Epiphone Genesis, la figlia non riconosciuta della Les Paul

Epiphone Genesis, la figlia non riconosciuta della Les Paul
Comparte este artículo en

Epiphone Genesis è una chitarra che nel tempo è diventata un’icona “underground”, sebbene al momento del suo lancio non fosse un successo, negli anni è diventata una chitarra cult per gli amanti del Marchio Epiphone.

Di Intruder

Epiphone e le sue origini

Come tutti sappiamo oggi, Epiphone è il secondo marchio di Gibson e la qualità dei suoi strumenti è molto inferiore a quella della classica azienda americana, ma non è sempre stato così. Epiphone era una delle migliori società e principale concorrente di Gibson sulle chitarre Archtop.

Nel 1957 l’azienda fu acquistata da Gibson. Nonostante la linea attuale sia da “entry-level” a fascia media, ancora oggi il logo “Epiphone” conserva la mistica di un tempo in alcuni dei suoi modelli, e la Genesis è uno di questi, con una storia molto particolare.

Jim Walker, il padre dei Genesis

Il “Geni” è stato progettato da Jim Walker, che era un giovane costruttore per il marchio “boutique” Hamer.

Hamer, comparso sulla scena a metà degli anni ’70, si è distinto per la qualità superlativa dei suoi strumenti, rispetto alle nuove serie dei grandi marchi (Gibson e Fender) che erano diventate grandi fabbriche di serie, e parte dalla leggendaria qualità era caduta. Fender stava attraversando quella che oggi conosciamo come “l‘era CBS” e Gibson era immersa nell’era “Norlin“.

Contesto storico

Verso la metà degli anni ’70 la Les Paul aveva perso terreno nelle vendite ed era vista da molti chitarristi come una “vecchia” chitarra.

Hamer invece ha acquisito notorietà per la sua qualità, costruendo chitarre in a completamente fatto a mano, la sua clientela esclusiva erano musicisti rinomati, come i chitarristi dei Jetro Tull, The Police, Cheap Trick o lo stesso Gary Moore. Si può dire che Hamer è stato il motore del modello di business “Custom Shop” successivamente replicato sia da Gibson che da Fender.

Nel 1977 Gibson assume Jim Walker, il braccio destro del principale liutaio di Hamer, John Montgomery, e lo pone nella posizione di direttore marketing per Gibson Guitar Corporation e capo del design per la divisione Epiphone, che stava perdendo vendite da quando avevano trasferì la sua produzione in Giappone all’inizio degli anni ’70.

La missione di Walker era chiara, riposizionare Epiphone e competere e sconfiggere le repliche giapponesi che stavano invadendo il mercato americano oggi conosciute come “Cause” (Greco, Burny, Tokai, Aria, Ibanez, ecc.). Queste repliche di chitarre americane di altissima qualità e che nella loro serie più alta erano simili a quelle originali fatte dagli americani, ma con un prezzo molto più competitivo. In questo modo, non stavano solo rubando il mercato a Gibson, ma anche a Epiphone. Oggi queste vecchie chitarre giapponesi sono altamente collezionabili per valore storico e qualità costruttiva.

La nascita della Epiphone Genesis

Nasce così il progetto Epiphone Genesis come nuovo “inizio” per il marchio Epiphone e da qui il suo nome.

Epiphone Genesis 1980, prodotto a Taiwan
Epiphone Genesis 1980, prodotto a Taiwan

L’obiettivo era costruire una chitarra di qualità, potente e versatile che fosse la nuova ammiraglia del marchio Epiphone per competere mano nella mano con le repliche giapponesi della Les Paul. L’idea era quella di dare al consumatore americano una chitarra di qualità simile a un LP Gibson ma a metà prezzo in modo che si inclinasse verso un marchio americano classico e non una replica giapponese di Les Paul.

Proprio il design del Genesis è una “reinterpretazione” del “LP”, ma con leggere modifiche per renderlo più versatile, comodo e moderno, per “aggiornarlo” in qualche modo e battere così i giapponesi.

Prima produzione in Giappone

Sebbene il primo prototipo sia stato costruito da Jim Walker nel seminterrato di John Montgomery, l’intero processo di progettazione è stato supervisionato da Bruce Bolen, Chief Designer di Gibson, e l’idea era sempre quella di dare alla Genesis una personalità tutta sua. Questo prototipo è stato reso dagli ingegneri Gibson presso lo stabilimento di Kalamazoo e i disegni sono stati inviati in Giappone.

Le prime unità furono costruite in Giappone nel 1979 da Shiro Arai (Aria). A quel tempo Epiphone aveva la sua linea di produzione nell’ormai rinomato stabilimento di Matsumoku.

Epiphone Genesis 1979, prodotto in Giappone
Epiphone Genesis 1979, prodotto in Giappone

Successivamente, con la produzione in serie, è stato realizzato a Taiwan nella fabbrica della famosa azienda Pearl Drums. Alla fine del 1979 il colosso giapponese delle batterie aprì lo stabilimento più grande e moderno dell’Asia con tecnologia all’avanguardia portata interamente dal Giappone, dove in seguito sarebbe stata costruita la famosa serie di batterie Pearl Export.

Caratteristiche della chitarra

La Epiphone Genesis è una chitarra di eccellente qualità costruttiva e del suono e vanta uno straordinario sustain. Viene utilizzato per gli stili più diversi, dal Jazz, a qualsiasi stile Rock, fino all’Extreme Metal. È una chitarra che ha una fascia bassa profonda, cioè buone frequenze basse.

Les Paul vs Genesis
Gibson Les Paul contro Epiphone

I punti salienti del suo design sono il “Double Cutway” molto profondo, che facilita l’accesso ai tasti alti, ideale per gli assoli, il che significa un miglioramento del design classico della Les Paul, e ha anche un interruttore “Single Coil” che converte gli Humbucker in “semplice” dandogli un suono cristallino e pulito, qualcosa che a quel tempo era un’innovazione che nemmeno Gibson presentava, e questo significa maggiore versatilità.

Viene fornito con il rinomato ponte Tune-o-Matic ABR-1 in stile vintage, che viene imbullonato direttamente al cabinet, proprio come i primi Gibson.

È una chitarra pesante, come gli LP Gibson dell’epoca, circa 5 kg, ce l’ha Le spine e l’hardware Gotoh ei microfoni sono stati prodotti da Maxxon, azienda che in quei giorni realizzava anche microfoni per Ibanez Artist e Yamaha SG.

Il manico ha un profilo simile all’LP 59 sulle versioni giapponesi (1979) e uno stile più “60s” sulle versioni di produzione di massa realizzate da Epiphone presso lo stabilimento Pearl Drums di Taiwan, durante il 1980 e il 1981. 

Demo di un MIJ 1979 personalizzato (Made in Japan):

Modelli e qualità

La serie aveva tre modelli: Standard, Deluxe e Custom.

Epiphone Genesis Standard

È il modello base della linea. Legatura semplice sul coperchio, pennarelli / intarsi punti -punti-.

Epiphone Genesis Deluxe

È il modello intermedio. Legatura singola su tastiera e paletta / paletta, doppia balza / rilegatura sul davanti e sul retro del corpo e indici trapezoidali in madreperla.

Epiphone Genesis Custom 

Modello top di gamma. Triple Binding -7 strati- sulla parte superiore del corpo, Double Binding -5 strati- sul retro del corpo e sulla paletta e single binding (3 strati) sulla tastiera e tasti coronati a mano con
“Nibs”. Nel vano portaoggetti spiccano i pennarelli rettangolari in madreperla “Abalone dorato”.

Tutti e tre i modelli della linea Genesis: Standard Deluxe e Custom.
I tre modelli della linea Genesis

Finiture Geni

La Epiphone Genesis era disponibile in tre colori: Sunburst, Cherry e Black c’erano 3 versioni ufficiali di Sunburst. Tabacco Sunburst, Cherry Sunburst e Darksunburst. 

Ci sono pochissime unità Red Sunburst, che si ritiene siano forse alcuni dei primi prototipi realizzati in Giappone poiché quel colore non è mai entrato ufficialmente in produzione.

Breve periodo di produzione

Purtroppo questa bellissima chitarra è stata prodotta solo per 3 anni: 1979-1981. 

Nel 1983, a causa della famosa “crisi dello yen”, il rapporto yen / dollaro cambiò drasticamente e la sua produzione divenne estremamente costosa e dovette essere interrotta.

Questa crisi si è conclusa anche con la “Golden Age of Japanese Copies”, “Lawsuits” (1978/1982). Lentamente, la produzione di massa di marchi come Burny, Greco, Aria ecc., Stava diminuendo perché non potevano sostenere i prezzi bassi e l’alta qualità.

Geni News e Reissue

Oggi la Epiphone Genesis è una chitarra molto apprezzata per le sue prestazioni, il suono, la qualità della costruzione e dei materiali e il suo leggendario sustain. Per questo motivo, nel 2013 Epiphone ha rilasciato una ristampa limitata di sole 500 unità, ma ovviamente non si avvicinava affatto alla qualità della vecchia Epiphone Genesis “Vintage” della fine degli anni ’70.

Epiphone Genesis Reissue Deluxe Pro del 2013
Epiphone Genesis “Reissue” Deluxe Pro del 2013

Puoi anche leggere questo eccellente confronto tra Gibson Les Paul Standard e Epiphone Les Paul Standard.

Per ulteriori informazioni su Epiphone visita il loro sito web.


Comparte este artículo en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *