I 9 migliori consigli per migliorare il tuo suono con il tuo amplificatore

I 9 migliori consigli per migliorare il tuo suono con il tuo amplificatore
Comparte este artículo en

Questi 9 consigli per migliorare il tuo suono come chitarrista ti permetteranno anche di goderti il tuo amplificatore al massimo e tutte le sue possibilità.


Il nostro amplificatore come parte del nostro suono

Il nostro tono è un insieme di aspetti personali e soggettivi che costituiscono il nostro modo di suonare. Ciò include i nostri gusti musicali, le nostre risorse tecniche, gli stili di gioco e l’attrezzatura che utilizziamo.

In questa nota, copriamo tutti gli aspetti da considerare per migliorare il tuo suono e ottenere il massimo dal tuo amplificatore, il che ti aiuterà anche a tirare fuori il meglio di te stesso come chitarrista.


Come scegliere l’amplificatore per chitarra giusto?

La scelta dell’amplificatore non dovrebbe essere basata esclusivamente sull’audio del nostro chitarrista preferito o, se preferite, sul tono dell’amplificatore. Ci sono anche altri concetti che ti permetteranno di utilizzare un amplificatore con l’audio che stai cercando, e che dà il meglio per l’uso che gli dai. Non è lo stesso amplificatore di cui ha bisogno una persona che suona in casa, e di tanto in tanto prova con gli amici, come quella che suona ogni fine settimana in un posto diverso, o quella che gioca in grandi stadi e ha una squadra di persone che spostano tutta la tua attrezzatura.

Questa nota ti aiuterà a trovare ciò che dovresti considerare per scegliere l’attrezzatura giusta per le tue esigenze e gusti. Ciò ti consentirà di ottenere il suono migliore dal tuo amplificatore.


Per tutti i tipi di chitarristi e di qualsiasi livello

Questa nota sugli amplificatori per chitarra è per coloro che cercano di tirare fuori il meglio di loro come chitarristi, indipendentemente dal loro livello o stile. Come migliorare la tecnica e curare i piccoli dettagli. Come dare il meglio al tuo amplificatore.


9 suggerimenti per migliorare il tono del tuo amplificatore


Un amplificatore per te

Come abbiamo spiegato prima, è molto comune comprare l’amplificatore che usa il tuo chitarrista preferito -almeno della stessa marca-, o lo stesso che ha comprato un amico perché per lui era il migliore -ma quanti ne ha provati davvero? le persone, quello che hanno, è fantastico! -. Tuttavia, la cosa più importante è che questa apparecchiatura si adatti alle tue esigenze e circostanze. Ad esempio, potresti amare l’audio AC / DC, ma non è per questo che comprerai un Plexi, un amplificatore che ha bisogno di molto, molto volume per suonare come un disco, se finalmente stai per suonare nel tuo appartamento o appartamento.

Quindi la domanda di base è come e dove useremo il nostro amplificatore?

Se l’utilizzo è esclusivamente per uso domestico o per studio, non importa quanto lo vogliamo con tutta l’anima, sicuramente una valvola non si adatterà alle nostre esigenze. L’amplificatore digitale, tipo Yamaha THR o Adio Air GT -vedi la nostra guida ai migliori amplificatori digitali-.

Nel caso in cui si tratti di un amplificatore da utilizzare esclusivamente in sala prove, un amplificatore a valvole, indipendentemente dal suo peso – dato che non lo sposterete – sarà un’ottima opzione, ad esempio, il Vox AC30. Alcuni sono abbastanza fortunati da avere case grandi e avere la libertà di suonare a casa ad alto volume, un piccolo amplificatore a valvole può essere un’opzione, come il Vox AC10 o un Marshall DSL5R – guarda la nostra guida ai migliori amplificatori a basso wattaggio– .

Il problema, molte volte, è che l’uso che daremo all’amplificatore sarà vario, dallo studio a casa, alle prove una volta alla settimana e ogni tanto per suonare in locali piccoli o medi. È qui che devono essere prese in considerazione tutte le possibilità e le cose si complicano. Puoi optare per un amplificatore digitale ad alta potenza come il Fender Champion 100XL o utilizzare un tubo medio o grande che non pesa tonnellate e suona bene a bassi volumi come il Marshall DSL20 o DSL40.


Un amplificatore del tuo stile musicale

Un altro aspetto importante da tenere in considerazione è lo stile che giocheremo. Suonare il blues non è la stessa cosa che suonare il metal. Essere guidati dal riconoscimento della popolarità di una marca o un modello di chitarra o amplificatore senza considerare che tipo di audio ha o cosa può servirci è un grosso errore. Il caso non manca mai quando una persona che suona Hard Rock finisce il suo primo set valvolare, un Fender Deluxe Reverb o simili. Non importa quanti pedali di distorsione mettete su di esso, non suonerà mai come un Marshall JCM800 o un Mesa Boogie Dual Rectifier.

Per chi ha la musica come hobby ma suona stili diversi è interessante cercare un’attrezzatura versatile, lì niente di meglio di un amplificatore digitale. Un impianto digitale ha eccellenti emulazioni di amplificatori puliti di tipo Fender, crunch vintage come Marshall Plexi o Vox AC30, come audio ad alto guadagno come Marshall JCM800 o Mesa Boogie Dual Rectifier e altro ancora.

Amplificatori digitali, un'ottima scelta per uso domestico e altro ancora
Amplificatori digitali, un’ottima scelta per uso domestico e altro ancora


La giusta dimensione o potenza per il considerando

Sebbene si possa avere la logica che più grande è il recital, più grande è l’amplificatore necessario, questo non è proprio vero molto spesso. I piccoli concerti di solito sono in bar o pub senza microfonare, monitorare e dovrai dipendere dal tuo amplificatore.

A seconda dell’audio che stai cercando, una piccola attrezzatura può o non può essere conveniente, poiché il tuo volume dipenderà dalla tua attrezzatura. Se hai bisogno di pulizia, avrai bisogno di un amplificatore minimo da 30 watt. Ma se vuoi un audio molto marcio e saturo, uno da 15 o 18 watt può essere perfetto, per ottenere la pura saturazione valvolare dello stadio di potenza che ti darà tutte le sue armoniche ottenendo le migliori prestazioni del tuo amplificatore – punto dolce o punto debole -.

D’altra parte, in un posto grande con un buon PA, è già una storia diversa: il tecnico del suono limiterà sicuramente l’uso -volume- di un amplificatore da 30 watt o più. A sua volta, è possibile che il microfono e il monitoraggio ti consentano di utilizzare un amplificatore più piccolo a tuo piacimento e puoi impostarlo nel suo punto debole o punto debole.


Recital all’aperto e l’effetto vento o brezza

Quando si tratta di recital o festival all’aperto, grandi o piccoli, qualsiasi vento o brezza può influenzare fortemente il suono, portandolo dalla parte opposta a quella del pubblico. Pertanto, avrai bisogno di potenza extra. Pertanto, è meglio portare sempre l’amplificatore con la potenza più alta per avere un margine maggiore.

Pianifica bene l’attrezzatura per ogni occasione. Coordinati in anticipo con l’organizzatore o, se puoi meglio, con il tecnico del suono del luogo in cui suonerai. In questo modo, puoi migliorare il tuo suono come chitarrista grazie a un buon uso del tuo amplificatore.


L’importanza dell’altoparlante e del suo cabinet in tono

La scelta dell’altoparlante o dell’altoparlante e del relativo cabinet non solo influenzerà in modo significativo il tuo tono, ma anche il volume della tua configurazione. L’altoparlante è una parte estremamente importante del tono del tuo amplificatore. C’è un test fatto da uno YouTuber Johan Segeborn, che collega un Celestion Greenback vintage del 1970 a un economico impianto di prova a stato solido e mostra come il tono dell’amplificatore migliora notevolmente, assumendo quel carattere audio vintage dalla fine degli anni ’60 e ’70. Cerca un altoparlante che integri o bilanci l’audio della tua attrezzatura.

Guarda il video che riflette l’importanza del cabinet e del relatore:

Amplificatore Epiphone da 10 watt collegato a un cabinet Marshall del 1933 con Greenback del 1970.

In Guitarriego abbiamo fatto un test simile, per quanto riguarda il cabinet. Abbiamo preso un Vox AC4C1-12 e abbiamo inserito un Celestion V30, un G12H30 inglese e un Greenback G12M25, e sebbene ci siano stati cambiamenti, nessuno è stato notato rispetto all’utilizzo di una scatola Marshall Haze MHZ112 1×12 dotata di un Celestion Creamback. Solo con il cabinet più grande il carattere dell’amplificatore è cambiato, suonando più simile a un Vox AC15C2 con il quale lo abbiamo confrontato. Verifica dell’incidenza del Consiglio dei Ministri. In altre parole, sia l’altoparlante che il cabinet sono elementi fondamentali del tono e del carattere dell’amplificatore.

L’importanza dell’altoparlante e del suo cabinet in termini di volume e tono

Dall’altro c’è il fattore dell’efficienza del tuo altoparlante, fondamentale per ottenere un buon suono dal tuo amplificatore. Un altoparlante con una maggiore sensibilità o efficienza ti darà più decibel o volume con lo stesso amplificatore rispetto a quando ne usi uno meno efficiente. Se hai bisogno di più pulito, usa un altoparlante efficiente in modo da non richiedere così tanto dall’amplificatore. Lo stesso se hai un equipaggiamento a basso wattaggio, potresti aver bisogno di più volume per non essere coperto dal batterista, un altoparlante con più decibel ti darà un volume maggiore, permettendoti di usare un amplificatore con meno watt.

Al contrario, se vuoi ottenere toni saturi e sporchi, di tubi saturi e armoniche “urlanti”, metti al tuo amplificatore un altoparlante con minore efficienza, per raggiungere lo stesso volume, dovrai chiedere di più all’amplificatore, ottenendo una maggiore saturazione del palco. energia. In questo modo, puoi migliorare il tono del tuo amplificatore, a seconda di come lo usi.


Sensibilità o efficienza degli altoparlanti o degli altoparlanti della chitarra

A titolo indicativo, gli altoparlanti a bassa efficienza sono i Celestion Creamback G12M 65 e G12T-75 con 97 dB o il Greenback G12M o il V-Type con 98 dB. D’altra parte, hai intermedi con 100 dB come Celestion Creamback G12H 75 e Vintage 30 da 100 dB. Infine, i più efficienti sono alcuni Eminence come Wizard con 102,8 dB e The Governor con 102,3 dB.

Amplificatori per chitarra classici e popolari: Celestion, Jensen, Weber, WGS, Eminence
Amplificatori per chitarra classici e popolari: Celestion, Jensen, Weber, WGS, Eminence

Solo per poter visualizzare l’effetto dell’efficienza degli altoparlanti, un impianto da 50 watt con un altoparlante da 100 dB abbinerà un impianto da 100 watt con un altoparlante da 97 dB.

Nel caso in cui si dispone di un amplificatore di grandi dimensioni che necessita di volume per suonare bene o si sta cercando la saturazione dello stadio di uscita, utilizzare altoparlanti con 97 o 98 dB. Al contrario, se stai cercando di far funzionare la tua attrezzatura a bassi watt, ad esempio 10 o 15 watt, puoi optare per altoparlanti da 100 dB o più, per poterli utilizzare senza paura di perdere il volume.


Uso, distanza e altezza dell’amplificatore

Proprio come si gioca con le altezze dei pickup o dei pickup, il luogo in cui la corda attacca e la forza usata. Un esercizio simile dovrebbe essere fatto con il tuo amplificatore o cabinet.


Altezza ideale per amplificatori, cabinet o cabinet per altoparlanti

Non esiste un unico modo, è una questione di gusti. Alcuni chitarristi usano un supporto per avvicinare gli altoparlanti all’altezza della testa, usandoli come monitor. Altri musicisti preferiscono l’effetto booster o rinforzo sul basso che le squadre hanno sul palco.


Tipi di altoparlanti o cabinet

Ci sono musicisti che preferiscono l’acustica tridimensionale dei cabinet con schienale aperto; Altri preferiscono cabinet chiusi che mantengono i bassi nitidi e definiti e hanno un audio direzionale. 

Armadio Laney LT-112 equipaggiato con Celestion G12H30.
Armadio Laney LT-112 equipaggiato con Celestion G12H30.


Distanza armadio

Più l’onda sonora si allontana, meglio è e può ottenere un migliore mix nell’ambiente. È importante trovare il luogo perfetto in cui sia il chitarrista che il pubblico possano godersi uno spettacolo migliore.


Considerati parte di una band, non solo un chitarrista

Una questione chiave per migliorare il tuo suono usando il tuo amplificatore è tenere presente che ciò che suona bene a casa o in studio quando suoni da solo potrebbe non esserlo quando sei con la band. Un ottimo esempio è Brian May, il suo tono nei Queen è indiscutibile, ma sicuramente hai sentito una sua traccia da solo con la sua chitarra e hai detto “Come suona magro!”. Questa è la triste realtà, si diventa ossessionati dall’avere buoni “bassi”, cioè bassi, e poi arriva il tecnico del suono, e abbassa i bassi e i medio bassi in modo che la tua chitarra non si riempia di basso.

Video con la chitarra di Brian May su Bohemian Rhapsody

Qui puoi ascoltare l’audio della chitarra Red Special di Brian May solo su Bohemian Rhapsody su Queen:

https://youtu.be/wQ8v1IzRrPo
Audio della chitarra solo su Bohemian Rhapsody

Questo è particolarmente evidente se suoni in una band che ha un secondo chitarrista o tastierista. Può capitare di perdersi tra le altre frequenze medie e basse di altri strumenti. Non essere tentato di alzare il volume del tuo amplificatore in questa situazione. Pensa al mix generale, cerca la nicchia di frequenza in cui la tua chitarra deve distinguersi ed eccellere. Accentua le frequenze medio-alte o medio-alte, dove la chitarra elettrica ha il suo posto naturale.

In breve, il tuo set dovrebbe essere messo insieme in modo che si esibisca nel contesto della band, e non solo come suona quando sei da solo. L’amplificatore e tutti i componenti del tuo set devono essere equalizzati al volume e nel contesto della band.

Più suoni al volume della band con altri musicisti, meglio comprendi la chitarra, l’amplificatore e i pedali, migliore è il tuo ritmo e le tue sensazioni, e il risultato è un suono migliore.

EQ nel contesto della band, per migliorare il tuo suono con un buon uso del tuo amplificatore.
EQ nel contesto della band

Infine, quando possibile, cerca di ascoltare la band dalla posizione del pubblico, come se fossi uno di loro. Non andranno solo per te, ma per l’intera band. Assicurati che la band suoni bene, se lo fa, significa che stai suonando bene anche tu.


Equalizza il tuo amplificatore senza effetti

Anche se sembra fondamentale, per migliorare il tono del tuo amplificatore, è importante tenere presente che devi equalizzare dal tuo suono “base”. Quindi, adatterai il resto della tua configurazione per far crescere e perfezionare quel suono. Usa la chitarra con il pickup che usi di più per accogliere il tuo amplificatore.

Quindi, aggiungerai gli altri componenti, ad esempio, gli overdrive o le distorsioni e le modulazioni, se usi. Questi dovrebbero ospitare l’amplificatore. Nel caso delle chitarre, dovresti considerare che ogni chitarra potrebbe aver bisogno di una regolazione, ad esempio, potresti aver bisogno di un booster o di una riequalizzazione per quando passi da uno strumento con Humbucker a un altro con Singlecoils. Uno strumento eccellente per evitare di suonare l’amplificatore è usare un pedale equalizzatore per queste impostazioni. Dai un’occhiata alla nostra guida ai trucchi e agli usi dei pedali equalizzatore.


L’importanza di un buon microfono

Infine, sia dal vivo che in studio, un buon microfono è essenziale per ottenere un buon tono – consulta la nostra guida per microfonare amplificatori per chitarra. Si consiglia vivamente di avere il tuo, quello che ti dà il miglior risultato, e sapere come e dove trovarlo. Un cattivo microfono o una cattiva posizione possono rovinare tutti i tuoi sforzi precedenti per ottenere un buon tono come chitarrista. Pertanto, è importante che questo aspetto sia studiato e controllato.

Migliora il tono del tuo amplificatore e dell'intero set con un buon microfono.
Microfono amplificatore, essenziale per migliorare il tuo tono di chitarrista

Lo Shure SM57 è stato il microfono standard e universale per il live e lo studio per molti anni. È ottimo per catturare toni rock aggressivi, ma ci sono altre ottime opzioni sul mercato. In effetti, un microfono diverso potrebbe essere più adatto ai tuoi scopi. Considera anche di sperimentare con gli angoli e la vicinanza dei microfoni.

Dedica del tempo a trovare il microfono o i microfoni che raccolgono meglio il tuo tono.


Puoi condividere opinioni su come migliorare il tono del tuo amplificatore o parlare di questo e altro con altri musicisti nel nostro forum: https://guitarriego.com/foro/

Seguici anche su Instagram @guitarriego o Facebook: https://m.facebook.com/guitarriego/


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *