato nel 1985 ed è stato realizzato in Giappone. La sua produzione fu sospesa solo un anno dopo.

Le sue caratteristiche principali sono un piccolo corpo con due corna. La tastiera in palissandro ha 24 tasti jumbo e dispone di corde di bloccaggio. Il ponte è un tremolo flottante System I. I controlli hanno impugnature in gomma inserite, i pioli sono a scatto e gli ingranaggi completamente chiusi.

Performer, un design futuristico e originale.

Entrambi i pickup sono humbucker con una chitarra dalla forma particolare, angolata e scala variabile. I controlli su Fender Performer sono una manopola del volume, una manopola del tono, un selettore a tre posizioni e un interruttore split o split della bobina.

Fender, nonostante tutta la sua storia, non è mai stata in grado di competere nel mercato Superstrats. Così facendo del futuristico Performer uno dei più importanti fallimenti di Fender.

Fender Katana

Fender Katana, prodotta in Giappone.

La Fender Katana è una chitarra elettrica progettata dal chief marketing officer dell’azienda, Dan Smith, nel 1985. La Katana è stata sviluppata per competere con le chitarre Flying V o “coda di squalo” dell’epoca, come le Jackson Randy Rhoads, e in risposta a una richiesta dei rivenditori Fender. La Fender Katana fu l’ennesimo fallimento del gigante della chitarra e fu interrotta l’anno dopo la sua uscita, nel 1986.

Katana, una chitarra dal look futuristico per competere nel mercato dell'heavy metal. Uno dei più grandi fallimenti di Fender.

La Katana ha un manico in acero incollato al corpo con tastiera in palissandro, intarsi o piccoli marcatori triangolari situati in uno degli angoli superiori dei tasti. Con una scala da 629 mm -24,75 “, 22 tasti, accordatore o regolazione del truss rod. È dotato di un ponte vibrato di bloccaggio a 2 punti System I con una morsa o un morsetto per corde sulla paletta. La paletta, seguendo l’estetica, ha una forma a punta di freccia e la configurazione è completata da due pickup humbucker -doppia bobina-.

La versione Squier della Katana con impugnatura imbullonata, pickup singolo e punti al posto dei triangoli.
La versione Squier della Katana

Come molti altri modelli fuori produzione, è stato ristampato con il marchio Squier e anche con edizioni speciali come un modello Masterbuilt Custom Shop che faceva parte della collezione Prestige. Ma senza dubbio, Fender non è mai stata in grado di penetrare nel mercato delle chitarre Heavy Metal, rendendo la Katana uno dei fallimenti di Fender.

Squier Venus di Fender

Squier Vista Venus co-progettato con Courtney Love.

Ci siamo permessi di includere uno Squier che attira l’attenzione e che è raro, lo Squier Vista Venus, noto anche come Fender Vista Venus. La Squier di Fender Vista Venus è una chitarra progettata in collaborazione con Courtney Love e pubblicata nel 1997, come strumento esclusivo, sotto la serie Vista. Al momento della sua uscita, Courtney Love e Bonnie Raitt erano le uniche due musiciste ad avere la propria chitarra.

Il suo design è una combinazione di diverse chitarre come la Mercury e la Rickenbacker, che gli conferisce un’estetica e uno stile diversi dalla Fender tradizionale. È stato rilasciato in due configurazioni, una a sei corde e l’altra a dodici, identificate come Squier Venus XII. I colori disponibili includono nero, sunburst e surf green.

Squier Vista Venus di Courtney Love, versione a dodici corde.

Il prezzo di vendita dello Squier di Fender Vista Venus era di $ 699,99 per la versione a sei corde. Sul lato Venus XII, veniva venduto per 999,99 dollari. Quindi, i prezzi di questa chitarra non erano economici per essere Squier. È stato sospeso alla fine del 1998, vale a dire l’anno successivo al suo lancio.

Shirley Manson di Garbage ha suonato dal vivo una Squier Venus rosa più volte. Anche Ryan Jarman della band britannica The Cribs, un amico di Courtney Love, ha utilizzato una Fender Vista Venus Surf Green come chitarra solista tra il 2011 e il 2015.

C’è un’altra chitarra che includeresti nei flop Fender? Lasciaci il tuo commento.

Puoi condividere opinioni o anche chattare su questo e altro con altri musicisti nella nostra sezione commenti.

Potresti anche essere interessato Fender vs Squier Stratocaster: differenze e caratteristiche.

Visite fender.com.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *